Rottamazione auto: dove, come e costi

Si ricorre alla rottamazione auto quando questa non è più in condizione di circolare su strada, non si riesce a trovare un nuovo acquirente o si vuole approfittare degli incentivi statali proposti periodicamente o delle varie iniziative delle case automobilistiche per l’acquisto di una nuova vettura.

Vediamo di seguito come procedere per rottamare un’auto e come bisogna comportarsi con la propria assicurazione.

Rottamazione auto: cos’è e come funziona

La rottamazione auto – ossia la demolizione di un veicolo – va effettuata rispettando determinate procedure. Qualora ci sia l’intenzione di acquistare un nuovo veicolo la rottamazione auto può essere presa in carico dalla concessionaria; in caso contrario bisogna rivolgersi a un centro autodemolizioni autorizzato.

Il primo passo da fare è quello di richiedere, online o all’Unità territoriale ACI – Pubblico Registro Automobilistico (PRA), una visura per accertarsi che sul veicolo non pendano provvedimenti come il fermo amministrativo. In questo caso infatti non potrà essere effettuata alcuna demolizione senza che sia stato cancellato il fermo regolarizzando le somme dovute al soggetto creditore.

Assieme al veicolo da rottamare vanno presentati anche: la targa, la carta di circolazione e il certificato di proprietà (o il foglio complementare). Qualora la targa o alcuni di questi documenti siano stati sottratti o smarriti va presentata, assieme al veicolo, anche la relativa denuncia precedentemente inoltrata agli organi di Pubblica Sicurezza.

Certificato di rottamazione: è importante conservarlo 

Una volta consegnata l’auto e tutti i documenti necessari, il concessionario o il centro autodemolizioni dovrà rilasciare al proprietario il certificato di rottamazione auto che attesta l’avvenuta consegna del veicolo e l’impegno di chi lo riceve a cancellare il mezzo dal PRA entro 30 giorni. È fondamentale conservare con cura (e per almeno 10 anni) questo documento che solleva il proprietario del veicolo da ogni responsabilità civile, penale e amministrativa.

Costi della rottamazione

La rottamazione dell’auto è una procedura piuttosto semplice e dal costo contenuto. La legge infatti prevede il pagamento di €13,50 per emolumenti ACI e di €32,00 per imposta di bollo (che aumenta a 48,00 nel caso in cui non si presenti il certificato di proprietà). Il costo della visura è invece di € 8,83.

Demolizione auto e assicurazione: cosa fare

Cosa succede all’assicurazione in caso di rottamazione auto? Se il veicolo viene rottamato senza che se ne acquisti contestualmente uno nuovo l’assicurazione può essere sospesa per un periodo esteso fino a 12 mesi. Se però si pensa di non riacquistare il veicolo per un periodo di tempo prolungato conviene richiedere il rimborso del premio e stipulare una polizza solo al momento dell’acquisto della nuova auto.

Se invece la rottamazione auto è contestuale all’acquisto di un nuovo veicolo il contraente ha diritto di richiedere alla compagnia il trasferimento della polizza sul nuovo mezzo mantenendo la propria classe di merito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE