Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal quale siano derivati danni ai veicoli coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato”. Quali sono però le regole e le esclusioni per beneficiare dell’indennizzo diretto? Quando si applica questa norma e quali sono i tempi per ottenere il risarcimento diretto sinistro?

Indennizzo diretto: come ottenere

L’indennizzo diretto prevede che a corrispondere la liquidazione assicurazione sia la propria compagnia e non quella della controparte. La richiesta risarcimento danni sinistro va dunque effettuata alla compagnia con la quale si è assicurati. La prima condizione affinché ciò avvenga è che la compagnia aderisca alla C.A.R.D., ossia alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto. Qualora non sussista la condizione di Card assicurazioni oppure i casi non rientrino tra quelli applicabili, bisogna rivolgersi alla controparte.

Indennizzo diretto: quando si applica

Per ottenere il risarcimento diretto assicurazione devono sussistere diverse condizioni. Come abbiamo visto finora, a poter richiedere l’indennizzo diretto è il soggetto danneggiato che si ritiene non responsabile (in tutto o in parte). Questi può richiedere la liquidazione del danno direttamente alla propria compagnia assicurativa in caso di:

  • Adesione alla C.A.R.D. della compagnia assicurativa con la quale è assicurato
  • Veicoli a motore, identificati e assicurati RCA, immatricolati in Italia, a Città del Vaticano o nella Repubblica di San Marino
  • Incidenti tra due veicoli senza coinvolgimento di altri veicoli responsabili, avvenuti in Italia, a Città del Vaticano o nella Repubblica di San Marino

Sono automaticamente esclusi dalla possibilità di ricevere l’indennizzo diretto, come spiegato anche dall’art 149 codice delle assicurazioni, tutti gli altri casi possibili.

Indennizzo diretto: quali danni copre

L’indennizzo diretto esclusione si applica quindi in una vasta serie di ipotesi, a partire da tutti quelli in cui non si può applicare la CARD. Ad esempio se non c’è collisione tra veicoli o se l’incidente coinvolge più di due veicoli, incluso quello del danneggiato, non è possibile beneficiare del risarcimento diretto. Quali danni copre, invece, questa norma? A differenza di quanto avviene con il risarcimento ordinario, ovvero quello che si chiede alla compagnia assicurativa della controparte, l’indennizzo diretto copre soltanto i danni:

  • Al veicolo
  • Alle cose trasportate di proprietà del soggetto assicurato o del conducente
  • Le lesioni personali al conducente, di entità inferiore o uguale al 9% di invalidità biologica permanente

Per quanto riguarda l’ammontare dell’importo liquidato, invece, non esiste una cifra standard. Il rimborso varia in base alla richiesta di risarcimento presentata e all’offerta fatta dalla compagnia assicurativa. Non esiste quindi una differenza legata alla modalità di risarcimento: l’importo ricevuto non dipende dalla richiesta ordinaria o diretta.

Indennizzo diretto: come richiedere

La richiesta per l’indennizzo diretto va obbligatoriamente presentata alla propria compagnia assicurativa. Questa deve contenere le seguenti informazioni:

  • Dati identificativi (nome e cognome) degli assicurati coinvolti
  • Targhe di entrambi i veicoli coinvolti
  • Dati delle compagnie assicurative dei soggetti coinvolti
  • Descrizione dettagliata di circostanze e modalità del sinistro
  • Verbale di intervento (eventuale) delle autorità
  • Luogo, data e ora per la perizia sulle cose danneggiate

Soltanto in caso di lesioni personali, vanno allegati anche codice fiscale, età, attività e reddito del danneggiato e tutte le indicazioni relative alle lesioni: entità, attestazione medica di avvenuta guarigione, eventuali consulenze medico-legali e relativi costi.

Tempi

Entro quanto tempo si riceve l’indennizzo diretto? La data di corresponsione dipende dalla gravità del sinistro. In ogni caso la compagnia è tenuta a presentare un’offerta congrua ai danni riportati dal veicolo e dalle cose. Deve presentarla entro 30 giorni soltanto se il modulo CAI è stato sottoscritto da ambedue i conducenti, altrimenti è tenuta a farlo entro 60 giorni. Qualora siano presenti anche lesioni personali, invece, i tempi si allungano fino a 90 giorni.

Ovviamente l’indennizzo diretto rappresenta una formula per semplificare la procedura per ottenere il risarcimento, in quanto snellisce tempi e modalità di liquidazione del sinistro. Per far sì che questa procedura speciale vada a buon fine, è fondamentale essere in regola con la propria assicurazione auto. Se la tua polizza RC Auto sta per scadere, se intendi cambiarla o sottoscrivere la prima, affidati al nostro comparatore. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e quelli del veicolo che intendi assicurare, per ricevere subito le quotazioni delle migliori compagnie assicurazione auto online. Salva il preventivo gratuito e analizzalo in tutta tranquillità: hai infatti a disposizione 60 giorni di tempo per decidere se accettarlo oppure ottenere una nuova quotazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è

CONTINUA A LEGGERE

Rinnovo patente dopo gli 80 anni: scadenze e limitazioni

Il rinnovo della patente di guida è un’operazione semplice che va effettuata a cadenze prestabilite. Ma ogni quanto si rinnova la patente? La scadenza patente dipende dall’età. Il rinnovo patente dopo 80 anni, ad esempio, segue delle regole ben precise. Scopriamo quali sono, qual è la procedura da seguire e quali documenti servono. Rinnovo patente

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE