Classe di merito: tutto quello che c’è da sapere e che non avete mai osato chiedere

Hai dubbi su come si calcola la  classe di merito? Vuoi sapere quanto pagherai per l’assicurazione della tua auto? Di seguito cercheremo di chiarire l’argomento in maniera completa per permetterti di ottenere il meglio dalla tua assicurazione auto.

Che cos’è la classe di merito nelle assicurazioni?

Il sistema della classe di merito (detta anche classe di rischio) nelle polizze auto nasce nel 1969 e, da allora, resta praticamente invariato. Si tratta di un punteggio che si basa sul grado di attenzione e di prudenza dimostrato nel corso della propria storia assicurativa.

Quando si stipula una polizza auto o moto si è inseriti in una classe di merito (o di rischio) calcolata in base a dei parametri specifici quali:

  • Area geografica
  • Età
  • Anni dal conseguimento della patente
  • Tipologia di veicolo assicurato
  • Entità e frequenza degli incidenti

Le classi di merito assegnabili sono comprese in una scala da 1 a 18 (anche se alcune compagnie di assicurazioni hanno inserito delle classi intermedie come: 1A, 1B, etc.) mentre la classe d’ingresso per i nuovi assicurati corrisponde alla quattordicesima (con un costo più elevato di almeno il 50% rispetto alla prima). Più bassa è la classe di appartenenza, più sarà economico il premio assicurativo RC auto.

Per conoscere la propria classe di appartenenza basta controllare l’attestato di rischio del veicolo assicurato.

Cosa s’intende per Bonus/Malus?

Il Bonus/Malus è il sistema di assegnazione della classe di merito operato dalle compagnie assicurative , attraverso il quale è individuato il premio di polizza da pagare. Si ha una riduzione della classe se nel periodo di osservazione non si causano incidenti mentre in caso di sinistri aumenta sia la classe che il premio (malus). Ogni anno trascorso senza provocare sinistri dà quindi diritto al bonus dell’avanzamento di una classe mentre provocare due incidenti porta a retrocedere di 2 classi. In caso di malus il cambio di classe è comunicato dalla compagnia assicuratrice che ha accertato il danno avvenuto

Alcune compagnie permettono di conservare la propria classe di merito in caso di sinistro a patto che l’assicurato provveda al rimborso della somma che è stata liquidata al danneggiato dall’assicurazione. Altre Compagnie offrono la condizione di “Protezione del primo sinistro”, a fronte del pagamento di un sovrappremio al momento della stipulazione del contratto. Questa formula speciale permette di conservare la stessa classe di merito al primo rinnovo a condizione che nell’anno di osservazione non sia pervenuta più di una denuncia all’assicurazione.

 

Portabilità della classe di merito:

Introdotta dal Decreto Bersani, la portabilità della classe di merito prevede che una persona proprietaria di un’auto che acquisti un secondo veicolo possa beneficiare della stessa classe di merito maturata sul primo contratto.

Elenchiamo di seguito i casi in cui si ha diritto a mantenere la propria classe di merito:

  • Permuta di veicolo (a fronte della vendita del vecchio)
  • Rottamazione
  • Furto
  • Consegna in conto vendita (a patto che venga documentato)
  • Acquisto di un secondo veicolo
  • Incidenti stradali (solo se previsto dal contratto e con rimborso diretto)
  • Passaggio a una nuova compagnia di assicurazioni

Inoltre, se la nuova auto è acquistata da un familiare convivente, anche quest’ultimo può sottoscrivere l’assicurazione usufruendo della classe di merito del contraente . È da specificare che per familiari si devono intendere i parenti entro il 6° grado: chi vuole beneficiare della classe di merito dovrà presentare alle compagnie assicurative lo stato di famiglia e la copia della polizza auto del familiare convivente).

 

Qualche trucco per risparmiare sull’assicurazione dell’auto:

  • Con il Decreto Bersani se si effettua un passaggio di proprietà di un’auto nuova o usata si può usare la classe di merito più bassa di un compagno o familiare
  • La CU si può calcolare anche per le auto assicurate precedentemente con franchigia, facendo derivare la classe dalla storia assicurativa del cliente assicurato
  • Se si è possessori di motocicli e si vuole assicurare un’automobile, si può conservare la propria classe di merito
  • Se si cambia compagnia assicurativa si può mantenere la propria classe di appartenenza fino a 5 anni dalla scadenza del precedente contratto, ma solo se si dichiara di non aver circolato in questo periodo.

 

Come confrontare i preventivi RCA

Per effettuare un confronto sui prezzi dei preventivi di assicurazione di un’auto si fa riferimento alla CU ossia alla Classe di conversione Universale. Le compagnie sono obbligate a mettere a disposizione dei clienti una tabella di conversione in cui la classe contrattuale è affiancata alla corrispondente classe universale. Queste tabelle sono definite dall’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS) . Obiettivo di tale ente è quello di fornire un servizio di trasparenza ai consumatori facilitando la ricerca della tariffa migliore per la propria situazione assicurativa.

Il parametro “classe di merito” è fondamentale per poter compilare il nostro questionario e accedere in 3 minuti al miglior preventivo per l’assicurazione auto . Acquistare l’assicurazione auto online è facilissimo su Quale.it: basta avere davanti a sé l’attestato di rischio rilasciato ogni anno dalla propria compagnia assicurativa!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE