Come fare il passaggio di proprietà per un’auto usata

Hai intenzione di acquistare un’auto e stai pensando all’usato? Ecco una breve guida con alcuni consigli per acquistare un’auto usata in tutta sicurezza e con un buon margine di risparmio.

Controlli da effettuare prima di acquistare un’auto usata

Quando si decide di acquistare un’auto usata è importante controllare lo stato effettivo della vettura ma anche che i documenti siano tutti in regola.

Il primo controllo fondamentale da effettuare è quindi quello relativo a targa, numero di telaio e motore: i dati presenti sui diversi pezzi meccanici devono essere uguali a quelli registrati sul libretto di circolazione. In caso contrario sono alte le probabilità che l’auto che state per acquistare sia rubata.

In secondo luogo è necessario controllare che il certificato di proprietà non riporti alcun pegno, sequestro o ipoteca; in questo caso infatti c’è il rischio che l’auto vi venga sequestrata poco dopo essere stata acquistata. La visura può essere effettuata negli archivi del PRA (Pubblico Registro Automobilistico) da qualsiasi cittadino e ha un costo variabile a seconda del canale utilizzato:

– € 6,00 se ci si reca direttamente agli uffici del PRA

– € 8, 81 nel caso di utilizzo di Visurenet (servizio online dell’ACI).

Dopo aver accertato la regolarità dei documenti effettuate una verifica anche sullo stato fisico e meccanico dell’auto. Prestate particolare attenzione a:

  • chilometraggio (spesso viene diminuito il numero dei km effettivamente percorsi dal veicolo)
  • tappezzeria
  • carrozzeria
  • usura del volante e delle gomme.

Ricordatevi poi di richiedere la documentazione relativa alla manutenzione e alla revisione dell’auto.

 

Come fare il passaggio di proprietà di un’auto usata e quali documenti presentare

Avete deciso: l’auto usata sulla quale avete effettuato i precedenti controlli è quella che fa per voi! Bene: è il momento di intraprendere l’iter per effettuare il passaggio di proprietà. Potrete effettuare la procedura personalmente oppure (alternativa più onerosa) rivolgervi a un’agenzia che si occupa di pratiche auto che lo farà al vostro posto.

Per registrare il passaggio di proprietà di un’auto usata dovete innanzitutto disporre di un atto di vendita che può anche essere rappresentato da una semplice dichiarazione sul retro del Certificato di Proprietà (cartaceo o digitale). La firma dovrà essere autenticata presso gli uffici comunali, uno studio notarile, studi di consulenza automobilistica o la Motorizzazione Civile. Al PRA questo servizio è gratuito se si esclude la marca da bollo da 16 euro; gli importi cambiano se ci si rivolge a un notaio.

Se venditore e acquirente si recano insieme al PRA per autenticare la firma, la pratica del passaggio di proprietà può essere presentata all’istante il che garantisce la certezza giuridica dell’aggiornamento dell’archivio del PRA.

Nel caso non fosse possibile la presenza di entrambi i soggetti coinvolti al momento dell’autentica della firma, la pratica del passaggio di proprietà potrà essere consegnata allo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA): il costo dovuto in questo caso è legato alle quote previste dalla legge per le pratiche automobilistiche.

Per il passaggio di proprietà vi serviranno i seguenti documenti:

  • atto di vendita
  • carta di circolazione
  • documento d’identità e codice fiscale del venditore e dell’acquirente
  • modulo TTT2119 (che serve per far aggiornare la carta di circolazione ed è reperibile presso tutti gli sportelli telematici dell’automobilista (STA).

Quanto costa il passaggio di proprietà?

Il passaggio di proprietà ha due tipi di costi: fissi e variabili.

La somma dei costi fissi è di € 85 circa ripartiti tra imposte di bollo, emolumenti ACI e diritti DT (Motorizzazione Civile).

I costi variabili invece dipendono dall’Imposta Provinciale di Trascrizione che è determinata dal tipo di veicolo e dalla provincia di residenza del venditore. Ogni provincia può inoltre decidere di apportare una maggiorazione fino al 30% all’Imposta Provinciale di Trascrizione.

E voi, quanto avete pagato per il vostro passaggio di proprietà?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE