La differenza tra tagliando e revisione auto

Tagliando e revisione: che differenza c’è? Spesso si fa confusione ma si tratta di due procedure ben distinte. Vediamole insieme.

La revisione dell’auto

La revisione è un controllo obbligatorio previsto dalla Motorizzazione, con cui si certifica la funzionalità del veicolo e la sua idoneità a circolare in sicurezza, oltre che il mantenimento del rumore e delle emissioni inquinanti entro i limiti di legge. Dopo quattro anni dalla sua immatricolazione, l’auto deve essere sottoposta alla prima revisione. Quelle successive dovranno essere eseguite ogni due anni.

Se l’auto viene fermata e non è in regola con la revisione, la sanzione va dai 159,00 € ai 639,00 €.

La revisione costa 65,68 € presso le officine autorizzate dal Ministero dei Trasporti (e ci si assicura, solitamente, una procedura più snella) e 45 € presso la Motorizzazione Civile (dove però è necessario prenotare un appuntamento con il rischio di impiegare più tempo).

Nuove regole per la revisione

Dal 20 maggio, l’Italia dovrà adeguare le normative alla direttiva europea che introduce il Certificato di Revisione, operativo dal prossimo anno. In particolare, verrà fatta attenzione al chilometraggio del veicolo, con l’obiettivo di evitare le frodi nella compravendita delle auto.

I dati della revisione saranno inseriti in un documento caricato sul Portale dell’Automobilista e potranno essere verificati dagli ispettori durante gli atti di compravendita.

Il tagliando

Il tagliando è un controllo periodico che serve a monitorare lo stato di salute dei vari componenti della vettura, in particolare di:

  • cinghie di trasmissione
  • sistema elettronico
  • freni e sospensioni
  • livelli dell’olio e del liquido di raffreddamento
  • luci

In buona sostanza è la manutenzione programmata prevista dal costruttore del veicolo e riguarda la garanzia del veicolo.

Obblighi

La differenza tra tagliando e revisione è dunque non solo nel genere di controlli che implicano ma anche nel carattere di obbligatorietà. Il tagliando è obbligatorio solo per la durata della garanzia. Al termine della garanzia è comunque consigliabile effettuare controlli periodici, anche se non fissati in momenti precisi. Per sapere con che cadenza provvedere a tali controlli basta consultare il libretto di manutenzione del mezzo o, nel caso dei veicoli più nuovi, della centralina di bordo.

La revisione invece, a differenza del tagliando, è obbligatoria per tutta la vita del mezzo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE