Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme.

Contraente di una polizza: il contratto assicurativo ha diversi attori

Un contratto assicurativo è un accordo tra parti il cui fine è proprio la definizione di una polizza assicurativa (assicurazione auto, assicurazione moto, assicurazione casa, assicurazione vita e così via…). Questo contratto coinvolge più parti: riporta gli accordi tra la compagnia e il contraente assicurativo, elencando di fatto diritti e obblighi di entrambe le parti. Nella fattispecie si parla del tipo di rischio che la polizza protegge e che dovrà quindi risarcire, il tipo di premio e la ricorrenza dello stesso.Dalla parte di chi eroga il servizio abbiamo la compagnia assicuratrice, che è la società presso cui acquistiamo la polizza, a cui dobbiamo pagare un premio semestrale o annuale in cambio di una tutela assicurativa sul bene da proteggere.

Ma chi c’è dall’altra parte? Almeno tre individui, che possono o meno coincidere: il contraente, l’assicurato e il beneficiario. Vediamo nel dettaglio i ruoli che hanno nella stipula di un contratto assicurativo.

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Il contraente di una polizza assicurativa è colui che materialmente firma il contratto assicurativo con la compagnia assicuratrice. Participio presente del verbo contrarre, è colui che stringe gli accordi ufficiali con la compagnia assicuratrice. È il contraente cioè che si impegna a pagare il premio ogni semestre (o ogni anno, o anche meno, in caso di assicurazioni auto temporanee). Il contraente può essere anche l’assicurato e il beneficiario di questa stessa polizza. Qualora non lo fosse, invece (per esempio, nel caso di un genitore che contrae la polizza assicurativa per il motorino del figlio), è possibile indicare chi siano l’assicurato e il beneficiario di detta assicurazione.

È importante inoltre considerare che, nel caso di una assicurazione per auto o moto, il contraente dell’assicurazione può non coincidere con il proprietario del mezzo. L’attestato di rischio e quindi il premio da pagare sono valutati su quest’ultimo, in base alla classe assicurativa, all’età, alle condizioni fisiche e così via.

Chi è l’assicurato di una polizza assicurativa?

L’assicurato di una polizza assicurativa è colui che deve essere protetto dalla polizza stessa. In altre parole è colui che è esposto al rischio. Può non coincidere con il contraente. Facciamo un esempio. Un commercialista è dipendente di uno studio di professionisti. Il suo datore di lavoro stipulerà una polizza assicurativa di lavoro per tutti i suoi dipendenti e sarà quindi il contraente di tale polizza. L’assicurato però è il singolo dipendente, cioè colui che è esposto al rischio di commettere involontariamente errori e per cui è tutelato.

Chi è il beneficiario di una polizza assicurativa?

Dipende! Nel caso di assicurazioni auto e moto, solitamente il beneficiario è sempre l’assicurato. Se quindi un automobilista subisce un incidente, l’assicurazione ripagherà l’assicurato (che in questo caso è anche beneficiario). Qualcosa invece cambia nel caso di assicurazioni sulla vita. In questo caso, infatti, le polizze caso vita o caso morte includono la possibilità della morte dell’assicurato che perderà quindi il diritto di beneficio. Chi sono allora i beneficiari delle somme maturate alla morte dell’assicurato o alla scadenza del contratto? I familiari, gli eredi o altro beneficiario che l’assicurato ha designato nel contratto assicurato.

Le polizze collettive: quando gli assicurati sono più di uno

Esistono alcuni casi, non così rari come si potrebbe pensare, in cui il contraente della polizza assicurativa è uno solo, mentre gli assicurati sono diversi. L’esempio più lampante è quello del datore di lavoro che, proprio in qualità di titolare dell’azienda, può decidere di acquistare una polizza assicurativa per conto dei suoi impiegati o dei suoi dipendenti. O, ancora, è possibile che in una polizza casa o vita sia il capofamiglia a voler tutelare i propri familiari, cioè assicurare tutti i componenti del proprio nucleo familiare da eventi accidentali dentro o fuori casa. In questo caso il contraente è uno solo mentre gli assicurati sono diversi.

Scegliere con criterio è il primo passo per risparmiare

Oggigiorno sono moltissime le offerte di polizze assicurative. Scegliere può sembrare complicato. In realtà avere tante polizze diverse è un bene perché la concorrenza in libero mercato va a favorire la migliore offerta per il consumatore finale. Non è però solo importante risparmiare, ma anche scegliere la polizza su misura per noi. Acquistare cioè una protezione che ci calzi a pennello e che saremo quindi felici di pagare. Scegliere con criterio è quindi il primo passo per risparmiare, per non cedere agli specchietti per allodole e per acquistare solo le protezioni che realmente ci servono, né più né meno. Sul nostro comparatore puoi verificare le migliori offerte sul mercato e decidere quella che fa per te, in base alle tue esigenze. Puoi farti formulare un preventivo, che è gratuito e assolutamente senza impegno, che puoi conservare fino a 60 giorni. Non male, no? Scopri l’assicurazione che fa per te!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza vita mista: cos’è, come funziona?

Polizza vita mista: cos’è, come funziona? La polizza vita mista è un particolare tipo di contratto assicurativo che unisce, per così dire, la polizza caso vita e la polizza caso morte. Il premio viene infatti corrisposto se l’assicurato è ancora in vita alla scadenza del contratto o ai suoi beneficiari, qualora l’assicurato muoia entro questa

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE

Patente speciale: come richiedere, dove rinnovare

I soggetti affetti da disabilità (dalla nascita, per incidente o malattia) hanno diritto a guidare l’auto? La risposta è affermativa, purché siano in possesso di una patente auto speciale. Questo titolo di guida ha un iter identico a quello della normale patente b auto. Propedeutico al suo ottenimento è il superamento di esami di teoria

CONTINUA A LEGGERE

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE