Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine

Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se ne servono soprattutto per le agevolazioni fiscali, l’NLT sta lentamente prendendo piede anche tra i privati. Questa formula, che prevede la stipula di un contratto con una società specializzata che va mediamente dai due ai cinque anni (di norma si può recedere senza penali soltanto una volta superata la metà della durata), permette di avere a disposizione un’auto nuova per un lungo periodo e senza doversi fare carico dei costi di gestione e manutenzione.

La differenza tra leasing e noleggio a lungo termine

A un prima lettura parziale, il noleggio a lungo termine sembra configurarsi come un upgrade del leasing. Ma non è affatto così. La differenza consiste infatti nella natura del contratto. Nel caso dell’NLT, infatti, le parti in causa (privato e società di noleggio) si accordano per il canone del veicolo (che resta sempre di proprietà della società) per un determinato periodo di tempo. Il leasing, invece, è una forma di finanziamento che dà modo al contraente di diventare proprietario dell’automobile pagando una rata finale. Diversamente, questi potrà anche decidere di restituirla e avviare un nuovo contratto di leasing.

I vantaggi del noleggio a lungo termine

Come abbiamo visto, in entrambi i casi i privati pagano un canone d’affitto mensile per poter utilizzare l’automobile. I servizi inclusi sono però differenti. Soltanto nel noleggio a lungo termine, infatti, il cliente disporrà di una sorta di all inclusive. Il canone comprende infatti tutti i costi legati all’utilizzo della vettura, compresi assicurazione, manutenzione ordinaria, tassa di proprietà, gomme invernali e soccorso stradale.

Il contraente disporrà di un doppio vantaggio che si può tradurre così: abbattimento dei costi (gestione e manutenzione) e maggiore flessibilità, in quanto non sarà lui a doversi preoccupare della svalutazione del veicolo.

Dalle aziende ai privati: il boom del noleggio a lungo termine

Ogni aspetto della gestione dell’automobile verrà pertanto demandato a qualcuno che se ne occuperà al posto nostro. Il vantaggio che se ne ricava è sia in termini economici che di serenità, considerando che non sarà più il guidatore a doversi ricordare scadenze e pagamenti. Anche per questo motivo la formula sta spopolando tra i privati, con dati in continuo aumento nell’ultimo anno. Nel 2017 il numero di immatricolazioni è aumentato di quasi il 21% rispetto all’anno precedente, mentre Dataforce rileva che al termine del primo trimestre del 2018 sono 161.040 le auto prese in affitto a circolare su strada. Le indagini di mercato rintracciano i contraenti privilegiati negli aficionados dell’ultima moda, ovvero quei clienti sempre desiderosi di avere tra le mani l’ultimo modello, e in chi è intenzionato a risparmiare notevolmente sui costi di manutenzione.

Una stima attendibile prima della scelta

Come accade quando si parla di polizze temporanee o a chilometri, è consigliato fare una stima “per eccesso” dei chilometri che si intende percorrere. Detto  che il vostro unico onere sarà quello di rifornire di carburante l’automobile, va sottolineato come un utilizzo superiore rispetto al chilometraggio concordato con il noleggiatore comporti delle penali. Per inciso: i chilometri aggiuntivi segnalati prima della firma vi costeranno molto meno di quelli che, eventualmente, verranno rilevati in sede di restituzione dell’auto.

Vantaggi sì, ma a che prezzo?

Come visto, chi si affida al noleggio a lungo termine ha il vantaggio indiscusso di guidare un’auto nuova ogni 2/5 anni. Ma a che prezzo potrà farlo? Prendiamo ad esempio la Fiat Panda, l’auto con più immatricolazioni a lungo termine in Italia (in tutto 7.115) nel primo trimestre del 2018. Il suo canone mensile ammonta a circa 180 euro e quindi sfora il tetto dei 2000 annuali. Il corollario è piuttosto elementare. I benefici verranno avvertiti maggiormente da chi macina una cifra considerevole di chilometri annui ed è solito cambiare macchina ogni quattro o cinque anni. Per chi non è abituato alle lunghe percorrenze e ha un chilometraggio annuo ridotto, invece, sarà controproducente tenere il veicolo per più lustri: i costi, infatti, non verranno mai ammortizzati e alla scadenza del noleggio l’usato avrà una valutazione esigua.

L’assicurazione auto per il noleggio a lungo termine

Alla scadenza dell’NLT l’auto va restituita. Prima di chiudere il contratto andranno verificate le eventuali penali per sopraggiunti danni alla carrozzeria e chilometri in eccedenza. Prima della restituzione, però, il contraente può stabilire di contrattualizzare una nuova auto, oppure può affidarsi a una nuova compagnia. A fare la voce grossa in Italia è la Leasys, che precede ALD  Automotive e Arval. Sia che stiate per compiere il primo o il secondo passo all’interno dell’universo del noleggio a lungo termine, il consiglio sempre valido è quello di verificare preventivamente le coperture assicurative comprese nel contratto di noleggio.

Con la RC Auto obbligatoria e la polizza furto già garantite, è opportuno valutare ogni forma di copertura personale e, soprattutto, le garanzie accessorie che possono tutelare da qualsivoglia imprevisto non direttamente derivante dalla condotta al volante. Sul nostro sito è possibile confrontare tra le migliori offerte presenti sul mercato generando un preventivo gratuito e senza impegno che ha 60 giorni di validità.  

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE