Rinnovo patente scaduta: cosa fare, documenti, costo

Come si rinnova la patente? Conoscere quando scade la patente è il primo passo. Saperlo non è difficile, ma non tutti lo ricordano. Per vedere la scadenza patente di guida basta verificare la data riportata al punto 4b nella parte anteriore della tessera rilasciata quando si consegue. Tra gli obblighi di ogni automobilista, oltre all’assicurazione auto, c’è quella di averla in corso di validità e con sé quando si guida. Dove si effettua il rinnovo patente scaduta?

Rinnovo patente di guida: la regola del compleanno

Per il rinnovo della patente vale la “regola del compleanno”, la stessa che si usa per la carta di identità. La scadenza patente coincide con la data di nascita dell’automobilista. I termini dipendono invece dal tipo di patente. Per la consegna del nuovo documento bisogna attendere mediamente 7-10 giorni. Bisogna sempre ricordare che il rinnovo patente scaduta è obbligatorio: girare senza fa incorrere in sanzioni, come previsto dal Codice della Strada.

Patente scaduta: sanzioni

La guida con patente scaduta si paga a caro prezzo. L’articolo 126 Codice della Strada stabilisce infatti le seguenti sanzioni:

  • Multa da 164 euro a 658 euro
  • Possibilità di ritiro della patente

Rinnovo patente B: periodo di tolleranza

L’estensione della validità della licenza di guida ha recentemente cambiato le sue regole. Fino a pochi anni fa il rinnovo patente scaduta dopo 3 anni obbligava a ripetere per intero il percorso iniziale: visita e superamento di esame teorico e pratico. Adesso basterà quasi sempre superare la visita medica per tornare a guidare dopo tre anni dalla scadenza. Riassumendo:

  • In caso di patente scaduta da meno di tre anni: autoscuole (con servizio agenzia di pratiche auto delegate al rinnovo), delegazioni territoriali ACI, Motorizzazione Civile e ASL sono gli enti da contattare per ottenere il rilascio, che avviene a seguito della visita medica da sostenere
  • Rinnovo patente scaduta da tre o più anni: l’iter da seguire è lo stesso, ma la Motorizzazione Civile può chiedere che il titolare sia nuovamente sottoposto anche agli esami teorico e pratico di guida

Per quanto riguarda le sanzioni relative alla guida con patente scaduta, non cambia nulla: sia che sia scaduta da due mesi o da cinque anni, valgono quelle sopra elencate.

Come rinnovare la patente scaduta

Per effettuare il rinnovo della patente è necessario sottoporsi a una visita medica che si può sostenere presso:

  • Medico della ASL
  • Ispettore medico del Ministero del Lavoro
  • Medico dei Vigili del Fuoco
  • Medico delle Ferrovie dello Stato

Il medico compila un modulo dopo aver accertato il possesso di tutti i requisiti psicofisici utili alla guida. I soggetti che hanno limitazioni del campo visivo (correggibili tramite lenti) devono presentare occhiali o lenti a contatto che utilizzano abitualmente. Il modulo rilasciato dal medico contiene:

  • Foto aggiornata del conducente del veicolo
  • Firma del conducente

Successivamente viene trasmesso alla Motorizzazione Civile. Inoltre il medico rilascia al titolare della patente una ricevuta comprensiva di estremi anagrafici e informazioni del conducente, nella quale viene indicata la nuova data di scadenza della patente. Questa ricevuta serve da patente provvisoria, in attesa che quella nuova venga recapitata presso il domicilio del titolare. La patente provvisoria è valida 60 giorni.

Documenti per rinnovo patente

Sia che si tratti del rinnovo patente scaduta o di un titolo di guida ancora in corso di validità, in occasione della visita medica il titolare della patente deve portare con sé:

  • Patente (scaduta o in scadenza)
  • Codice fiscale
  • Documento d’identità valido
  • Foto tessera
  • Ricevuta del pagamento dei diritti sanitari
  • Attestazione del versamento di 10,20 euro su conto corrente intestato al Ministero dei Trasporti
  • Attestazione del versamento di 16 euro su CC 4028

Rinnovo patente: quando fare

Il rinnovo patente dipende dall’età del titolare e dalla categoria della licenza di guida. Per quanto riguarda la patente B o A, si può procedere al rinnovo a partire dal quarto mese precedente alla scadenza. I termini sono i seguenti:

  • Ogni 10 anni fino ai 50 anni di età del titolare
  • Dopo 5 anni tra i 50 e i 70 anni di età del titolare
  • Ogni 3 anni tra i 70 e gli 80 anni di età
  • Ogni 2 anni oltre gli 80 anni

Rinnovo patente scaduta: costo

Il prezzo del rinnovo della patente dipende dalle scelte del titolare. A seconda della struttura individuata per effettuare la visita medica, infatti, si avrà un prezzo diverso. Oltre ai costi fissi elencati in precedenza, se si sceglie di affidarsi alla ASL si paga in media tra i 30 e i 50 euro. Leggermente meno si paga dal medico delle Ferrovie, mentre ACI e scuole guida hanno tariffe superiori.

Il rinnovo patente scaduta è indispensabile per viaggiare sicuri su strada. Un altro documento che bisogna sempre avere con sé e in regola è l’assicurazione auto. Se sta per scadere o si ha bisogno di cercare la migliore offerta polizza auto, basta visitare il nostro sito. Grazie a un comparatore semplice e intuitivo si disporrà con pochi click di un preventivo vantaggioso che si potrà valutare nei successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE