Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni al Codice della Strada. Quando avviene la decurtazione punti patente e quanti punti si perdono per eccesso di velocità?

Quali sono i limiti di velocità in Italia

A disciplinare l’argomento è l’art 142 CdS, stabilendo i limiti velocità esistenti sulle strade italiane e le relative sanzioni in caso di infrazioni. Questi sono fissati in:

  • Limite di 130 km/h per le autostrade
  • 110 km/h per le strade extraurbane principali
  • 90 km/h per le strade extraurbane locali
  • 50 km/h per le strade nei centri abitati (possibili tratti a 70 km/h ma solo se segnalato)

In caso di precipitazioni atmosferiche, la velocità massima diventa di 110 km/h in autostrada e di 90 km/h per le strade extraurbane principali. Inoltre i neopatentati, ovvero i soggetti che hanno conseguito la patente di guida da meno di tre anni, non possono superare il muro dei 100 km/h in autostrada e di 90 km/h sulle superstrade. La perdita punti patente avviene soltanto al superamento di una determinata soglia del limite di velocità.

Sanzioni per eccesso di velocità

Non sempre, infatti, scatta la decurtazione punti patente per eccesso di velocità. L’articolo 142 prevede sanzioni commisurate allo sforamento del tetto massimo. Nello specifico:

  • Eccesso di velocità entro e non oltre i 10 km/h: multa da 41 euro a 168 euro
  • Superare il limite di oltre 10 km/h e non oltre 40 km/h: multa da 168 euro a 674 euro
  • Eccesso di velocità di oltre 40 km/h ma non oltre 60 km/h: multa da 527 euro a 2.108 euro e sospensione della patente di guida da uno a tre mesi (da otto a diciotto mesi se il trasgressore è recidivo nel corso di un biennio)
  • Superare il limite di oltre 60 km/h: multa da 821 euro a 3.287 euro, sospensione della patente da sei a dodici mesi. In caso di recidività nel corso di un biennio scatta la revoca immediata della patente

Tutte le sanzioni aumentano di un terzo se commesse in orario notturno, ovvero a partire dalle 22:00 e fino alle 07:00 del giorno seguente.

Punti patente per eccesso di velocità

Le sanzioni pecuniarie e, nei casi peggiori, la sospensione del titolo di guida, non sono però le uniche misure previste in caso di infrazioni dell’articolo 142 del Codice della Strada. La decurtazione punti patente non avviene soltanto se l’eccesso di velocità è inferiore o uguale a 10 km/h, ricordando che su ogni strada vige la tolleranza di 5 km/h.

  • Decurtazione di 3 punti patente per eccesso di velocità compreso tra 10 km/h e 40 km/h
  • Perdita di 6 punti patente per eccesso di velocità compreso tra 40 km/h e 60 km/h
  • Decurtazione di 10 punti patente per eccesso di velocità superiore a 60 km/h

L’ultima rientra nella casistica delle sanzioni che fanno perdere più punti patente totali, come verificabile sulla tabella delle penalità. Inoltre va ricordato che alla terza violazione che comporti la decurtazione di almeno 5 punti commessa in un anno, scatta la revisione della patente di guida.

Limiti di velocità per neopatentati

Detto dei limiti vigenti su autostrade e extraurbane principali, fissati in 100 km/h e 90 km/h, la disciplina per i neopatentati è più rigida anche sul fronte della decurtazione punti. Ogni infrazione commessa da chi ha ottenuto il titolo di guida da meno di tre anni viene punita con la perdita del doppio dei punti rispetto agli automobilisti “esperti”. La stessa sanzione si applica ai conducenti di mezzi pesanti di massa superiore a 3,5 T.

Come avviene la decurtazione punti patente

L’eccesso di velocità è verificabile tramite autovelox (contestazione immediata) e tutor, sistema che rileva la velocità media lungo un determinato tratto di strada. Per quanto concerne la comunicazione della decurtazione punti patente, questa avviene entro 30 giorni dalla data del pagamento (o dalla scadenza prevista per il ricorso) all’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. La verifica in tempo reale del saldo punti patente è effettuabile sul Portale dell’Automobilista.

Guidare con prudenza è uno degli obblighi di ogni automobilista. Per viaggiare sicuri è però anche indispensabile essere in regola con la propria assicurazione auto. Sul nostro sito è possibile confrontare le offerte del momento delle migliori compagnie online. Dopo averle valutate, basta inserire pochi dati per generare il preventivo più consono alle nostre esigenze. Questo resta valido per i successivi due mesi, dando modo di ponderare al meglio la scelta prima di convalidarlo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE