Immatricolazione auto estera: come fare, cosa serve, tempi e costi

Immatricolazione auto estera: come fare, cosa serve, tempi e costi

Immatricolare un’auto estera circolante su territorio italiano è una procedura obbligatoria. Come stabilito dall’articolo 132 del Codice della Strada, infatti, “Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati in uno Stato estero e che abbiano già adempiuto alle formalità doganali o a quelle di cui all’articolo 53, comma 2, del D.L. 30 agosto 1993, n. 331, se prescritte, sono ammessi a circolare in Italia per la durata massima di un anno, in base al certificato di immatricolazione dello Stato di origine”. Il limite di un anno è una misura adottata per evitare comportamenti elusivi come quello di non pagare il bollo auto o le multe ricevute. La violazione della regola viene punita con una sanzione amministrativa che varia dagli 84 ai 335 euro. Il mancato rispetto della norma comporta inoltre l’interdizione all’accesso sul territorio nazionale.

Come immatricolare auto estera in Italia

Per compiere la procedura e iscrivere al PRA un veicolo nuovo o usato occorre rivolgersi allo Sportello Telematico dell’Automobilista. Lo STA si usa per i modelli importati in Italia da un paese dell’Unione Europa o appartenenti allo Spazio Economico Europeo (Islanda, Norvegia, Leichtenstein). Qualora non sia invece possibile farvi ricorso, occorrerà provvedere all’immatricolazione presso l’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile. Entro sessanta giorni dalla data di rilascio della carta di circolazione, si dovrà iscrivere il veicolo al PRA.

Documenti necessari

In caso di veicolo nuovo occorrerà presentare i seguenti documenti.

  •         Fotocopia di documento di identità/riconoscimento dell’acquirente. Se il documento è redatto in lingua straniera, bisognerà allegare una traduzione in italiano certificata conforme al testo straniero da un traduttore ufficiale
  •        Dichiarazione sostitutiva di certificazione di residenza dell’acquirente
  •         Modello NP2C
  •         Modello NP2D
  •         Atto di vendita con firma del venditore autenticata
  •         Dichiarazione di conformità o certificato di conformità europeo con omologazione italiana
  •         Domanda compilata sul modulo TT2119 e firmata dall’acquirente presso gli uffici della Motorizzazione Civile

Qualora l’acquirente sia una persona giuridica, servirà inoltre una dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante per attestarne la sede. In caso di acquisto da parte di un cittadino extracomunitario residente in Italia, sono necessari copia del permesso di soggiorno in corso di validità o fotocopia del documento di identità oppure copia del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

A fronte di immatricolazione di un’auto usata, invece, se il soggetto è già proprietario all’estero e ciò risulta dalla carta di circolazione, si può presentare una dichiarazione di proprietà con firma autentica dal notaio, da un comune o dai titolari/dipendenti delegati di uno STA. Sarà inoltre necessario presentare la carta di circolazione estera e una fotocopia della stessa.

Quanto e dove pagare

Le somme dovute per l’immatricolazione e l’iscrizione al PRA di un veicolo importato dall’estero sono le seguenti.

  • Imposta Provinciale di Trascrizione: l’importo varia a secondo del tipo di veicolo e della provincia di residenza
  • Emolumenti ACI: 27 euro
  • Imposta di bollo per iscrizione al PRA: 32 euro
  • Imposta di bollo DTT: 32 euro
  • Diritti DTT: 9 euro
  • Costo per il rilascio della targa: l’importo varia a seconda del tipo di veicolo e targa

Rivolgendosi a una agenzia di pratiche auto, oltre ai costi previsti per legge si aggiunge la tariffa del servizio di intermediazione.

Se la domanda viene presentata allo STA dell’unità territoriale ACI, le somme possono essere versate allo sportello al momento della richiesta in contanti o con pagobancomat. Se allo STA di una delegazione AC o un’agenzia di pratiche auto, le somme si possono versare allo sportello. A queste andrà nuovamente aggiunta la tariffa per l’intermediazione. Affidandosi all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile, infine, bisogna prima versare all’ufficio postale tutte le somme dovute per legge sui conti correnti postali e consegnare allo sportello le attestazioni di versamento.

Assicurazione auto per l’estero

Mettersi in regola è la prima cosa da fare se si entra in Italia con targa straniera. Tuttavia un modo per risparmiare ci sarebbe ed è favorito da una legge che disciplina solo parzialmente la materia. Affidarsi, ad esempio, a un noleggio a lungo termine presso una società con sede all’estero, permette di “aggirare” la norma sopra descritta. Se non intendi (giustamente) affidarti a pratiche borderline, ricorda che le polizze RC auto estere, sottoscrivibili anche in Italia (a quel punto si dovrà circolare con la Carta Verde) hanno validità un anno. Dopo la scadenza il veicolo dovrà essere immatricolato.

Se hai già superato quel limite e sei alla ricerca della migliore soluzione per assicurare la tua auto, allora sei nel posto giusto. Sul nostro sito potrai comodamente mettere a confronto le proposte delle migliori compagnie assicurative. Una volta individuata quella più affine alle tue esigenze, ti basteranno pochi click per generare, gratuitamente e senza impegno, un preventivo che resterà valido per i successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE