Incidente nel parcheggio? Ecco come comportarsi

A quanti di voi sarà capitato di dare leggermente troppo gas mentre si effettua una manovra in retromarcia, toccando così un altro veicolo o un muro e provocando qualche danno alla vettura?

Vediamo insieme come comportarsi in caso di incidente in parcheggio.

Incidente in parcheggio in retromarcia 

Per quanto si possa stare attenti, l’incidente in un parcheggio in retromarcia è uno tra i casi più comuni, e coinvolge esperti e meno esperti alla guida. L’articolo 154 del Codice della Strada fornisce alcune indicazioni circa le manovre di cambio di direzione e di marcia.

Per poter effettuare la manovra di retromarcia in maniera sicura e rispettando il CdS è necessario:

  • Assicurarsi di non creare pericolo o intralcio agli utenti della strada, tenendo conto della loro posizione, distanza e direzione.
  • Segnalare con sufficiente anticipo l’intenzione a retrocedere con il veicolo.

È necessario, specialmente in caso di parcheggio, dare sempre la precedenza ai veicoli in marcia normale.

Violare queste indicazioni, oltre ad aumentare il rischio di sinistro in fase di parcheggio, può comportare una sanzione amministrativa che va dai 41 ai 168 €.

In caso di sinistro, chi fa la retromarcia è sempre responsabile?

Per la maggior parte dei sinistri, la retromarcia comporta sempre una presunzione di responsabilità.

Sono previste alcune eccezioni per un eventuale incidente in parcheggio, se per esempio la controparte:

  • Cambia fila;
  • Retrocede a sua volta;
  • Si accinge ad usare da un parcheggio o luogo privato;
  • Invade la corsia in senso inverso.

Auto danneggiata in parcheggio privato

Quanto spiegato finora è valido nel caso in cui l’incidente avvenga in strada pubblica, ma nel caso di un incidente in un parcheggio privato come bisogna comportarci?

Innanzitutto, dobbiamo distinguere tra area privata – dove è possibile sostare, ma a cui non è consentito l’accesso al pubblico, come per esempio il viale di accesso a una casa – e parcheggio privato. Nel primo caso, infatti, la compagnia assicurativa non è tenuta a garantire la copertura e, in caso di sinistro, saranno direttamente i soggetti coinvolti a dover risarcire il danno causato.

Per il secondo caso, invece, si intendono per esempio i parcheggi di supermercati o aree commerciali che, anche se privati, hanno libero accesso al pubblico e sono quindi equiparati ad aree pubbliche.

In conclusione, quando si rimane coinvolti in un incidente in parcheggio è necessario prestare la massima attenzione quando si compila una contestazione amichevole (CID), perché ammettere di retrocedere con il proprio veicolo potrebbe costar caro all’assicurato. Inoltre, i premi assicurativi continuano a crescere di anno in anno. Per far fronte all’aumento delle polizze si possono scegliere le compagnie online: garantiscono gli stessi servizi delle agenzie tradizionali, ma possono portare l’utente a risparmiare oltre il 30% sul costo totale. Non male, no?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE