Pneumatici invernali vs gomme 4 stagioni: come scegliere e quali sono gli obblighi di legge

Pneumatici invernali o gomme quattro stagioni, questo è il dilemma. Sul mercato si trovano diversi modelli di pneumatici, a tutto vantaggio degli automobilisti. Quali scegliere per viaggiare sicuri? Prima di tutto occorre sapere che esistono degli obblighi legati al periodo dell’anno e che non tutte le gomme possono circolare per 365 giorni. Vediamo allora la differenza tra gomme invernali e gomme 4 stagioni, cosa prevede il Codice della Strada e come scegliere la mescola giusta.

Pneumatici termici o pneumatici all season? Ecco cosa dice la legge

Cosa si intende per pneumatici per tutte le stagioni e quanto bisogna montare le gomme termiche? Nonostante le norme siano ormai in vigore da anni, alcuni automobilisti fanno ancora confusione. Dal 15 novembre di ogni anno fino al 15 aprile dell’anno regola generale impone di montare gli pneumatici invernali. In alternativa bisogna avere le catene a bordo del proprio veicolo. La norma prevede che durante questo periodo si sia muniti di mezzi antisdrucciolevoli o di pneumatici invernali idonei alla marcia su ghiaccio o neve.

La deroga permette di installare gli stessi dispositivi da un mese prima dell’entrata in vigore (ovvero dal 15 ottobre) e di disinstallarli entro un mese successivo (15 maggio). Il Codice della Strada ha introdotto l’obbligo di gomme invernali su auto e mezzi pesanti, secondo quanto prescritto dall’art. 6 della legge 120/2010. Gli enti gestori delle singole tratte hanno facoltà di emettere ordinanze specifiche per decidere se imporre l’obbligo.

Multe e sanzioni accessorie

Circolare con i pneumatici invernali anche fuori stagione viene punito con una multa? Non sempre, a condizione che le ruote invernali abbiano un indice di velocità uguale a quelle estive. In alternativa bisogna montare gli pneumatici 4 stagioni, ovvero quelli che presentano la sigla “M+S” (dall’inglese “mud”, fango, e “snow”, neve) sul proprio battistrada. Chi non osserva queste disposizioni e dal 15 novembre non monta gomme invernali né ha a bordo le catene, è passibile di sanzioni amministrative. Girare con gomme sbagliate viene punito con una multa da 422 a 1.682 euro, il possibile ritiro della carta di circolazione e l’obbligo di visita e prova presso la più vicina sede della Motorizzazione Civile.

Pneumatici invernali: caratteristiche e costi

La scelta degli pneumatici da montare sulla propria automobile è soggettiva. Servendosi delle gomme all season si risparmia, ma in assoluto il doppio treno garantisce prestazioni migliori. Le caratteristiche principali degli pneumatici invernali sono elasticità e lamelle del battistrada. La prima garantisce una maggiore aderenza anche a basse temperature, mentre la seconda riguarda il disegno del battistrada. L’unione di queste due peculiarità migliora le prestazioni sulla neve e sul bagnato rispetto alle gomme multistagione.

Le gomme invernali sono assimilate dal Codice della Strada (art. 122) alle catene, il che significa che montandole si può transitare dove in genere è richiesto l’utilizzo delle catene. Un buon pneumatico invernale è quello che presenta il simbolo di un fiocco di neve racchiuso nel profilo di una montagna. Questo etichetta sta a significare che ha superato specifici test invernali. Per quanto riguarda il costo delle gomme termiche, si passa da circa 30 euro a pneumatico per i più economici fino a circa 90 per i top di gamma.

Pneumatici quattro stagioni: caratteristiche e costi

Riconoscere gli pneumatici quattro stagioni non è un’operazione difficile. Contrassegnati dalla suddetta sigla “M+S”, hanno un battistrada intermedio tra quello delle gomme invernali ed estive. I tasselli centrali risultano essere più lamellati, mentre le spalle sono più robuste. La mescola, invece, si avvicina per durezza a quella degli pneumatici invernali. Il costo di una gomma all season va da 40 ai 70 euro, ai quali bisogna aggiungere i costi di montaggio, convergenza ed equilibratura.

Pneumatici invernali o pneumatici 4 stagioni: come scegliere

A questo punto non resta che rispondere al quesito iniziale. La scelta tra pneumatici invernali e gomme quattro stagioni dipende da diversi fattori. A incidere maggiormente è la criticità delle condizioni invernali che si affrontano nel posto in cui si vive o si circola abitualmente. In assoluto, finanze personali permettendo, è sempre opportuno optare per il doppio set invernali + estive. Al netto del rispetto delle ordinanze locali, è consigliato passare alle gomme invernali in autunno inoltrato e tornare alle estive quando le temperature superano i 15°C. Utilizzare gli pneumatici invernali nei mesi caldi, a prescindere dall’indice di velocità, è spesso controproducente. Alle temperature elevate, infatti, le prestazioni degli pneumatici estivi risultano migliori, mentre il battistrada delle termiche si usura rapidamente.

Gomme quattro stagioni di buona qualità costituiscono invece un buon compromesso. Le loro prestazioni si rivelano discrete sulla neve – sia in accelerazione che in frenata -, mentre cedono qualcosa in condizioni di bagnato. Ad alte temperature, invece, gli pneumatici 4 stagioni non hanno prestazioni troppo distanti rispetto alle coperture specializzate.

Prima di accendere il motore e di scegliere le gomme giuste, ricorda di essere in regola con l’assicurazione auto. Se la tua polizza RC Auto non è attiva, sta per scadere o costa troppo, passa a trovarci. Confronta le offerte delle migliori compagnie online e trova quella giusta per te. Salva il preventivo gratuito sul tuo pc e decidi entro 60 giorni se convalidarlo o ripetere l’operazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE