assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Cosa succede se non pago la semestralità di una polizza auto?

Può capitare di non riuscire a saldare la polizza auto RCA in un’unica rata: per agevolare i contraenti le compagnie assicurative consentono di frazionare il pagamento, generalmente in due tranches (pagando dunque l’assicurazione auto ogni 6 mesi) ma in alcuni casi anche trimestralmente o mensilmente (le cosiddette polizze a rate).

Ma cosa succede se non si salda una delle quote? Vediamo il caso della pratica di rateizzazione più frequente ossia della semestralità dell’assicurazione auto.

Semestralità dell’assicurazione auto: è il pagamento a essere frazionato, non la durata della polizza.

La semestralità della polizza auto riguarda la rateizzazione del premio assicurativo in due soluzioni. A differenza dell’assicurazione auto semestrale, non si tratta di una garanzia temporanea poiché la polizza ha comunque sempre – come indicato dalla legge – durata annuale: il contraente può però godere dell’opportunità di frazionare il pagamento allo scopo di alleggerire il carico delle uscite.

Come avviene un po’ per tutte le rateizzazioni, questa formula comporta una piccola maggiorazione sul premio totale a fronte del vantaggio di non dover versare l’intera cifra in un’unica soluzione.

Copertura assicurativa dopo la scadenza della rata semestrale

In caso di semestralità della polizza auto, il pagamento del premio assicurativo va dunque rinnovato allo scadere dei 6 mesi. Pagamento che è sempre obbligatorio eccezion fatta nelle ipotesi di cessione, demolizione o furto del veicolo.

Nel caso di insolvenza di una delle quote dell’assicurazione semestrale, dopo 2/3 comunicazioni inviate dalla compagnia, si procederà all’invio di un atto legale di ingiunzione di pagamento nei confronti del titolare dell’assicurazione. Se neppure a questo punto questi provvede al pagamento della semestralità della polizza auto, non avrà diritto al rilascio dell’attestato di rischio e al conseguente riconoscimento della propria classe di merito: in qualunque caso si vedrà assegnata la classe di partenza cioè la diciottesima.

Al termine del 15° giorno successivo alla data di scadenza della prima semestralità della polizza auto, scadrà la copertura assicurativa e ogni risarcimento dovuto nell’ipotesi di sinistro sarà completamente a carico del proprietario del veicolo il quale correrà anche il rischio di vedersi infliggere ingenti sanzioni.

Come tutelarsi?

L’unica maniera di salvaguardarsi in caso non riusciate ad assolvere al pagamento della semestralità della polizza auto prima della sua scadenza è quella di ricorrere alla sospensione della copertura, avvisando di tale decisione – tramite raccomandata, fax o mail – la compagnia assicurativa e restituendo il certificato e la relativa carta verde. Le tempistiche per questa richiesta variano a seconda della procedura attuata dalle compagnie (non sempre ad esempio la data di sospensione coincide con l’invio della richiesta) quindi è opportuno fare riferimento alle clausole delle singole polizze. Una volta sospesa la copertura l’auto dovrà ovviamente rimanere ferma e non in aree pubbliche.

La garanzia sarà riattivata al momento del pagamento della tranche dovuta e la sua scadenza sarà prorogata per un periodo pari a quello della sospensione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Spese veterinarie 2018: quali sono?

I nostri cuccioli sono compagni di vita amatissimi, ci seguono ovunque, ci amano, giocano con noi. Vivono sotto al nostro stesso tetto. Non dobbiamo però dimenticarci mai che avere un cane o un gatto è sì un privilegio, ma anche una responsabilità. La loro salute dipende dalle nostre attenzioni. Quali sono le spese veterinarie che

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze last minute con bambini: quale meta scegliere?

Vacanze last minute con bambini: quale meta scegliere? Sappiamo tutti che le vacanze last minute possono essere una vera occasione ghiotta per viaggiare senza spendere molto. E se con noi ci sono dei bambini? Nessuna paura. Esistono moltissime destinazioni kid-friendly, perfette per essere vissute con i piccoli della famiglia!   La Svezia di Pippi Calzelunghe

CONTINUA A LEGGERE

Cane da appartamento: quale razza scegliere

Cane da appartamento: quale razza scegliere Fido è davvero il migliore amico dell’uomo! Purtroppo non tutti hanno la fortuna di vivere in una villa con giardino e, quindi, quale razza di scegliere per chi abita in un appartamento? La premessa necessaria è: non esiste una regola assoluta. I cani adorano stare vicino al padrone e

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE