Come pagare il bollo auto online: la procedura

È possibile pagare il bollo auto online? Il bollo automezzi è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Il versamento va effettuato ogni anno, indipendentemente dall’utilizzo o meno di auto o moto. Si tratta infatti di un contributo legato al possesso e non all’utilizzo del bene. Come si corrisponde e come si verifica pagamento bollo auto?

Dove pagare il bollo auto

La tassa automobilistica va pagata ogni anno alla scadenza bollo auto, che è riportata sulla ricevuta di pagamento e non è una data unica. Questa dipende infatti dalla data di immatricolazione del veicolo, che avviene contestualmente alla registrazione al PRA. Il bollo autoveicoli va pagato entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione (primo anno). Negli anni successivi il pagamento va effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza. Il bollo auto si può pagare:

  • Presso qualsiasi ufficio ACI
  • Agli uffici postali, tramite bollettino
  • Nelle tabaccherie convenzionate e abilitate al pagamento
  • Nelle agenzie di pratiche abilitate
  • Via telefono, tramite il servizio Telebollo, con carta di credito

È inoltre possibile pagare il bollo auto online. Questa procedura si può effettuare sul sito delle Poste Italiane, su quello dell’ACI o tramite i servizi di home banking, accedendo alla sezione relativa ai pagamenti online.

Esenzione bollo auto

Sono invece esentati dal pagamento bollo auto i soggetti disabili e le auto con motorizzazioni specifiche. Alla prima voce rientrano i disabili titolari della Legge 104/92, ovvero soggetti non vedenti, sordi, disabili con handicap psichico o mentale titolari di indennità di accompagnamento, con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni, con ridotte o impedite capacità motorie. L’esenzione bollo auto spetta inoltre alle auto elettriche nei primi cinque anni dalla data di immatricolazione, auto appartenenti ad organizzazioni senza scopo di lucro e storiche, ovvero costruite da più di 30 anni. I proprietari di quest’ultime sono comunque tenuti al pagamento di una tassa di circolazione di importo pari a 31,24 euro (12,50 euro per i motocicli).

Pagamento bollo online: chi può farlo?

Pagare bollo online è una possibilità aperta a tutti, ma con delle distinzioni. Essendo affidato a più enti su tutto il territorio, il versamento del bollo auto online prevede modalità diverse. I pagamenti online sono permessi nelle regioni in cui la tassa automobilistica è gestita dall’ACI. Si tratta di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e nelle province autonome di Trento e Bolzano. E chi resta tagliato fuori? Nessun problema, anche lui avrà la chance per pagare il bollo auto online. Per farlo potrà servirsi del sito delle Poste Italiane o accedere all’area personale della propria home banking. Si consiglia inoltre di visitare il sito ufficiale della propria regione di residenza. In questo modo si possono rintracciare informazioni al riguardo e verificare la possibilità di pagare online attraverso il circuito Pago PA.

Calcolo bollo auto e come effettuare il pagamento

Tra i vantaggi che si hanno nel pagare il bollo auto online, ce n’è uno che spicca. Effettuando il versamento online, infatti, non occorre conoscere l’importo da pagare. Il calcolo bollo viene eseguito automaticamente su tutti i siti abilitati al servizio, inserendo il numero di targa del proprio veicolo. In questo caso l’interessato dovrà segnalare la tipologia del veicolo (auto o moto) e indicare se si tratta di una prima immatricolazione o di un rinnovo. Compilati i seguenti campi, vengono visualizzati tutti i dettagli del veicolo: potenza in kW, tipo di alimentazione e classe di inquinamento. A questo punto non resta che confermarli, inserire i dati della propria carta di credito e provvedere al pagamento. Lo strumento calcola bollo è presente anche sul sito dell’Agenzia delle Entrate bollo auto e sul calcolo bollo ACI.

Sanzioni per ritardo nel pagamento del bollo

La mancata corresponsione del bollo auto è punita con una multa. La sanzione pecuniaria aggiuntiva è pari allo 0,1% dell’importo per ogni giorno di ritardo (se si paga entro 15 giorni dalla scadenza), all’1,5% se si paga entro 30 giorni, all’1,67% se si paga entro 90 giorni e del 3,75% se si paga entro un anno. I pagamenti effettuati dopo oltre un anno dalla scadenza vengono sanzionati con un importo pari al 30% rispetto a quello originario, con la maggiorazione degli interessi maturati.

Il pagamento bollo auto è uno degli obblighi di ogni automobilista, al pari della sottoscrizione di un’assicurazione auto. Se devi stipulare la prima oppure se la tua sta per scadere, scegli il nostro comparatore. Avrai a disposizione le offerte delle migliori compagnie online e potrai individuare facilmente quella più adatta alle tue esigenze. Una volta ricevuto un preventivo gratuito, non c’è fretta: ci sono infatti 60 giorni di tempo per decidere se convalidarlo o ripetere l’operazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE