Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di turno a condividere la carreggiata principale con gli altri veicoli presenti. Anche quando sono presenti, tuttavia, lasciano molti interrogativi che necessitano un ripasso del Codice della Strada. È obbligatorio percorrerle laddove siano presenti oppure si può scegliere arbitrariamente? Scopriamo i singoli casi.

Piste ciclabili obbligatorie: cosa dice il Codice della Strada

L’articolo 182 CdS, comma 9, indica che “i velocipedi devono transitare sulle piste loro riservate quando esistono, salvo il divieto per particolari categorie di essi, con le modalità stabilite nel regolamento”. Pertanto in presenza del segnale circolare con sfondo blu e disegno della bicicletta, chi si trova in sella deve obbligatoriamente percorrere la pista ciclabile e non la carreggiata, che resta riservata alla circolazione degli altri veicoli. Qualora sia vittima di un sinistro con un altro veicolo al di fuori della pista, la responsabilità sarà a lui attribuibile a condizione che la controparte dimostri prove. Nel momento in cui si incontra il nuovo cartello con la medesima immagine e una banda trasversale rossa, significa che il percorso riservato ai velocipedi è terminato. A questo punto i ciclisti devono tornare a circolare sulla carreggiata principale insieme agli altri veicoli.

Pista ciclabile contigua al marciapiede

Esiste un altro cartello, sempre circolare e su sfondo blu, in cui bicicletta e pedone sono affiancati e separati da una linea verticale bianca. Sta a indicare inizio o proseguimento di una corsia riservata ai velocipedi contigua e parallela a una marciapiede o a un percorso riservato ai pedoni. Anche in presenza di questo segnale i ciclisti sono obbligati ad utilizzare la pista ciclabile e non la carreggiata e in caso di sinistro su quest’ultima, saranno ritenuti colpevoli. Quando il segnale perde la sua efficacia, ovvero se ne incontra uno con la stessa immagine a una banda trasversale rossa, i ciclisti tornano a impegnare la carreggiata principale.

Percorso pedonale e ciclabile: niente obbligo per i ciclisti

Un terzo cartello circolare con sfondo blu vede un pedone posto in alto e la bicicletta sotto di lui, senza linee orizzontali a separarli. Questo segnale indica un percorso riservato promiscuamente a pedoni e velocipedi e non obbliga questi ultimi a utilizzare l’itinerario ciclopedonale. Come precisato dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture attraverso il prot. 4135 del 19 gennaio 2009, infatti: “L’art. 4 c. 5 del D.M. 30/11/1999 n. 557 “Regolamento per la definizione delle caratteristiche tecniche delle piste ciclabili” consente la realizzazione dei percorsi promiscui pedonali e ciclabili all’interno di parchi o di zone a traffico prevalentemente pedonale, ovvero su parti esterne alla carreggiata, delimitate e protette, destinate usualmente ai pedoni, qualora le stesse abbiano dimensioni insufficienti alla realizzazione di una pista ciclabile contigua al percorso pedonale, e sia necessario assicurare continuità alla rete di percorsi ciclabili programmati. Tale fattispecie non può considerarsi quale pista riservata alla circolazione dei velocipedi, secondo la definizione di cui all’art. 3, c. 1 n. 39 del Nuovo Codice della Strada (D.Lvo n. 285/1992), proprio perché ammette la circolazione promiscua di velocipedi e di pedoni. Pertanto, per essa, non sussiste l’obbligo di cui all’art. 182 c.9 del Codice. Tuttavia anche per essa vale il disposto di cui all’art. 4 c.3 lett. A) del D.M. n. 557/1999, che impone di tener presente, nella progettazione degli itinerari ciclabili, la regolarità delle superfici ciclabili”.

Pista ciclabile e stato di necessità

Esiste infine una seconda fattispecie che esonera i ciclisti dal percorrere le piste ciclabili loro riservate. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione chiamando in causa lo stato di necessità per infrazioni del Codice della Strada: “L’esclusione della responsabilità per violazioni amministrative derivante da “stato di necessità”, secondo la previsione della L. n. 689 del 1981, art. 4 postula, in applicazione degli artt. 54 e 59 c.p., che fissano i principi generali della materia, una effettiva situazione di pericolo imminente di danno grave alla persona, non altrimenti evitabile”. Se è dimostrabile che ci si è trovati ad impegnare la carreggiata principale a causa del fondo stradale della pista ciclabile, la multa non avrà valore. Altrimenti ci si troverà a pagare una sanzione amministrativa che va da 25 a 100 euro, come stabilito dal comma 10 dell’articolo 182.

Ora che hai capito come poterti muovere sulla pista ciclopedonale e su ogni percorso ciclabile che trovi sotto le tue ruote, completa il tuo bagaglio di sicurezza affidandoti a noi. Su Quale.it potrai infatti proteggerà la tua due ruote con Bicicover, la polizza sottoscrivibile entro tre mesi dall’acquisto della bici che ti offre una copertura totale per furto (totale o parziale), danni, atti vandalici, anomalie, usura e danni elettronici e guasti.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto Familiare: come funziona il Malus

La RC Auto Familiare è la novità più interessante del 2020 nel panorama delle assicurazioni. Pur non trattandosi di una nuova legge assicurazione auto, questo provvedimento amplia i benefici della Legge Bersani RCA sul fronte della classe di merito. Scopriamo come funziona la classe Bonus Malus della Rca familiare e quando scatta il Malus. Come

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE