Costo assicurazione auto in calo nel secondo trimestre 2019

Qual è il costo assicurazione auto in Italia? A fornire una fotografia veritiera sui trend del mercato dell’assicurazione auto nel Belpaese è il Bollettino Statistico dell’IVASS. L’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ha stimato l’andamento dei prezzi effettivi per la garanzia RC Auto nel secondo trimestre 2019. L’indicazione del premio è data dalla somma del premio netto (composto da premio puro, provvigioni e spese), dell’imposta (calcolata sul premio imponibile e sul contributo al Fondo) e del contributo al Servizio Sanitario Nazionale. La diffusione a macchia d’olio delle polizze auto online incide in maniera importante sui prezzi delle compagnie assicurative, seppure con squilibri da una parte all’altra dello stivale.  Scopriamo quali sono gli elementi più interessanti registrati dall’IVASS.

Costo assicurazione auto: in calo il premio RCA su base annua

Il primo dato significativo riguarda il costo del premio RCA annuo, che è diminuito dell’1,5% su base annua confermando il trend decrescente. Un calo che si deve alla scelta di avvalersi di tariffe scontate, con riduzione del premio assicurativo, alla quale ha fatto ricorso l’89% degli assicurati. Il premio di tariffa è scontato mediamente del 34% su scala nazionale.
Il premio medio della sola garanzia RC Auto per contratti stipulati o rinnovati nel secondo trimestre 2019 si è assestato sui 405 euro. La metà dei contraenti paga meno di 362 euro, il 90% meno di 628 euro e il 10% meno di 226 euro.

Assicurazione RCA in calo più per le donne

Il 59,6% dei contratti RCA stipulati nel secondo trimestre 2019 è stato sottoscritto da uomini, il restante 40,4% da donne. Il premio medio dei primi si attesta in 408,8 euro, mentre le donne hanno un premio annuo medio inferiore e pari a 398,9 euro. La diminuzione su base annuale è leggermente maggiore per le donne, che rispetto allo stesso trimestre di un anno fa pagano l’1,6% in meno, contro l’1,5% degli uomini. Anche per la tipologia di genere si registra un trend decrescente per il costo assicurazione auto.

Prezzo assicurazione auto: al Sud e a Roma diminuzione più accentuata

La diminuzione del costo assicurazione auto è più marcata al Sud e nelle isole. Capoluoghi meridionali come Enna, Caltanissetta, Catanzaro e Vibo Valentia evidenziano riduzioni del premio assicurativo annuo superiori al 4,5%, fino a raggiungere un massimo del 5,7%. Apprezzabile anche il dato di Roma, dove nell’ultimo anno i prezzi assicurazioni auto sono calati del 4%. Nonostante ciò, il livello dei prezzi sul territorio si conferma molto eterogeneo, sebbene soltanto in 13 province i prezzi siano aumentati – seppure in modo contenuto – fino a un massimo dell’1,6%.

Ad esempio la differenza del prezzo medio tra la provincia più costosa (Napoli) e quella meno costosa (Oristano) è addirittura di 316 euro. Ben 5 province esibiscono un prezzo medio RCA superiore ai 500 euro. Si tratta di Caserta, Massa-Carrara, Napoli, Pistoia e Prato, con il capoluogo di regione campano che risulta essere l’unica provincia a sfondare il muro dei 600 euro (614). Il prezzo imponibile di Napoli è di circa 2 volte (195%) quello di Aosta.

Scatola nera sempre più diffusa sulle auto degli italiani

Tra gli elementi che concorrono alla diminuzione delle tariffe assicurazione auto c’è la presenza a bordo della scatola nera. Sempre più italiani hanno scelto di installare a bordo del proprio veicolo la Black Box, con un aumento dell’1,4% rispetto all’anno precedente. Il 21,5% dei contraenti che hanno stipulato una polizza assicurativa tra aprile e giugno 2019 hanno scelto di avvalersi di questo strumento al momento della firma. Bisogna ricordare che dal 10 luglio 2018, in ottemperanza all’articolo 12 sull’obbligo della trasparenza e accogliendo le modifiche introdotte nell’agosto 2017 dalla Legga sulla Concorrenza attraverso l’articolo 132 ter (comma 4) del Codice delle Assicurazioni, le compagnie assicurative sono state obbligate a definire uno sconto “aggiuntivo e significativo” da applicare ai clienti a fronte della riduzione del rischio connesso al ricorrere della condizione di installare la scatola nera (o un apparecchio che svolga funzioni analoghe) a bordo del proprio veicolo.

Assicurazione auto online: al Sud è più frequente

Sottoscrivere la polizza RC auto online è una scelta che permette di risparmiare sul costo del premio annuo. La popolarità delle assicurazioni auto telematiche è maggiore al Sud. Caserta (63%) è la provincia in cui vi si è fatto maggiormente ricorso, con valori superiori al 40% registrati anche a Crotone, Napoli e Reggio Calabria. La crescita percentuale maggiore è avvenuta in province ancora poco avvezze a questa pratica: Campobasso, Latina, Oristano, Prato e Vibo Valentia hanno infatti registrato incrementi superiori al 3%. Restano invece minimi, seppure in aumento, i valori della diffusione delle polizze online nel Nord-Est. Provincie venete, friulane e trentine come Belluno, Bolzano, Gorizia, Rovigo e Udine hanno meno del 7,5% di contratti assicurativi stipulati per via telematica.

Risparmiare sull’assicurazione auto è l’esigenza di ogni automobilista. Affidarsi alla comparazione online è il miglior modo per ottimizzare la spesa. Scegli Quale.it per confrontare le migliori offerte online polizza auto e trova quella più adatta a te. Inserendo pochi dati riceverai un preventivo gratuito che resterà valido per i due mesi successivi.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE