Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria, dunque, è indispensabile riportare con sincerità le proprie abitudini di guida. Scopriamo quali sono le informazioni da inserire su un comparatore per calcolare e risparmiare sui preventivi assicurazione auto.

Confronto assicurazione auto: come fare

Per fare un preventivo assicurazione auto bisogna tenere a portata di mano pochi documenti:

  • Documento d’identità del contraente, per l’inserimento dei dati identificativi
  • Patente di guida del contraente
  • Libretto di circolazione, necessario per inserire i dati tecnici de veicolo e la sua targa
  • Attestato di rischio: per una stima esatta del prezzo da pagare, è indispensabile conoscere la posizione assicurativa del richiedente. Occorre dunque sapere la classe di merito universale del contraente, la scadenza della polizza attualmente in vigore e i sinistri in cui è incappato negli ultimi anni

Le informazioni che vengono richieste durante quando si genera un preventivo assicurazione auto online servono a definire il prezzo finale della polizza. Il comparatore di Quale.it permette di aggiungere le garanzie accessorie anche a seguito dell’elaborazione del preventivo auto. Le coperture accessorie servono ad arricchire la polizza responsabilità civile obbligatoria, con tutele che aumentano la copertura. Tra queste si segnalano l’assicurazione infortuni conducente, Kasko, tutela legale, Furto e Incendio e assistenza stradale.

Preventivi assicurazioni auto: quali dati inserire?

Un preventivo assicurazione auto è, in genere, una procedura che passa attraverso tre step. Il calcolo assicurazione si genera infatti inserendo dati anagrafici, dati del veicolo e dati assicurativi.

Dati anagrafici

Nella prima parte vanno inseriti tutte le informazioni relative al contraente della polizza. Nello specifico:

  • Genere
  • Persona fisica o giuridica
  • Luogo di nascita
  • Luogo e indirizzo di residenza
  • Presenza di figli minorenni
  • Stato civile
  • Titolo di studio
  • Professione del contraente
  • Coincidenza tra contraente e proprietario del veicolo
  • Coincidenza tra contraente e conducente abituale
  • Età del più giovane familiare convivente munito di patente

Tutte queste informazioni incidono sul prezzo della polizza. Le compagnie rilevano infatti differenze in base al comune di residenza e all’esperienza di guida del contraente.

Dati Veicolo

La prima operazione da compiere in questa fase è quella di inserire la targa del veicolo da assicurare. Una volta fatto bisognerà indicare:

  • Data di prima immatricolazione
  • Marca e modello del veicolo
  • Tipo di alimentazione
  • Cilindrata
  • Parcheggio dell’auto (strada, box privato, garage custodito, proprietà privata)
  • Presenza dell’antifurto
  • Utilizzo del veicolo
  • Km percorsi annualmente
  • Anno di acquisto del veicolo
  • Parco veicolare familiare (numero di veicoli posseduti)
  • Eventuale presenza del gancio traino

In questa fase è indispensabile essere a conoscenza delle informazioni relative al veicolo e riportarle correttamente. Potenza, cilindrata ed età dell’automobile influiscono sul premio finale. L’unione dei dati del veicolo e del contraente genera il livello di rischio. Le compagnie sfruttano tutti questi elementi per individuare l’affidabilità del conducente e associare un prezzo della polizza proporzionale.

Dati assicurativi

A questo punto si è pronti per l’ultima fase del preventivo assicurazione auto. Anche qui sono diversi i campi da compilare:

  • Data di avvio di copertura della polizza
  • Eventuale presenza di altri conducenti
  • Situazione assicurativa attuale del contraente (già assicurato, prima assicurazione per veicolo nuovo/usato)
  • Attuale compagnia assicurativa
  • Beneficio della Legge Bersani
  • Classe di merito di assegnazione
  • In quale anno è avvenuta la prima assicurazione
  • Sinistri occorsi negli ultimi cinque anni

Inoltre l’interessato è chiamato a segnalare eventuali multe ricevute, sospensioni o ritiri della patente. Queste informazioni sono presenti nell’attestato di rischio e sono utili per abbassare il prezzo. Come noto, infatti, in mancanza di sinistri si migliora la propria classe di merito. La presenza di familiari conviventi, inoltre, permette di beneficiare della Legge Bersani e di ottenere una CU migliore, a condizione che il veicolo appartenga alla stessa tipologia e in attesa di capire i contorni della RC Auto familiare. I dettagli conducente sono dunque fondamentali per avere un quadro completo, ricavabile dai dati inseriti. Giunti a questo punto basterà indicare nome e cognome del contraente, un suo indirizzo e-mail e un recapito telefonico per ricevere immediatamente un preventivo gratuito. Non va dimenticata, infine, la possibilità di aggiungere garanzie accessorie per disporre di una protezione ancora più completa in caso di incidenti.

Se devi sottoscrivere la prima assicurazione, la tua polizza sta per scadere o non sei soddisfatto dell’offerta attuale, affidati a noi. In pochi passaggi il nostro comparatore intuitivo ed efficace ti restituirà subito le quotazioni delle migliori assicurazioni auto online. Il preventivo gratuito resta valido per 60 giorni, durante i quali avrai modo di convalidarlo o ripetere l’operazione generandone uno nuovo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è

CONTINUA A LEGGERE

Rinnovo patente dopo gli 80 anni: scadenze e limitazioni

Il rinnovo della patente di guida è un’operazione semplice che va effettuata a cadenze prestabilite. Ma ogni quanto si rinnova la patente? La scadenza patente dipende dall’età. Il rinnovo patente dopo 80 anni, ad esempio, segue delle regole ben precise. Scopriamo quali sono, qual è la procedura da seguire e quali documenti servono. Rinnovo patente

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE