Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla?

Fattura elettronica: cosa è

La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il 1° gennaio 2019 per tutti i titolari di partita Iva che risiedono in Italia. Questo obbligo, che per tutti gli interessati sembra essere più una scocciatura che un beneficio, è invece stato inserito per adeguarci alle normative europee e in particolare per fissare le basi per il Mercato Unico Digitale Europeo entro due anni. La fatturazione elettronica è:

  • Sicura.
  • È efficiente e rapida.
  • Fa risparmiare tempo e denaro.
  • Ostacola l’evasione fiscale.

Specialmente quest’ultimo punto dovrebbe convincere tutti i diretti interessati della sua utilità. Sappiamo bene, infatti, che uno dei grandi problemi italiani è proprio dovuto alla ingente evasione fiscale ed è quindi un ottimo presupposto qualsiasi strumento messo in campo per contrastarla. A breve entreremo nel pratico su cosa significa davvero emettere una fattura elettronica e quanto costa.

Fatturazione elettronica, obbligatoria per chi?

La fatturazione elettronica, in vigore dal 1° gennaio 2019, e quindi per qualsiasi fattura da emettere a partire da quella data, è obbligatoria per qualsiasi titolare di partita Iva, che sia privato o società. C’è una categoria di partita Iva che risulta al momento esonerata ed è quella di chi è in un regime fiscale forfettario o ancora nel vecchio regime dei minimi.

Anche gli operatori sanitari sono esonerati e qualsiasi fattura al consumatore è ancora fuori dall’obbligo: la fatturazione elettronica è infatti definita B2B, cioè solo tra business (aziende, partite Iva, eccetera). Se andiamo in un negozio e compriamo un cappotto da 100 euro, non riceveremo una fattura elettronica al posto dello scontrino fiscale e il negoziante non è obbligato a emetterlo.

Se invece andiamo in un negozio e compriamo un computer da 1000 euro come attrezzatura lavorativa e vogliamo ricevere una fattura per “scaricarlo”, allora sì, il negoziante è tenuto a emettere una fattura elettronica, in quanto ormai unica opzione possibile. Attenzione: perché si parla di esenzione nel caso di emissione di fattura. Se invece, anche nel regime forfettario, vorrete ricevere una fattura elettronica, sarete comunque obbligati a comunicare il Codice Destinatario o la vostra PEC.

Come funziona la fattura elettronica?

Arriviamo al dunque. Abbiamo definito cosa sia la fatturazione elettronica, chi è obbligato ad adottarla e chi è esentato. Come funziona? Per emettere una fattura elettronica occorre:

  • O il codice destinatario di chi riceverà la fattura;
  • O il suo indirizzo PEC.

Senza uno di questi due dati, sarà impossibile emettere la fatturazione elettronica. Chiunque abbia una partita Iva è, almeno in teoria, dotato di un indirizzo PEC, ma cos’è il Codice Destinatario e dove lo troviamo?

Il Codice Destinatario per la fattura elettronica: cos’è e dove trovarlo

Il Codice Destinatario è un dato univoco composto di sette caratteri (sia lettere che numeri) che l’emittente deve inserire all’interno della fattura elettronica. È emesso dal Sistema di Interscambio ed è facilmente recuperabile tramite il loro sito http://www.fatturapa.gov.it (che chiunque abbia dovuto emettere fatture per la Pubblica Amministrazione già conosce).

In mancanza di Codice Destinatario, è possibile inserire l’indirizzo PEC e, in questo caso, il Codice Destinatario sarà 0000000 (cioè sette volte zero).

Se non si ha un indirizzo PEC, è possibile lasciare comunque il Codice 0000000. In tal caso il ricevente otterrà la propria fattura elettronica nella sua area “Consultazione” nel portale dell’Agenzia delle Entrate “Fatture e Corrispettivi.”

Registrarsi all’Agenzia delle Entrate è gratuito e si può accedere tramite PIN, che vi verrà inviato direttamente a casa, o tramite Spid, cioè il Sistema Pubblico di Identità Digitale per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione (vale, per esempio, anche per l’Inps o per registrare i propri esami del SSN nel sistema di prenotazione regionale).

Come emettere una fattura elettronica?

Andiamo al sodo e vediamo come si può compilare una fattura elettronica.

Per farlo, occorre:

  • Un computer (ma anche un tablet o uno smartphone possono fare al caso)
  • Un software per compilazione di file in formato XML, come previsto dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018.

Se non si hanno a disposizione programmi, o non si ha intenzione di pagare per un servizio esterno, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione gratuitamente tre tipi di programmi per predisporre le fatture elettroniche:

  • una procedura web, a cui si può accedere tramite il portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia (per l’uso di tale procedura occorre disporre di una connessione in rete).
  • un software scaricabile su PC (tale procedura può essere utilizzata anche offline).
  • un’App gratuita per tablet e smartphone, Fatturae, scaricabile dagli store Android o Apple (per l’uso di tale procedura occorre disporre di una connessione in rete).

La fatturazione elettronica è un vantaggio per tutti

Anche se inizialmente ci sembra una seccatura, la fatturazione elettronica è un vantaggio per tutti. Passato un primo periodo di assestamento, in cui dobbiamo abituarci a questa novità, vedremo un risparmio nel tempo. La tecnologia ci offre tanti vantaggi anche in ambito fiscale, non ultimi, la comodità, la velocità e il contrasto all’evasione fiscale. In fondo niente male, no?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto temporanea 15 giorni: cos’è e quanto conviene

Le assicurazioni auto temporanee sono polizze con validità limitata nel tempo. Indicate a chi non ha la necessità di assicurare la propria auto per un anno intero, rappresentano una valida alternativa alla polizza RC auto tradizionale. La loro sottoscrizione permette di risparmiare sulla assicurazione auto mantenendo le stesse coperture. Il veicolo è garantito per responsabilità

CONTINUA A LEGGERE

Patente A2: costi, limitazioni, foglio rosa, cosa posso guidare

Guidare una moto significa anche addentrarsi nella giungla delle patenti. Basta una sigla a definire le possibilità di un centauro: età per conseguirla, cilindrata massima consentita, limitazioni. Lo step successivo al patentino (patente AM) e alla A1, utile a condurre motocicli fino a 125cc, si chiama patente A2. Quando è possibile ottenere questa patente per

CONTINUA A LEGGERE

Costo assicurazione auto: le 7 variabili che incidono di più

Nuove forme di mobilità sostenibile, vecchi obblighi. Se si acquista un’auto, nuova o usata che sia, il primo compito è quello di sottoscrivere l’assicurazione RCA. La responsabilità civile autoveicoli è obbligatoria per legge e garantisce l’intestatario per danni cagionati a terzi in caso di incidente. Come risparmiare sulla polizza auto e quali sono le variabili

CONTINUA A LEGGERE

Le 3 piste ciclabili più belle d’Italia

Le piste ciclabili sono percorsi protetti o riservati alle biciclette, dove il traffico motorizzato è generalmente escluso. Progettate con l’obiettivo di separare il traffico ciclabile da quello motorizzato e pedonale, servono ad aumentare la sicurezza stradale. Inoltre facilitano lo scorrimento dei veicoli. Tutto rose e fiori? Non proprio, perché in Italia non sempre è facile

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Assicurazione motorino: come scegliere la polizza moto 50cc

Sulle due ruote non si scherza, specie quando si tratta di motorini e ciclomotori di bassa cilindrata. In città il motorino è un mezzo di spostamento imbattibile: comodo e agile, consente di muoversi con facilità nel traffico e negli spazi stretti. Facile vittima di ladri o di piccoli incidenti, è fondamentale scegliere l’assicurazione motorino più

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 3 giorni: conviene?

Pagare l’assicurazione auto soltanto nei giorni in cui si circola su strada, che sia anche solo per 3 giorni? Quella che può sembrare una suggestione, è realtà ormai da tempo. Diverse compagnie assicurative mettono a disposizione dei propri clienti formule alternative per la polizza auto. Non solo assicurazioni RC tradizionali, con pagamento annuale, ma anche a

CONTINUA A LEGGERE

Contratto di locazione turistica: durata, registrazione, tassazione

Sei proprietario di una casa e vuoi affittarla per un breve periodo? Puoi farlo grazie al contratto di locazione turistica. Questa formula permette di cedere un immobile per finalità transitorie, aiutando chi cerca una casa vacanze. Le finalità del richiedente possono essere diverse: dal viaggio di riposo, di affari o a scopo curativo. Per stipulare

CONTINUA A LEGGERE

Gatto viaggio lungo macchina: 10 consigli pratici

Quando si parla di andare in vacanza con gli animali, il pensiero corre subito al cane. Tra gli amici a quattro zampe, però, rientrano anche i gatti. Soltanto in Italia questi animali domestici sono quasi 8 milioni. Non è difficile pensare che per le vacanze estive 2019 molti dei loro padroni si troveranno a viaggiare

CONTINUA A LEGGERE