RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare?

Cos’è l’RC Auto familiare 2020

L’Rc Auto familiare amplia i benefici della Legge 40/2007 sul tema dell’ereditarietà della classe di merito. Il nuovo provvedimento permette ai membri di uno stesso nucleo familiare di ereditare la migliore classe di merito legata a un altro mezzo incluso nel parco veicolare di famiglia. La condizione per beneficiarne è che la proprietà del veicolo appartenga a un componente della stessa famiglia. Vediamo nel dettaglio cosa comporta l’introduzione della RC familiare.

1.     Come funziona

Il Bonus familiare della polizza auto si può applicare sia all’assicurazione auto che all’assicurazione moto. Non c’è bisogno che i veicoli appartengano alla stessa tipologia per disporre dell’agevolazione. La norma si applica ad ogni membro della famiglia, in caso di acquisto di un veicolo nuovo o usato. Per certificare l’appartenenza allo stesso nucleo familiare è utile presentare lo Stato di Famiglia, richiedibile presso l’Ufficio Anagrafe del comune di residenza. Lo Stato di Famiglia può essere rilasciato anche online o per posta fornendo i propri dati anagrafici.

2.     Quando entra in vigore

La Rc Auto familiare è in vigore dal 16 febbraio 2020. A partire da tale data, tutti i soggetti interessati possono avvalersi del provvedimento. Aumentano in questo modo le possibilità di ottenere sconti sulla polizza auto. La classe di merito più vantaggiosa si ottiene al momento dell’acquisto di una nuova polizza auto o moto o anche in caso di rinnovo della polizza stessa, ma a determinate condizioni.

3.     Differenze con la Legge Bersani

Proprio la possibilità di usufruirne in caso di rinnovi rappresenta una delle grandi differenze con la Legge Bersani assicurazione. Il Decreto Bersani, infatti, era rivolto esclusivamente alle nuove polizze. La Rca auto familiare amplia il raggio d’azione anche ai rinnovi, a condizione che non risultino incidenti con responsabilità esclusiva o principale o paritaria negli ultimi cinque anni, sulla base di quanto segnalato sull’attestato di rischio. L’altra sostanziale differenza riguarda invece la tipologia dei veicoli che possono usufruire dell’ereditarietà della classe di merito. Mentre nella Legge Bersani è possibile ereditare la CU solo da auto ad auto o da moto a moto, con la Rc familiare il privilegio si estende anche per tipologie differenti: da auto a moto e viceversa.

4.     Chi può usufruire e condizioni

A poter richiedere la RC Auto familiare è l’assicurato. Questa è poi rivolta anche ai membri del suo nucleo familiare. Per familiare convivente si intende un membro facente parte del medesimo Stato di Famiglia. Non sono previsti limiti di fruizione della Rc Familiare, a condizione di rispettare i requisiti richiesti. Nello specifico:

  • Proprietario del veicolo da assicurare e di quello da cui si desidera ereditare la classe di merito devono coincidere, oppure deve trattarsi di un familiare stabilmente convivente
  • L’intestatario del veicolo da assicurare deve essere una persona fisica
  • La classe di merito è trasferibile anche tra veicoli appartenenti a tipologie diverse
  • La polizza da cui si intende ereditare la classe di merito deve necessariamente essere attiva
  • Possono ereditare la classe di merito sia i veicoli che vengono assicurati per la prima volta all’interno dello stesso nucleo familiare che quelli già assicurati al momento del rinnovo della polizza in scadenza, purché non risultino dall’attestato di rischio dei sinistri occorsi nei 5 anni precedenti. Soddisfacendo questi requisiti è possibile beneficiare del Bonus Malus Familiare.

5.     Chi è escluso

Per quanto riguarda le esclusioni, invece, è utile ricordare che non può beneficiare della RC Auto familiare chi:

  • Non rientra nel nucleo familiare dell’assicurato
  • Ha provocato incidenti stradali con responsabilità principale, esclusiva o paritaria negli ultimi cinque anni
  • Intende beneficiare della classe di merito di un familiare deceduto. La normativa prevede infatti che la classe di merito sia ereditabile solo con assicurazione regolare e attiva al momento della richiesta
  • Le aziende, in quanto la Rc Auto familiare è applicabile solo per le persone fisiche
  • Non ha attiva la polizza nel momento in cui intende farla ereditare
  • Ha la polizza auto sospesa temporaneamente

Se non si soddisfano i seguenti requisiti non è possibile disporre dei vantaggi della RC Auto familiare. Per capire quanto risparmiare e come richiedere l’applicazione, visita il nostro sito. Usa il nostro comparatore per confrontare le offerte delle migliori compagnie assicurative online. Inserendo i tuoi dati e quelli relativi al tuo veicolo, riceverai subito gratuitamente le loro quotazioni. A quel punto non dovrai far altro che salvarle sul tuo pc e prenderti tutto il tempo per valutarlo. Dal momento della ricezione avrai infatti a disposizione ben 60 giorni per decidere se convalidare il preventivo o ripetere l’operazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è

CONTINUA A LEGGERE

Rinnovo patente dopo gli 80 anni: scadenze e limitazioni

Il rinnovo della patente di guida è un’operazione semplice che va effettuata a cadenze prestabilite. Ma ogni quanto si rinnova la patente? La scadenza patente dipende dall’età. Il rinnovo patente dopo 80 anni, ad esempio, segue delle regole ben precise. Scopriamo quali sono, qual è la procedura da seguire e quali documenti servono. Rinnovo patente

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE