Legge Bersani per i motocicli e ciclomotori

La legge Bersani consente a chi vuole stipulare un nuovo contratto assicurativo per un motociclo o un ciclomotore appena immatricolato di poter ereditare la classe di merito più conveniente relativa a un familiare o convivente, purché l’attestato di rischio non sia scaduto da oltre 5 anni.

La legge Bersani è applicabile alla stessa categoria di veicoli (motocicli con motocicli, ciclomotori con ciclomotori, auto con auto) e permette di assicurare anche con una compagnia diversa da quella del familiare convivente.

 

Come usufruire della Legge Bersani per l’assicurazione della moto

La possibilità di ereditare la classe di merito più favorevole deve essere richiesta esplicitamente al momento della stipula del nuovo contratto assicurativo in modo che compaia all’interno del certificato di attestazione di rischio. È necessario presentare lo Stato di Famiglia (documento attestante l’effettiva convivenza con il familiare dal quale si erediterà la classe di merito)  e il suo attestato di rischio. Non è invece obbligatorio che la compagnia assicurativa sia la medesima dell’intestatario.

Classe di merito: naturale o ereditata?

C’è da tener conto che il decreto Bersani lascia aperte alcune questioni che sono soggette a interpretazione. Alcune assicurazioni calcolano ad esempio come differenti le classi di merito naturali (ottenute cioè senza aver fatto incidenti) e quelle ereditate – se così si può dire – da un genitore, parente o convivente più virtuoso.

La legge di fatto non vieta di applicare prezzi differenti a queste due tipologie della stessa classe e quindi può capitare di dover pagare un prezzo più elevato anche se si è avvalsi della Legge Bersani per l’assicurazione della moto.

Se avete motocicli o ciclomotori da assicurare è bene dunque vedere le diverse proposte delle compagnie e richiedere un preventivo di assicurazione gratuito per la propria moto.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE