Classe di merito: tutto quello che c’è da sapere e che non avete mai osato chiedere

Hai dubbi su come si calcola la  classe di merito? Vuoi sapere quanto pagherai per l’assicurazione della tua auto? Di seguito cercheremo di chiarire l’argomento in maniera completa per permetterti di ottenere il meglio dalla tua assicurazione auto.

Che cos’è la classe di merito nelle assicurazioni?

Il sistema della classe di merito (detta anche classe di rischio) nelle polizze auto nasce nel 1969 e, da allora, resta praticamente invariato. Si tratta di un punteggio che si basa sul grado di attenzione e di prudenza dimostrato nel corso della propria storia assicurativa.

Quando si stipula una polizza auto o moto si è inseriti in una classe di merito (o di rischio) calcolata in base a dei parametri specifici quali:

  • Area geografica
  • Età
  • Anni dal conseguimento della patente
  • Tipologia di veicolo assicurato
  • Entità e frequenza degli incidenti

Le classi di merito assegnabili sono comprese in una scala da 1 a 18 (anche se alcune compagnie di assicurazioni hanno inserito delle classi intermedie come: 1A, 1B, etc.) mentre la classe d’ingresso per i nuovi assicurati corrisponde alla quattordicesima (con un costo più elevato di almeno il 50% rispetto alla prima). Più bassa è la classe di appartenenza, più sarà economico il premio assicurativo RC auto.

Per conoscere la propria classe di appartenenza basta controllare l’attestato di rischio del veicolo assicurato.

Cosa s’intende per Bonus/Malus?

Il Bonus/Malus è il sistema di assegnazione della classe di merito operato dalle compagnie assicurative , attraverso il quale è individuato il premio di polizza da pagare. Si ha una riduzione della classe se nel periodo di osservazione non si causano incidenti mentre in caso di sinistri aumenta sia la classe che il premio (malus). Ogni anno trascorso senza provocare sinistri dà quindi diritto al bonus dell’avanzamento di una classe mentre provocare due incidenti porta a retrocedere di 2 classi. In caso di malus il cambio di classe è comunicato dalla compagnia assicuratrice che ha accertato il danno avvenuto

Alcune compagnie permettono di conservare la propria classe di merito in caso di sinistro a patto che l’assicurato provveda al rimborso della somma che è stata liquidata al danneggiato dall’assicurazione. Altre Compagnie offrono la condizione di “Protezione del primo sinistro”, a fronte del pagamento di un sovrappremio al momento della stipulazione del contratto. Questa formula speciale permette di conservare la stessa classe di merito al primo rinnovo a condizione che nell’anno di osservazione non sia pervenuta più di una denuncia all’assicurazione.

 

Portabilità della classe di merito:

Introdotta dal Decreto Bersani, la portabilità della classe di merito prevede che una persona proprietaria di un’auto che acquisti un secondo veicolo possa beneficiare della stessa classe di merito maturata sul primo contratto.

Elenchiamo di seguito i casi in cui si ha diritto a mantenere la propria classe di merito:

  • Permuta di veicolo (a fronte della vendita del vecchio)
  • Rottamazione
  • Furto
  • Consegna in conto vendita (a patto che venga documentato)
  • Acquisto di un secondo veicolo
  • Incidenti stradali (solo se previsto dal contratto e con rimborso diretto)
  • Passaggio a una nuova compagnia di assicurazioni

Inoltre, se la nuova auto è acquistata da un familiare convivente, anche quest’ultimo può sottoscrivere l’assicurazione usufruendo della classe di merito del contraente . È da specificare che per familiari si devono intendere i parenti entro il 6° grado: chi vuole beneficiare della classe di merito dovrà presentare alle compagnie assicurative lo stato di famiglia e la copia della polizza auto del familiare convivente).

 

Qualche trucco per risparmiare sull’assicurazione dell’auto:

  • Con il Decreto Bersani se si effettua un passaggio di proprietà di un’auto nuova o usata si può usare la classe di merito più bassa di un compagno o familiare
  • La CU si può calcolare anche per le auto assicurate precedentemente con franchigia, facendo derivare la classe dalla storia assicurativa del cliente assicurato
  • Se si è possessori di motocicli e si vuole assicurare un’automobile, si può conservare la propria classe di merito
  • Se si cambia compagnia assicurativa si può mantenere la propria classe di appartenenza fino a 5 anni dalla scadenza del precedente contratto, ma solo se si dichiara di non aver circolato in questo periodo.

 

Come confrontare i preventivi RCA

Per effettuare un confronto sui prezzi dei preventivi di assicurazione di un’auto si fa riferimento alla CU ossia alla Classe di conversione Universale. Le compagnie sono obbligate a mettere a disposizione dei clienti una tabella di conversione in cui la classe contrattuale è affiancata alla corrispondente classe universale. Queste tabelle sono definite dall’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS) . Obiettivo di tale ente è quello di fornire un servizio di trasparenza ai consumatori facilitando la ricerca della tariffa migliore per la propria situazione assicurativa.

Il parametro “classe di merito” è fondamentale per poter compilare il nostro questionario e accedere in 3 minuti al miglior preventivo per l’assicurazione auto . Acquistare l’assicurazione auto online è facilissimo su Quale.it: basta avere davanti a sé l’attestato di rischio rilasciato ogni anno dalla propria compagnia assicurativa!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE