Tutto quello che c’è da sapere sulla targa di prova: come funziona, chi può richiederla e come

Utilizzabile, per prove tecniche, collaudi, dimostrazioni o per ragioni di vendita o di allestimento dal 2002, la targa di prova (composta da caratteri neri su fondo bianco) è disciplinata in maniera più puntuale per quanto riguarda il rilascio, l’uso, la revoca e il rinnovo dell’autorizzazione.

Quale.it ha negoziato delle offerte per i propri clienti per le targhe prova di nuova immatricolazione:

– Con rinuncia alla rivalsa e franchigia € 1.000: a un prezzo scontato di € 909,50

– Con rinuncia alla rivalsa e franchigia € 1.000, con aggiunta di polizza Zero Franchigia: la tariffa è di € 979.49.

Sono previsti ulteriori e significativi sconti per i clienti che arrivano da Unipol, Generali, Axa, Aviva, Itus, Sara, Zurich.

Per l’emissione della tua polizza targa prova invia un’e-mail ad assistenza@quale.it, pagamento via bonifico.

La nuova disciplina della targa di prova

Il D.P.R. 24 novembre 2001 concernente il “Regolamento di semplificazione del procedimento di autorizzazione alla circolazione di prova dei veicoli”, infatti, ha introdotto nuove norme che riguardano la targa di prova. Sono state dunque abrogate parti delle precedenti regolamentazioni previste dal Codice della Strada, introducendo ad esempio un unico modello di targa di prova valido sia per gli autoveicoli e i loro rimorchi che per ciclomotori, motoveicoli, macchine agricole o macchine operatrici.

Chi può richiedere la targa di prova?

Fra le categorie che possono richiedere l’autorizzazione alla targa di prova vi sono:

  • fabbriche costruttrici di veicoli a motore e di rimorchi, i loro rappresentanti, concessionari e agenti di vendita
  • Istituti universitari e Enti pubblici e privati di ricerca che fanno sperimentazioni su veicoli
  • fabbriche costruttrici di carrozzerie e di pneumatici
  • esercenti di officine di autoriparazione
  • aziende che si occupano del trasferimento su strada di veicoli non immatricolati per tragitti non superiori ai 100 km

L’autorizzazione al rilascio

L’autorizzazione alla circolazione di prova è rilasciata dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti – tramite gli uffici della Motorizzazione Civile – con validità annuale e deve essere tenuta a bordo del veicolo sul quale è necessaria la presenza del titolare dell’autorizzazione o di un soggetto che abbia un rapporto di collaborazione funzionale con il titolare dell’autorizzazione, attestato da una documentazione appropriata e provvisto di una delega.

Come richiedere la targa di prova

Le categorie sopra citate possono fare richiesta di targa di prova alla Motorizzazione civile di competenza (fa fede la sede dell’Azienda che la utilizzerà) dietro presentazione dei seguenti documenti:

  • modulo TT2119 (scaricabile anche online)
  • autocertificazione (o altra documentazione) relativa all’attività svolta
  • attestazione del pagamento dei versamenti dovuti

Targa prova: assicurazione RCA e revisione del veicolo

La targa di prova deve necessariamente essere coperta da assicurazione Rca per la responsabilità civile verso terzi (i cui prezzi seguono le logiche delle diverse compagnie assicurative) ed è soggetta al pagamento della tassa automobilistica.

Sono previste sanzioni pecuniarie da 84 euro a 335 euro per veicoli in circolazione di prova adibiti a uso diverso e da 25 euro a 99 euro per mancata esposizione della targa prova durante la circolazione. Perché rischiare?

Il motore di comparazione di Quale.it non ti consente di confrontare preventivi per le targhe prova ma scrivici a info@quale.it, sapremo suggerirti a chi rivolgerti.

Una recente sentenza della Cassazione (4 agosto 2016) ha sentenziato inoltre che l’uso della targa prova non esonera dall’obbligo di revisione del veicolo.

Cosa fare in caso di smarrimento della targa di prova?

Secondo l’articolo 3 del DPR 474/2001 in caso di smarrimento o sottrazione della targa di prova il titolare ne deve fare denuncia entro 48 ore agli organi di Polizia e successivamente potrà chiedere un nuovo rilascio.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza vita o fondo pensione: quale scegliere, come risparmiare

Garantire serenità e stabilità economica ai propri familiari. Una necessità per tanti, una scelta che passa attraverso due strade: polizza vita o fondo pensione. Quali sono le differenze e quale scegliere in base alle proprie esigenze? Polizza vita e fondo pensione: cosa sono L’assicurazione vita è un contratto attraverso il quale il contraente assicura un

CONTINUA A LEGGERE

Polizza caso morte a vita intera: cos’è e come funziona

Le polizze assicurative vita servono a salvaguardare i nostri cari in caso di eventi accidentali. Tra queste l’assicurazione vita caso morte ha il compito di tutelare il patrimonio qualora si debba fare a meno di una fonte di reddito importante. Scelta da una grande quantità di assicurati, la polizza vita caso morte è disponibile in

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: cosa cambia con la RC familiare

La RC familiare permette di risparmiare anche sull’assicurazione moto? Di RC Auto Familiare si è iniziato a parlare negli ultimi mesi del 2019, ma il provvedimento è entrato in vigore soltanto il 16 febbraio 2020. Modificando l’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP) ha esteso i benefici della Legge Bersani assicurazione sul tema dell’ereditarietà

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione rischio locativo: cos’è e come funziona

La assicurazione rischio locativo è una polizza che protegge l’inquilino da eventuali rivalse da parte del locatore. Pensata esclusivamente per il locatario, lo tutela da eventuali danni causati da eventi a lui riconducibili, risarcendo il proprietario. Scopriamo l’assicurazione rischio locativo cosa copre e quando va stipulata. Rischio locativo: definizione Il rischio locativo deriva in maniera indiretta

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE