Come controllare i punti della patente: calcolo e verifica

La patente a punti, entrata in vigore nel 2003, prevede che ad ogni guidatore siano attribuiti 20 punti di partenza sulla patente che potranno aumentare e diminuire a seconda del comportamento del guidatore al volante:

  • diminuire in relazione alle infrazioni del codice della strada certificate (decurtazione di punti),
  • aumentare fino ad un max di 30 punti totali, grazie al bonus punti patente, che a partire dal 2005 assegna 2 punti dalla Direzione Generale della Motorizzazione a coloro che – nel corso dell’ultimo biennio – non abbiano subito una decurtazione di punti.

Per vedere i punti della patente accumulati nel tempo o controllare quanti punti sono rimasti ci sono due opzioni:

  • registrarsi gratuitamente su il portale dell’automobilista, inserendo login e password,
  • telefonando al numero +39 848 782 782 dove risponderà una voce automatica che ci seguirà nei vari step (al costo di una chiamata urbana).

Zero punti patente: cosa fare

In caso di azzeramento totale dei punti l’automobilista dovrà sostenere nuovamente l’esame di guida (revisione), ma prima di poter sostenere la prova teorico-pratica, l’ufficio provinciale competente del luogo di residenza del guidatore dovrà:

  • verificare che il soggetto sia rimasto privo di punti attraverso una comunicazione effettuata dall’Anagrafe nazionale dei conducenti,
  • avviare la revisione,
  • inviare la notifica al conducente.

In seguito alla ricezione della notifica, l’automobilista ha 30 giorni di tempo utili per procedere alla prenotazione dell’esame di guida.

Tabella di decurtazione dei punti della patente

-1 punto dalla patente

  • guida con luci spente o uso improprio,
  • errata collocazione di passeggeri, animali ed oggetti.

-2 punti dalla patente

  • violazione della segnaletica stradale o delle segnalazioni degli agenti,
  • uso di traino collegato in modo improprio,
  • autovetture in sovraccarico o con un numero di persone superiore al n° per cui è omologata l’auto.

-3 punti dalla patente

  • infrazione delle regole generali per effettuare un sorpasso,
  • inappropriata distanza di sicurezza (nei casi di incidente con lesioni gravi),
  • mancato blocco su segnalazione dell’agente,
  • rifiuto di esibire i documenti richiesti o di far controllare il veicolo,
  • eccesso di velocità rispetto ai limiti consentiti (oltre i 10 km orari) e andatura inferiore ai 40 orari,

-4 punti dalla patente

  • Imboccare una strada controsenso,
  • uso scorretto delle corsie,
  • scappare in seguito ad un sinistro che abbia provocato danni non tali da portare alla revisione della patente,

-5 punti dalla patente

  • Mancato uso del casco o scorretto (non allacciato o allacciato in modo improprio),
  • uso di cuffie per l’ascolto musicale o abuso del telefonino durante la guida,
  • mancata precedenza a mezzi predisposti al soccorso (ambulanze, vigili del fuoco etc…),
  • mancato uso di lenti se prescritte.

-6 punti dalla patente

  • Mancato rispetto dello “STOP”, precedenza omessa o attraversamento di un incrocio con semaforo rosso,
  • inosservanza delle regole generali previste in prossimità dei passaggi a livello,
  • mancata precedenza a mezzi predisposti al soccorso (ambulanze, vigili del fuoco etc…),
  • eccesso di velocità superiore a 40 km/h e inferiore a 60 km/h.

-8 punti dalla patente

  • Inappropriata distanza di sicurezza che ha generato incidenti gravi danni a cose,
  • mancata precedenza ai pedoni che attraversano la strada sulle strisce,
  • inversione di marcia in corrispondenza di incroci, curve e dossi,

-10 punti dalla patente

  • gare di velocità con mezzi a motore, competizioni non autorizzate,
  • circolazione controsenso di circolazione su strada con dossi e con scarsa visibilità,
  • sorpassi pericolosi,
  • retromarcia su autostrade,
  • Guida sotto effetto di sostanze alcoliche o stupefacenti e rifiuto a sottoporsi agli accertamenti necessari ad attestare il tasso alcolemico e le alterazioni psico-fisiche,
  • scappare in seguito ad un sinistro che abbia provocato gravi danni a mezzi e/o a persone,
  • forzare posti di blocco,
  • sorpasso di veicoli in sosta o in lenta circolazione dove non consentito, in modo da invadere la carreggiata destinata al doppio senso di circolazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE