Come disdire o rinnovare l’assicurazione auto

Disdire l’assicurazione auto, soprattutto dopo i cambiamenti legislativi, è ormai un procedimento semplice. Ci sono però alcune prassi da seguire quando si decide di disdire o cambiare l’assicurazione auto.

L’assicurazione auto: come rinnovare o disdire il contratto RCA

Disdire l’assicurazione auto è diventata un’operazione alquanto semplice soprattutto dall’abolizione del tacito rinnovo. Con il tacito rinnovo l’assicurazione auto si rinnovava in maniera automatica alla scadenza dell’assicurazione stessa, senza che l’automobilista dovesse fare alcun tipo di richiesta. Se voleva disdire l’assicurazione auto, un mese prima della scadenza si doveva notificare alla compagnia assicurativa la propria volontà di disdire la RCA, rispettando poi i tempi indicati sul contratto. È tutto cambiato.

Dal primo gennaio del 2013 infatti si è semplificata la procedura, grazie all’abolizione del tacito rinnovo, con il decreto legge n. 179 del 18/10/2012 convertito in Legge n. 221 del 17/12/2012.. Una legge che ha reso più facile l’abolizione del tacito rinnovo, e quindi semplificato anche l’uso dei comparatori di assicurazioni online, per scegliere la polizza migliore al momento di dover rinnovare la RC auto. Per disdire l’assicurazione auto basterà, d’ora in poi, non pagare il premio per l’anno successivo. Di conseguenza, alla scadenza della vostra polizza vi ricordiamo di fare attenzione perché non sarà più presente la copertura automatica e in caso di sinistro si potrà incorrere nella confisca del veicolo per la mancanza di copertura.

Cosa fare per rinnovare la polizza auto

Nel caso in cui si voglia rinnovare la propria assicurazione auto sarà sufficiente comunicarlo per tempo alla compagnia assicurativa.

È molto semplice: 30 giorni prima della scadenza dell’assicurazione, la compagnia assicurativa è tenuta a inviarvi un promemoria per avvertire il proprietario del veicolo della decorrenza dei termini. Per provvedere al rinnovo dell’assicurazione auto si dovrà quindi stipulare ogni volta un contratto ex novo della durata di un anno, recandosi in prima persona negli uffici preposti o attraverso il sito web della compagnia prescelta.

Consigliamo grande attenzione alle tempistiche rispetto alla scadenza della RCA, per evitare di guidare senza assicurazione, con il rischio di dover poi pagare una multa salata se si circola senza copertura assicurativa.

Cosa fare per cambiare Rc Auto

Infine: cosa dobbiamo fare se vogliamo cambiare compagnia assicurativa per la nostra RCA? La procedura migliore per assicurare la propria auto ad un prezzo economico è quella di confrontare più di una proposta assicurativa; il modo più veloce per farlo è quello di affidarsi a uno strumento di comparazione online per le assicurazioni, dove, compilando un semplice questionario, si avrà la possibilità di avere dei preventivi personalizzati proposti da diverse compagnie.

Prima di mettervi davanti al computer per effettuare la vostra ricerca, prendete il libretto di circolazione (vi sarà utile per recuperare i dati relativi al vostro veicolo) e l’attestato di rischio. Su questo documento è riportata la classe di merito, che manterrete nel cambio contrattuale, mentre il nuovo attestato di rischio vi sarà inviato dalla vostra compagnia a 30 giorni dalla scadenza della polizza.

Compilato il questionario potrete confrontare i preventivi che il comparatore avrà calcolato per voi, aggiungere le garanzie accessorie, controllare i massimali ed infine acquistare e salvare il preventivo che ritenete più adatto alle vostre esigenze.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Come disdire assicurazione auto dopo l’abolizione del tacito rinnovo

Disdire l’assicurazione auto non è più una procedura obbligatoria per cambiare compagnia. L’abolizione del tacito rinnovo assicurazione permette infatti di non comunicare più alla propria compagnia la volontà di trasferire altrove la propria polizza RC Auto. Vediamo dunque come si può, già dal dicembre 2013, cambiare compagnia senza tacito rinnovo. Tacito rinnovo: significato e abolizione

CONTINUA A LEGGERE

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE