Incidente nel parcheggio? Ecco come comportarsi

A quanti di voi sarà capitato di dare leggermente troppo gas mentre si effettua una manovra in retromarcia, toccando così un altro veicolo o un muro e provocando qualche danno alla vettura?

Vediamo insieme come comportarsi in caso di incidente in parcheggio.

Incidente in parcheggio in retromarcia 

Per quanto si possa stare attenti, l’incidente in un parcheggio in retromarcia è uno tra i casi più comuni, e coinvolge esperti e meno esperti alla guida. L’articolo 154 del Codice della Strada fornisce alcune indicazioni circa le manovre di cambio di direzione e di marcia.

Per poter effettuare la manovra di retromarcia in maniera sicura e rispettando il CdS è necessario:

  • Assicurarsi di non creare pericolo o intralcio agli utenti della strada, tenendo conto della loro posizione, distanza e direzione.
  • Segnalare con sufficiente anticipo l’intenzione a retrocedere con il veicolo.

È necessario, specialmente in caso di parcheggio, dare sempre la precedenza ai veicoli in marcia normale.

Violare queste indicazioni, oltre ad aumentare il rischio di sinistro in fase di parcheggio, può comportare una sanzione amministrativa che va dai 41 ai 168 €.

In caso di sinistro, chi fa la retromarcia è sempre responsabile?

Per la maggior parte dei sinistri, la retromarcia comporta sempre una presunzione di responsabilità.

Sono previste alcune eccezioni per un eventuale incidente in parcheggio, se per esempio la controparte:

  • Cambia fila;
  • Retrocede a sua volta;
  • Si accinge ad usare da un parcheggio o luogo privato;
  • Invade la corsia in senso inverso.

Auto danneggiata in parcheggio privato

Quanto spiegato finora è valido nel caso in cui l’incidente avvenga in strada pubblica, ma nel caso di un incidente in un parcheggio privato come bisogna comportarci?

Innanzitutto, dobbiamo distinguere tra area privata – dove è possibile sostare, ma a cui non è consentito l’accesso al pubblico, come per esempio il viale di accesso a una casa – e parcheggio privato. Nel primo caso, infatti, la compagnia assicurativa non è tenuta a garantire la copertura e, in caso di sinistro, saranno direttamente i soggetti coinvolti a dover risarcire il danno causato.

Per il secondo caso, invece, si intendono per esempio i parcheggi di supermercati o aree commerciali che, anche se privati, hanno libero accesso al pubblico e sono quindi equiparati ad aree pubbliche.

In conclusione, quando si rimane coinvolti in un incidente in parcheggio è necessario prestare la massima attenzione quando si compila una contestazione amichevole (CID), perché ammettere di retrocedere con il proprio veicolo potrebbe costar caro all’assicurato. Inoltre, i premi assicurativi continuano a crescere di anno in anno. Per far fronte all’aumento delle polizze si possono scegliere le compagnie online: garantiscono gli stessi servizi delle agenzie tradizionali, ma possono portare l’utente a risparmiare oltre il 30% sul costo totale. Non male, no?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE