Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal quale siano derivati danni ai veicoli coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato”. Quali sono però le regole e le esclusioni per beneficiare dell’indennizzo diretto? Quando si applica questa norma e quali sono i tempi per ottenere il risarcimento diretto sinistro?

Indennizzo diretto: come ottenere

L’indennizzo diretto prevede che a corrispondere la liquidazione assicurazione sia la propria compagnia e non quella della controparte. La richiesta risarcimento danni sinistro va dunque effettuata alla compagnia con la quale si è assicurati. La prima condizione affinché ciò avvenga è che la compagnia aderisca alla C.A.R.D., ossia alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto. Qualora non sussista la condizione di Card assicurazioni oppure i casi non rientrino tra quelli applicabili, bisogna rivolgersi alla controparte.

Indennizzo diretto: quando si applica

Per ottenere il risarcimento diretto assicurazione devono sussistere diverse condizioni. Come abbiamo visto finora, a poter richiedere l’indennizzo diretto è il soggetto danneggiato che si ritiene non responsabile (in tutto o in parte). Questi può richiedere la liquidazione del danno direttamente alla propria compagnia assicurativa in caso di:

  • Adesione alla C.A.R.D. della compagnia assicurativa con la quale è assicurato
  • Veicoli a motore, identificati e assicurati RCA, immatricolati in Italia, a Città del Vaticano o nella Repubblica di San Marino
  • Incidenti tra due veicoli senza coinvolgimento di altri veicoli responsabili, avvenuti in Italia, a Città del Vaticano o nella Repubblica di San Marino

Sono automaticamente esclusi dalla possibilità di ricevere l’indennizzo diretto, come spiegato anche dall’art 149 codice delle assicurazioni, tutti gli altri casi possibili.

Indennizzo diretto: quali danni copre

L’indennizzo diretto esclusione si applica quindi in una vasta serie di ipotesi, a partire da tutti quelli in cui non si può applicare la CARD. Ad esempio se non c’è collisione tra veicoli o se l’incidente coinvolge più di due veicoli, incluso quello del danneggiato, non è possibile beneficiare del risarcimento diretto. Quali danni copre, invece, questa norma? A differenza di quanto avviene con il risarcimento ordinario, ovvero quello che si chiede alla compagnia assicurativa della controparte, l’indennizzo diretto copre soltanto i danni:

  • Al veicolo
  • Alle cose trasportate di proprietà del soggetto assicurato o del conducente
  • Le lesioni personali al conducente, di entità inferiore o uguale al 9% di invalidità biologica permanente

Per quanto riguarda l’ammontare dell’importo liquidato, invece, non esiste una cifra standard. Il rimborso varia in base alla richiesta di risarcimento presentata e all’offerta fatta dalla compagnia assicurativa. Non esiste quindi una differenza legata alla modalità di risarcimento: l’importo ricevuto non dipende dalla richiesta ordinaria o diretta.

Indennizzo diretto: come richiedere

La richiesta per l’indennizzo diretto va obbligatoriamente presentata alla propria compagnia assicurativa. Questa deve contenere le seguenti informazioni:

  • Dati identificativi (nome e cognome) degli assicurati coinvolti
  • Targhe di entrambi i veicoli coinvolti
  • Dati delle compagnie assicurative dei soggetti coinvolti
  • Descrizione dettagliata di circostanze e modalità del sinistro
  • Verbale di intervento (eventuale) delle autorità
  • Luogo, data e ora per la perizia sulle cose danneggiate

Soltanto in caso di lesioni personali, vanno allegati anche codice fiscale, età, attività e reddito del danneggiato e tutte le indicazioni relative alle lesioni: entità, attestazione medica di avvenuta guarigione, eventuali consulenze medico-legali e relativi costi.

Tempi

Entro quanto tempo si riceve l’indennizzo diretto? La data di corresponsione dipende dalla gravità del sinistro. In ogni caso la compagnia è tenuta a presentare un’offerta congrua ai danni riportati dal veicolo e dalle cose. Deve presentarla entro 30 giorni soltanto se il modulo CAI è stato sottoscritto da ambedue i conducenti, altrimenti è tenuta a farlo entro 60 giorni. Qualora siano presenti anche lesioni personali, invece, i tempi si allungano fino a 90 giorni.

Ovviamente l’indennizzo diretto rappresenta una formula per semplificare la procedura per ottenere il risarcimento, in quanto snellisce tempi e modalità di liquidazione del sinistro. Per far sì che questa procedura speciale vada a buon fine, è fondamentale essere in regola con la propria assicurazione auto. Se la tua polizza RC Auto sta per scadere, se intendi cambiarla o sottoscrivere la prima, affidati al nostro comparatore. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e quelli del veicolo che intendi assicurare, per ricevere subito le quotazioni delle migliori compagnie assicurazione auto online. Salva il preventivo gratuito e analizzalo in tutta tranquillità: hai infatti a disposizione 60 giorni di tempo per decidere se accettarlo oppure ottenere una nuova quotazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE