Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal quale siano derivati danni ai veicoli coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato”. Quali sono però le regole e le esclusioni per beneficiare dell’indennizzo diretto? Quando si applica questa norma e quali sono i tempi per ottenere il risarcimento diretto sinistro?

Indennizzo diretto: come ottenere

L’indennizzo diretto prevede che a corrispondere la liquidazione assicurazione sia la propria compagnia e non quella della controparte. La richiesta risarcimento danni sinistro va dunque effettuata alla compagnia con la quale si è assicurati. La prima condizione affinché ciò avvenga è che la compagnia aderisca alla C.A.R.D., ossia alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto. Qualora non sussista la condizione di Card assicurazioni oppure i casi non rientrino tra quelli applicabili, bisogna rivolgersi alla controparte.

Indennizzo diretto: quando si applica

Per ottenere il risarcimento diretto assicurazione devono sussistere diverse condizioni. Come abbiamo visto finora, a poter richiedere l’indennizzo diretto è il soggetto danneggiato che si ritiene non responsabile (in tutto o in parte). Questi può richiedere la liquidazione del danno direttamente alla propria compagnia assicurativa in caso di:

  • Adesione alla C.A.R.D. della compagnia assicurativa con la quale è assicurato
  • Veicoli a motore, identificati e assicurati RCA, immatricolati in Italia, a Città del Vaticano o nella Repubblica di San Marino
  • Incidenti tra due veicoli senza coinvolgimento di altri veicoli responsabili, avvenuti in Italia, a Città del Vaticano o nella Repubblica di San Marino

Sono automaticamente esclusi dalla possibilità di ricevere l’indennizzo diretto, come spiegato anche dall’art 149 codice delle assicurazioni, tutti gli altri casi possibili.

Indennizzo diretto: quali danni copre

L’indennizzo diretto esclusione si applica quindi in una vasta serie di ipotesi, a partire da tutti quelli in cui non si può applicare la CARD. Ad esempio se non c’è collisione tra veicoli o se l’incidente coinvolge più di due veicoli, incluso quello del danneggiato, non è possibile beneficiare del risarcimento diretto. Quali danni copre, invece, questa norma? A differenza di quanto avviene con il risarcimento ordinario, ovvero quello che si chiede alla compagnia assicurativa della controparte, l’indennizzo diretto copre soltanto i danni:

  • Al veicolo
  • Alle cose trasportate di proprietà del soggetto assicurato o del conducente
  • Le lesioni personali al conducente, di entità inferiore o uguale al 9% di invalidità biologica permanente

Per quanto riguarda l’ammontare dell’importo liquidato, invece, non esiste una cifra standard. Il rimborso varia in base alla richiesta di risarcimento presentata e all’offerta fatta dalla compagnia assicurativa. Non esiste quindi una differenza legata alla modalità di risarcimento: l’importo ricevuto non dipende dalla richiesta ordinaria o diretta.

Indennizzo diretto: come richiedere

La richiesta per l’indennizzo diretto va obbligatoriamente presentata alla propria compagnia assicurativa. Questa deve contenere le seguenti informazioni:

  • Dati identificativi (nome e cognome) degli assicurati coinvolti
  • Targhe di entrambi i veicoli coinvolti
  • Dati delle compagnie assicurative dei soggetti coinvolti
  • Descrizione dettagliata di circostanze e modalità del sinistro
  • Verbale di intervento (eventuale) delle autorità
  • Luogo, data e ora per la perizia sulle cose danneggiate

Soltanto in caso di lesioni personali, vanno allegati anche codice fiscale, età, attività e reddito del danneggiato e tutte le indicazioni relative alle lesioni: entità, attestazione medica di avvenuta guarigione, eventuali consulenze medico-legali e relativi costi.

Tempi

Entro quanto tempo si riceve l’indennizzo diretto? La data di corresponsione dipende dalla gravità del sinistro. In ogni caso la compagnia è tenuta a presentare un’offerta congrua ai danni riportati dal veicolo e dalle cose. Deve presentarla entro 30 giorni soltanto se il modulo CAI è stato sottoscritto da ambedue i conducenti, altrimenti è tenuta a farlo entro 60 giorni. Qualora siano presenti anche lesioni personali, invece, i tempi si allungano fino a 90 giorni.

Ovviamente l’indennizzo diretto rappresenta una formula per semplificare la procedura per ottenere il risarcimento, in quanto snellisce tempi e modalità di liquidazione del sinistro. Per far sì che questa procedura speciale vada a buon fine, è fondamentale essere in regola con la propria assicurazione auto. Se la tua polizza RC Auto sta per scadere, se intendi cambiarla o sottoscrivere la prima, affidati al nostro comparatore. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e quelli del veicolo che intendi assicurare, per ricevere subito le quotazioni delle migliori compagnie assicurazione auto online. Salva il preventivo gratuito e analizzalo in tutta tranquillità: hai infatti a disposizione 60 giorni di tempo per decidere se accettarlo oppure ottenere una nuova quotazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE