Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di marketing, di scelte imposte dalla aziende costruttrici e non solo. In un mercato inflazionato giocoforza dalla televisione, infatti, non è passato inosservato il loro boom tra i ciclisti professionisti. Dopo le resistenze iniziali da parte del gruppo in merito al loro utilizzo, complici gli elevati pericoli (dettati dalle lame in grado di provocare ferite profonde ogniqualvolta si formi un groviglio di corridori), infatti, anche Vincenzo Nibali e soci si sono adeguati e allineati. Con buona pace della sicurezza? Non proprio, se è vero che in termini di frenata le cose sembrano essere migliorate. Quali sono allora le differenze tra i tradizionali freni a pattino e quelli a disco e perché preferire questi ultimi? Scopriamolo.

Freni a disco vs freni a pattino

Entrambi utilizzabili anche sulla bici da strada, queste due tipologie di freni bici utilizzano il principio dell’attrito. Nei tradizionali (così come nei cantilever) il corpo è il pattino e l’azionamento avviene tramite un cavo metallico sottoposto a una tensione, mentre nel freno a disco il corpo frenante è la pastiglia. Le differenze maggiori sono le seguenti:

  •         Azionamento della frenata: nei freni a pattino, come detto, avviene attraverso un cavo metallico sottoposto a tensione e, pertanto, soggetto ad allentarsi col passare del tempo. In quelli idraulici, invece, la leva è collegata a un cilindro in un corpo pieno di olio idraulico (pompante) che si usura nel tempo e mantiene inalterata l’efficienza della frenata
  •         Distribuzione della frenata: nei freni tradizionali il punto di contatto è la pista frenante del cerchio, in quelli a disco si esercita pressione sul mozzo con una forza distribuita uniformemente su tutta la ruota e una frenata più decisa e gestibile

Freni a disco: vantaggi

Come abbiamo visto l’azionamento della frenata e la sua distribuzione sono due punti che depongono a favore del sistema idraulico. Per i puristi delle bici corsa, soprattutto quelli che si cimentano nelle competizioni agonistiche, una frenata uniforme “appiattisce i valori” e non permette di distinguere, ad esempio, tra un bravo discesista e uno mediocre. “Sentire” il mezzo non è però uno dei requisiti cercati da chi pedala per diletto, pertanto tra i pro dei freni a disco possiamo anche rintracciare.

  •         Potenza: un freno idraulico ne offre una maggiore rispetto ai colleghi a pattini, permettendo un miglior rallentamento nelle alte velocità
  •         Modulabilità: meno possibilità di bloccare la ruota (soprattutto la posteriore) e perdere aderenza con l’asfalto. Tradotto: meno rischi di scivolare o di incorrere nei pericolosissimi, su strade a doppia corsia, “dritti”
  •         Miglior tenuta su asfalto bagnato o fangoso: avete mai provato a uscire con una bici da corsa, magari con ruote ad alto profilo (da 50mm o più), mentre piove? Se siete ciclisti della prima ora, evitatelo. Con i freni a disco, però, si riducono sensibilmente i rischi di perdita del controllo e la frenata risulta meno difficoltosa.

Freni a disco: svantaggi

Ma non è tutto oro ciò che luccica. Naturalmente esistono anche dei contro all’utilizzo di questo sistema in voga ormai da tantissimo tempo nella mountain bike. Tra i più significativi rileviamo:

  •         Costo: i freni a disco, specie se idraulici, hanno un prezzo più alto (che può essere anche superiore al doppio) dei tradizionali
  •         Telaio e ruote: vuoi passare dal tradizionale al disco su una vecchia bici? Impossibile. I secondi necessitano di ruote e telai predisposti al montaggio per poter installare il rotore che aziona il freno
  •         Peso: una variabile soprassedibile per i più, ma che può fare la differenza per gli agonisti, soprattutto se hanno speso una fortuna per assicurarsi un telaio inferiore al chilo
  •         Effetti collaterali: la manutenzione fai da te non è semplicissima e inoltre, qualora non si sia particolarmente attenti a non tirare troppo il freno, si rischia di vetrificare la pastiglia e di non poter più frenare

La scelta tra un freno a disco e uno tradizionale, pertanto, va ponderata in base alle esigenze e al modo in cui si è abituati a stare in sella. Sebbene stia prendendo sempre più piede tra gli amanti della disciplina, al netto della soggettività del gusto estetico, concorre sicuramente ad aumentare la sicurezza ma non sempre si rivela alla portata di tutti. Se stai per comprare una bici o lo hai fatto negli ultimi tre mesi, ti aiutiamo noi a completare il corredo della sicurezza. Sul nostro sito potrai infatti assicurare la tua specialissima con Bicicover, la polizza che offre una copertura totale per furto (totale o parziale), danni, atti vandalici, anomalie, usura e danni elettronici e guasti.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Cellulare alla guida: aumento delle sanzioni nel 2019

Utilizzare il cellulare alla guida è una cattiva abitudine che riguarda buona parte degli automobilisti. Tra le novità previste dalla riforma del Codice della Strada c’è anche quella che riguarda l’inasprimento delle sanzioni connesse guida con cellulare. L’obiettivo è quello di agire come deterrente contro una prassi pericolosa per sé stessi e per gli altri. Secondo

CONTINUA A LEGGERE

Sospensione assicurazione moto: come fare, come riattivare

Sospendere l’assicurazione Rc obbligatoria è una soluzione interessante per risparmiare. Ideale per chi utilizza un veicolo soltanto in alcuni periodi dell’anno, garantisce un risparmio sul premio annuo. Di fatto questo è spalmato su un arco temporale più lungo. Quali sono i vantaggi principali e gli svantaggi di una polizza sospendibile? Blocco assicurazione moto: cos’è? La

CONTINUA A LEGGERE

Caduta in bici: le 5 cose da fare subito

A chi non è successo almeno una volta nella vita? Una caduta in bici non si nega proprio a nessuno. Che si sia pedalatore improvvisati o campioni del Giro d’Italia, finire a terra quando si pedala è una possibilità da tenere in considerazione. Basta una buca, un restringimento stradale o una frenata improvvisa per rovinare

CONTINUA A LEGGERE

Come recuperare messaggi di WhatsApp cancellati

Oh, no! Hai perso tutti i messaggi di WhatsApp e sei andato nel pallone? Questo è l’articolo giusto che ti guida passo passo nel recupero dei messaggi di WhatsApp cancellati e nel backup di WhatsApp. Come recuperare le chat di WhatsApp Prima di tutto: hai fatto il backup di WhatsApp, vero? L’app di messaggistica più

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE