Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche una comune scarpa da ginnastica, munirsi di scarpe per bici vi aprirà le porte verso un nuovo mondo. Una calzatura più comoda e performante vi permetterà di pedalare con migliori risultati e per più tempo, favorendo anche un migliore recupero dallo sforzo. Ma come scegliere le scarpe bici adatte alle nostre esigenze e quali caratteristiche privilegiare?

Scarpe bici da corsa: quali scegliere, consigli

Scegliere una calzatura progettata per il ciclismo è ormai esigenza comune a tanti appassionati, indipendentemente dal numero di chilometri percorsi. Chi è solito utilizzare la propria auto anche nei weekend, non potrà non notare il crescente numero di cicloamatori e cicloturisti. A imperversare su strada sono soprattutto le bici da corsa, mezzi sui quali è impossibile andare senza le scarpe adatte. La peculiarità delle scarpe ciclismo è la presenza di una suola rigida, fondamentale per evitare dispersioni di energia e massimizzare il profitto della pedalata rappresentando il punto di forza impresso sul pedale dal ciclista. Oltre a quella in plastica o carbonio, le scarpe bici da corsa ne presentano una estraibile (in materiale sintetico). Completano la struttura la tomaia, il sistema di chiusura (lacci, lacci a velcro, leve micrometriche comunemente note come “cricchetto”) e la tacchetta dello sgancio rapido, ovvero la parte in plastica che si applica alla suola della scarpa e consente di sganciarla dal pedale. Prima di procedere all’acquisto occorre tenere bene a mente i seguenti suggerimenti:

  • Provare le scarpe prima di acquistarle. Può sembrare un’ovvietà, ma in un’epoca in cui spopolano gli acquisti online non lo è. Soprattutto se si tratta della prima volta che si indossano scarpe ciclismo, è fondamentale sentire come “stanno” sui nostri piedi. Mai comprare calzature di una misura più piccola di quelle che usiamo tradizionalmente per andare a passeggio. Il consiglio è quello di scegliere mezzo numero in più.
  • Scegliere le tacchette più adatte. Se siete alle prime armi non scoraggiatevi: a tutti (o quasi) è capitato di cadere la prima volta. Il sistema di sgancio rapido può infatti trasferire inizialmente un senso di insicurezza, ma ben presto capirete quanto sia fondamentale. Attenzione però alle tacchette che scegliamo. Mentre il funzionamento è quasi sempre lo stesso (bisogna premere il piede verso l’interno e far forza verso terra per agganciare la scarpa al pedale e spingere verso l’esterno per sganciarla), diverso è il “gioco” garantito al piede. In base al colore (di norma giallo, rosso o azzurro) le aziende prevedono tacchette più o meno rigide e che tengano il piede bloccato o più libero di muoversi. Scegliete in base al vostro modo di pedalare, ma tenete presenti anche eventuali infiammazioni o problemi agli arti di cui soffrite o per i quali siete soggetti.
  • Pensare al tipo di utilizzo della scarpa. Se uscite in bicicletta prevalentemente in estate, allora vi sarà utile comprare calzature tradizionali. Se invece pensate di allenarvi anche in inverno, non scartate a priori le scarpe invernali o “all season”. Il prezzo sale leggermente, ma potrebbe valerne la pena.
  • Abbinatele ai giusti copriscarpe. Ne esistono sia estivi che invernali. I secondi (ancora meglio se antivento e antipioggia) sono essenziali quando le temperature scendono al di sotto dei 10°C, quando è opportuno dotarsi anche di calze in lana merino per contrastare il freddo.

Una volta provveduto all’acquisto, il cui costo parte da un minimo di 50 euro e può superare anche i 400, non bisogna dimenticare due aspetti. Il primo è che le scarpe necessitano di un’adeguata pulizia. Il secondo è che la suola liscia non rappresenta il massimo del comfort per camminare, soprattutto a causa della tacchetta che viene applicata. Insomma: evitate, almeno le prime volte che le indossate, di scendere scale o camminare su terreni accidentati. L’effetto che avvertirete, e il rumore prodotto, è quello di avere ai piedi scarpe da ballo. Una volta scesi di sella potrete al massimo andare a prendere un caffè al bar o sgranchirvi le gambe, ma difficilmente vi sarà concessa una lunga passeggiata…

Le scarpe da ciclista rappresentano solo uno degli accessori fondamentali quando si è proprietari di una bicicletta. Serviranno a mettervi al riparo da problemi fisici legati al corretto posizionamento in sella e a una pedalata scomposta e vi proteggeranno in caso di maltempo. Alla protezione della vostre due ruote pensa invece in prima persona. Potrete farlo sul nostro sito sottoscrivendo la polizza Bicicover entro tre mesi dall’acquisto di una bicicletta, proteggendola così da ogni genere di inconveniente come il furto totale o parziale, i danni elettronici, i guasti, l’usura e gli eventuali atti vandalici.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Domiciliazione bollo auto: in quale regione, sconti

La domiciliazione bollo auto conviene? La tassa automobilistica, come noto, grava su tutti i proprietari di un veicolo indipendentemente dal suo utilizzo. L’imposta è infatti sul possesso del bene e il versamento è in favore delle Regioni. I modi per pagare bollo auto sono diversi, mentre alcune categorie possono beneficiare dell’esenzione parziale o totale. Quando

CONTINUA A LEGGERE

Concorso di colpa: a chi spetta pagare?

Guidare un’automobile significa essere al corrente dei rischi connessi. Il più diffuso tra questi è quello di incappare in un incidente stradale. Se l’assicurazione RC Auto, obbligatoria per legge, serve a coprire i danni cagionati dai sinistri, bisogna comunque saper distinguere i singoli casi. Chi paga in caso di concorso di colpa? Quali sono gli

CONTINUA A LEGGERE

Guida esperta, libera o esclusiva: quale formula scegliere?

La corretta scelta della formula di guida è uno dei modi più efficaci per risparmiare sulla assicurazione RC auto. Guida esperta, guida libera o guida esclusiva? A questa domanda sono chiamati a rispondere, almeno una volta nella vita, tutti gli automobilisti. Riconoscere le proprie abitudini permette di ottenere significativi sconti sulla polizza auto. Indicando chi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE

Furti in casa: le 5 cose da fare subito

Subire un furto in casa è una delle esperienze più spiacevoli e traumatiche che si possano vivere. Con i furti in casa, infatti, si subisce non solo un danno materiale ed economico conseguente alla sottrazione di oggetti e denaro, ma si fa esperienza di una vera e propria violazione di quello che è considerato il

CONTINUA A LEGGERE

Bollo moto 2020: scadenza, calcolo, dove pagare

Quando bisogna pagare il bollo moto 2020? Come si effettua il calcolo del bollo ed è possibile pagare bollo online? Queste sono solo alcune delle domande che ogni proprietario di un veicolo si pone. Scopriamo allora le scadenze e come fare la verifica bollo. Cos’è il bollo moto Il bollo moto 2020 è una tassa

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione neopatentati: 5 consigli per risparmiare

Come risparmiare sull’assicurazione neopatentati? La domanda se l’è posta ciascun automobilista almeno una volta nella vita. Dal maggiorenne che ha appena conseguito l’agognata patente al suo genitore, in tanti vanno a caccia delle migliori assicurazioni per neopatentati. Per capire come trovarle, occorre però uno sguardo d’insieme sulla questione. Neopatentato: durata, cos’è L’assicurazione neopatentati è quella

CONTINUA A LEGGERE