Le spie dell’auto: colori e significato

“Amore, si è accesa una spia sul cruscotto. Di che colore è? Rossa, amore. Aiuto, mi sta esplodendo la macchina?”.

A chi di noi (uomo o donna che sia) non è mai capitato di essere sconvolto psicologicamente da  una spia mai vista sul cruscotto, che lampeggia improvvisamente quando accendiamo l’auto? Conosciamo bene – purtroppo! – quella sensazione di disagio e smarrimento che ci coglie proprio nel momento in cui stiamo partendo per le ferie o quando stiamo andando al lavoro, comunque sempre quando l’auto ha un’importanza basilare… e non abbiamo proprio bisogno di spie accese!

Per una guida sicura, che si tratti di tragitti brevi o lunghi,è bene conoscere la propria autovettura e il significato delle relative spie per potere agire di conseguenza.

 

Le spie auto che possono illuminare il nostro cruscotto sono differenti e si contraddistinguono attraverso il colore per tipologia e importanza. Esistono quindi spie di colore rosso, verde, blu e giallo.SPIE VERDI – Le spie della macchina di colore verde identificano lo stato di funzionamento di sistemi di sicurezza e di aiuto alla guida. Se vedete una luce verde quindi non preoccupatevi. Un classico esempio di spia verde è la messa in funzione della freccia per svoltare. Ve ne eravate accorti, vero? 😉

SPIE BLU – La spia di colore blu, invece, è più rara. Può essere, per esempio, quella dei fari abbaglianti: ve li siete scordati accesi? Oppure quella che indica che il motore è freddo: non accelerate eccessivamente e permette all’auto di scaldarsi correttamente prima di chiederle prestazioni importanti. Le spie blu sul cruscotto insomma vi ricordano di prestare attenzione.

SPIE GIALLE – Tra le spie della nostra macchina, quelle di colore giallo sono riservate agli avvisi relativi al funzionamento di impianti di servizio, sistemi temporizzati o equipaggiamenti extra. Questa tipologia di spia cioè può indicare la presenza di avarie in questi impianti e quindi segnala un avviso importante che li riguarda. Ma anche una semplice situazione che li riguarda della quale il conducente dell’auto deve essere messo al corrente per la sua sicurezza e per quella della macchina che sta guidando. Banalmente, la spia gialla della benzina indica che questo impianto di servizio è in allarme perché, appunto, inizia a scarseggiare il carburante e, senza benzina, l’auto non funziona. Quindi questa spia vi ricorda di andare presto a far rifornimento. Cose banali, sicuramente, queste che riguardano la benzina. Ma “repetita iuvant” (ripetere fa bene) dicevano i latini.

SPIE ROSSE – Infine ci sono loro: le spie di colore rosso. Quelle che indicano una condizione di pericolo o, comunque, una situazione che obbliga il conducente dell’auto a stare molto attento, a prestare attenzione. In molti casi, la spia rossa impone il fermo immediato dell’auto per la vostra sicurezza stradale, per quella degli altri utenti della strada e per la macchina. Quindi, quando vedete accendersi una spia rossa state attenti e immediatamente pronti a intervenire.

Di seguito qualche esempio di spia:

  • Triangolo (rossa): sono le classiche “quattro frecce”, quelle che mettiamo quando in autostrada vediamo il formarsi di una coda o quando vogliamo lasciare la macchina in sosta per una brevissima durata. Se questa spia è accesa significa che all’esterno le altre auto e i passanti vedranno le quattro frecce accese sulla nostra macchina. La spia lampeggia e fa rumore.
  • Pompa di benzina (giallo): questa spia è quella che vediamo più spesso. La macchina è in riserva e occorre fare rifornimento. Quanta strada si può fare in riserva? Circa 40 km di media. Se la vostra auto è alimentata a gasolio, occorre fare attenzione: se rimanete completamente senza è necessario spurgare il filtro, altrimenti c’è il rischio di restare fermi anche dopo il rifornimento.
  • Temperatura dell’acqua (rossa): il liquido di raffreddamento del motore, per definizione, non deve essere eccessivamente caldo. Se si accende questa spia significa che è in corso un malfunzionamento dell’impianto di raffreddamento. Cosa fare, quindi? Spegnere subito il veicolo, attendere il raffreddamento e poi controllare il livello del liquido. Se quando riaccendete la macchina la spia è ancora lì a guardarvi, c’è solo una cosa da fare: chiamare il soccorso stradale.
  • Batteria (rossa): il generatore sta funzionando male e non sta caricando la batteria. Se questa spia rimane accesa dovete chiamare il carro attrezzi perché l’auto non si accende più (è brutale ma è così!).
  • Olio (rossa): significa che l’olio ha poca pressione. Dovete fermare subito il veicolo e controllare il livello dell’olio. Se quando riaccendete la macchina la spia è ancora accesa chiamate il soccorso stradale.
  • Freno a mano inserito (rossa): questa spia è rossa ma di fatto è la meno grave delle spie di pericolo. Vi sta semplicemente avvisando che il freno a mano è attivato e che è necessario levarlo per evitare di creare problemi all’impianto frenante, qualora vogliate mettere in moto l’autovettura. Se  invece la spia rimane accesa anche dopo aver disattivato il freno a mano è probabile che ci sia un problema ai freni (la mancanza di liquidi, per fare un esempio). Quindi? Andate immediatamente dal vostro meccanico di fiducia.
  • Pastiglie dei freni (rossa): questa spia indica che le pastiglie dei freni anteriori e posteriori si stanno pericolosamente usurando. La prima cosa da fare quindi è chiamare il soccorso stradale. Le autovetture più datate non hanno una specifica spia per questo malfunzionamento. Bensì, hanno una spia rossa con un punto esclamativo al suo interno. Quindi prestate attenzione.
  • Spia rossa, triangolo con punto esclamativo: questa spia indica un’avaria generica. In sostanza, è la vostra macchina che vi parla: c’è qualcosa che non va! Non viene specificato che cosa, ma è molto utile fare un controllo generico per garantirvi una guida sicura! E il prima possibile.

Naturalmente le spie delle auto non finiscono qui. Vi consigliamo perciò di tenere sempre a portata, nella vostra auto, il libretto di istruzioni per verificare il significato delle spie che non conoscete: in certe occasioni meglio controllare una volta in più ma evitare seccature!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa Il numero di targa è un codice alfanumerico prezioso per il controllo veicoli. Grazie ai moderni sistemi targa, infatti, si possono ricavare numerose informazioni sull’automezzo. Questa procedura non è soltanto appannaggio delle Forze dell’Ordine, ma è eseguibile anche dai privati. Come funziona il sistema Targa System

CONTINUA A LEGGERE

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona Tra le garanzie accessorie più comuni delle tradizionali RC Auto c’è la polizza cristalli. Si tratta di una particolare assicurazione che, senza costi aggiuntivi, permette di riparare o sostituire il parabrezza in caso di rottura o danneggiamento. Cos’è la polizza cristalli e come ottenere il risarcimento Spesso abbinata

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE