Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

Il diritto di rivalsa delle assicurazioni è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il dolo del contraente o la cattiva condotta del conducente. Di norma, infatti, chi causa un incidente stradale ma rispetta le regole indicate nella polizza è tenuto a ricevere interamente l’indennizzo per i danni arrecati.

Come funziona la rivalsa Rc Auto

Il diritto di rivalsa Rc Auto in poche parole funziona così: dopo aver risarcito il danneggiato, la compagnia lo fa scattare facendosi indennizzare dal proprio cliente. Ciò a prescindere dal fatto che fosse lui alla guida o che avesse prestato l’auto. Alcune compagnie contemplano anche la clausola della rinuncia alla rivalsa a fronte di un ingente sovrapprezzo nel canone annuale, mentre altre suggeriscono di inserire clausole anti-rivalsa. Ma quali sono le condotte principali che favoriscono il ricorso e, quindi, obbligano l’automobilista a compartecipare l’indennizzo verso terzi?

Diritto di rivalsa: le violazioni che la fanno scattare

La violazione più comune è la guida in stato di ebbrezza. Tuttavia non è l’unica a determinare la rivalsa assicurazione anche se, affinché le compagnie possano avvalersene, devono sussistere requisiti certi.

  • Alcol. Rappresenta la causa più comune per la quale scatta la rivalsa. Per la guida in stato di ebbrezza esistono limiti noti: chi ha la patente da più di tre anni non può superare 0,5 g/l di alcol, mentre i neopatentati non possono bere sostanze alcoliche. Decisivo è però l’alcoltest effettuato dalle forze dell’ordine, in quanto rappresenta l’unica prova legale. Le misurazioni del tasso alcolemico avvengono a distanza di cinque minuti l’una dall’altra in caso di incidente, ma se il sinistro è grave possono comportare anche successivi esami del sangue in ospedale.
  • Uso di farmaci. Le medicine, specie se antidepressivi, sonniferi o ansiolitici, possono rientrare tra le sostanze psicotrope. Per la rivalsa la compagnia deve dimostrare che i farmaci hanno generato un profondo stato di affaticamento mentale o un colpo di sonno che ha causato il sinistro.
  • Droghe. In questo caso la rivalsa non scatta automaticamente dopo aver dimostrato la presenza di sostanze nel sangue. La compagnia deve infatti provare che la droga sia stata assunta poco prima di mettersi alla guida e che la sua assunzione abbia inciso sulla condotta.
  • Numero di passeggeri. Se nell’automobile ci sono più passeggeri rispetto al numero indicato nella carta di circolazione della stessa, si attiva automaticamente la rivalsa assicurativa.
  • Guida di un minore. Se questi sottrae indebitamente le chiavi dell’abitacolo al legittimo proprietario o se lo stesso glieli consegni in maniera autonoma, in caso di incidente la compagnia può rivalersi.
  • Guida inesperta. Questa condizione varia a seconda dei singoli contratti RCA. Alcuni prevedono che solo automobilisti “esperti”, ossia over 26 e con patente conseguita da più di due anni, possano guidare la vettura assicurata. Se si incorre in un incidente e viene a mancare uno dei due requisiti indicati nella polizza, la compagnia attiva la clausola.
  • Patente scaduta. A questa condizione è difficile sottrarsi. Se si è coinvolti in un sinistro e si viene beccati con il titolo di guida scaduto e non rinnovato, la rivalsa è sicura.
  • Revisione. Per ottenere l’indennizzo spettante l’automobile coinvolta in un incidente deve essere in regola. Se la vettura non è revisionata (la prima volta a quattro anni dall’immatricolazione e poi a cadenza biennale) non si sfugge al diritto di rivalsa.

Rinuncia alla rivalsa

Come abbiamo visto, tuttavia, è possibile effettuare la rinuncia rivalsa assicurativa, una soluzione che permette di evitare terremoti al portafogli davanti a situazioni del genere. In aggiunta esistono anche clausole più economiche, quali ad esempio quelle che non impediscono del tutto alla compagnia di farvi ricorso ma fissano un tetto massimo.

Se hai bisogno di saperne di più e di capire quale fa davvero al caso tuo, affidati a noi. Su Quale.it potrai confrontare le offerte online più competitive e scegliere quella che fa al caso tuo. Dopo aver inserito i dati del tuo veicolo e spuntato le tue preferenze, ti verrà restituito un preventivo gratuito. A quel punto avrai 60 giorni di tempo per valutarlo ancora e decidere se accettarlo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE