E-Bike, Pedelec, bici elettriche: cosa sono, differenze, assicurazione

E-Bike, Pedelec, bici elettriche: cosa sono, differenze, assicurazione

Un mezzo a portata di tutti. Mai come negli ultimi anni la bicicletta è diventata uno strumento prezioso per grandi e piccini. Se questi ultimi la possono usare per restare a contatto con la natura e – perché no? – imparare uno sport, gli adulti la prediligono per fare attività fisica nel weekend e, soprattutto, per gli spostamenti nel caos della città. Sono sempre più, infatti, gli uomini e le donne che se ne servono per raggiungere il posto di lavoro. Ne va senza dubbio del portafoglio e della salute, ma anche l’ambiente ringrazia. Un giusto compromesso tra sforzo fisico e abbattimento dei tempi è rappresentato dalla bici elettrica, una due ruote la cui diffusione è in continua crescita. Soltanto nel 2017 sono stati 148.000 i modelli venduti in Italia, con un aumento del 19% rispetto all’anno precedente. Sei tra i fortunati o tra i futuri possessori? Pensi di sapere davvero tutto sull’argomento? Scoprilo insieme a noi.

E-bike o bicicletta elettrica?

La differenza principale tra una bicicletta tradizionale e una elettrica, è il motore di cui è dotata quest’ultima. Attenzione però a non fare confusione. Molto spesso, infatti, e-bike e biciclette elettriche vengono assimilate. Tuttavia esistono diverse differenze, sulle quali vale la pena soffermarsi prima di ponderare ogni decisione. Riassumiamole nel dettaglio.

  •  Pedelec. Si tratta di una bicicletta a pedalata assistita, alla quale vengono applicati un motore elettrico, una batteria al litio e dei sensori in grado di rilevare istantaneamente la forza erogata sui pedali. Questo dato viene trasmesso a una centralina che decifra il sostegno da fornire al ciclista. Tale funzione viene definita “pedalata assistita”. Senza l’ausilio del motore, pertanto, si utilizza come una normale bicicletta, mentre con il suo contributo si dovrà comunque pedalare. La potenza si può aumentare e diminuire attraverso un computer posto sul manubrio. Di norma le aziende optano per un’assistenza di tipo eco, sport o turbo a seconda delle esigenze dell’acquirente e della sua necessità di fare ricorso all’elettronica. L’e-bike può infatti essere indistintamente una bicicletta da città, una mountain bike o una bici da corsa.
  •  E-Bike o Speed Pedelec. Sono mezzi equiparabili in tutto e per tutto a dei ciclomotori. Non esiste infatti un rapporto diretto tra pedalata e motore, poiché la loro marcia non deriva dalla componente umana.

Cosa prevede il Codice della Strada

A disciplinare materia è l’articolo 50 del CdS, distinguendo tra bici muscolare e bici a pedalata assistita: “I velocipedi sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 kW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare”.

Una conferma per le E-Bike arriva anche dalla Direttiva europea 2002/24, chiarendo come le biciclette a pedalata assistita, Pedelec o EPAC (Electric Pedal Assisted Cycle), siano “mezzi dotati di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 kW la cui alimentazione è progressivamente ridotta e infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare”. Pertanto, in base allo standard europeo EN 15194, le Pedelec non necessitano di omologazione e non richiedono l’utilizzo della targa.

Il discorso diverge quando ci si sposta sulle E-Bike (speed pedelec). La loro omologazione si distingue tra L1eA e L1eB e si sottrae alla direttiva 2002/24 di cui sopra.

  •  L1eA: cicli a due o tre ruote progettati con trazione a pedale ed equipaggiati con motore elettrico ausiliario di potenza nominale inferiore a 1000 W in grado di raggiungere velocità non superiori ai 25 km/h
  •  L1eB: cicli a due o tre ruote dotati di motore elettrico con potenza nominale continua massima sino a 4000 W e che possono raggiungere velocità non superiore ai 45 km/h

Per la prima categoria è obbligatorio l’utilizzo del casco bici, mentre non sono ancora stati stabiliti in maniera univoca i limiti di età né gli obblighi di targa e assicurazione. La categoria L1eB è invece in tutto e per tutto assimilabile ai ciclomotori e chi intende mettersi alla guida è tenuto a osservare le norme riguardanti utilizzo del casco, della targa e sottoscrizione di una regolare assicurazione RC.

Se hai già individuato la due ruote più adatta a te e non vuoi smarrirti nella giungla delle interpretazioni legislative, affidati a noi. Su Quale.it potrai proteggere la tua nuova bicicletta, entro tre mesi dal suo acquisto, con una copertura assicurativa completa e garantita. Sarai protetto da danni, furto, incendio e da tanti altri inconvenienti come atti vandalici, guasti e danni da usura. La nostra polizza Bicicover assicura inoltre i danni elettronici legati ad usura, cortocircuito, sovratensioni e danni strutturali causati dai liquidata per la tua E-Bike o Pedelec. Cosa stai aspettando? Mettiti al sicuro ancora prima di indossare il casco e ricorda di farlo entro tre mesi dall’acquisto della tua nuova due ruote.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mutuo prima casa giovani: come richiedere le agevolazioni

Il mutuo prima casa giovani è un finanziamento a tasso agevolato legato alla condizione personale o lavorativa. Attraverso questo istituto lo Stato agevola fiscalmente categorie con contratti di lavoro atipici o precari, ma non solo. Tramite questi fondi di garanzia, accessibili in via preferenziale a persona appartenenti a specifiche classi sociali o in possesso di

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione furto casa: come funziona

L’assicurazione furto casa copre i danni derivanti dalla sottrazione di oggetti appartenenti all’immobile dell’assicurato. Il furto in casa è uno dei reati più abietti e scioccanti, in quanto colpisce nel luogo protetto per antonomasia. Sebbene nell’ultimo biennio il dato italiano sia calato dell’8,5%, nell’ultimo anno registrato i topi di appartamento hanno fatto visita a oltre

CONTINUA A LEGGERE

Incidente senza assicurazione: come ottenere il rimborso?

Cosa succede quando si rimane vittime di un incidente senza assicurazione? L’assicurazione RC Auto è obbligatoria per legge, ma nonostante ciò i furbetti proliferano. Secondo l’indagine Asaps relativa al 2017, infatti, sono quasi 5 milioni le auto circolanti in Italia sprovviste della regolare polizza RC, una cifra che equivale al 13% del parco veicolare. Se

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Protezioni moto: quali sono obbligatorie?

Quello delle protezioni moto è un tema particolarmente dibattuto tra i centauri. Quella tra look e sicurezza dovrebbe essere una sfida impari, eppure non sono pochi i motociclisti (soprattutto dell’ultima ora) che sembrano preferire un outfit di grido sacrificando la propria incolumità. Con i pericoli della strada, però, non si scherza. Le 687 vittime nel

CONTINUA A LEGGERE

Come pagare il bollo auto online: la procedura

È possibile pagare il bollo auto online? Il bollo automezzi è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Il versamento va effettuato ogni anno, indipendentemente dall’utilizzo o meno di auto o moto. Si tratta infatti di un contributo legato al possesso e non all’utilizzo del bene. Come si corrisponde e

CONTINUA A LEGGERE

Cambio domicilio: come e dove farlo, documenti

Hai bisogno di fare un cambio domicilio e non sai come fare? Pensi di dover affrontare la stessa trafila che spetta al cambio di residenza? Niente paura. Vediamo come funziona il cambio di domicilio. Residenza e domicilio differenza Prima di tutto è importante definire la differenza tra domicilio e residenza. Entrambi sono descritti dal Codice

CONTINUA A LEGGERE

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE