Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme.

Contraente di una polizza: il contratto assicurativo ha diversi attori

Un contratto assicurativo è un accordo tra parti il cui fine è proprio la definizione di una polizza assicurativa (assicurazione auto, assicurazione moto, assicurazione casa, assicurazione vita e così via…). Questo contratto coinvolge più parti: riporta gli accordi tra la compagnia e il contraente assicurativo, elencando di fatto diritti e obblighi di entrambe le parti. Nella fattispecie si parla del tipo di rischio che la polizza protegge e che dovrà quindi risarcire, il tipo di premio e la ricorrenza dello stesso.Dalla parte di chi eroga il servizio abbiamo la compagnia assicuratrice, che è la società presso cui acquistiamo la polizza, a cui dobbiamo pagare un premio semestrale o annuale in cambio di una tutela assicurativa sul bene da proteggere.

Ma chi c’è dall’altra parte? Almeno tre individui, che possono o meno coincidere: il contraente, l’assicurato e il beneficiario. Vediamo nel dettaglio i ruoli che hanno nella stipula di un contratto assicurativo.

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Il contraente di una polizza assicurativa è colui che materialmente firma il contratto assicurativo con la compagnia assicuratrice. Participio presente del verbo contrarre, è colui che stringe gli accordi ufficiali con la compagnia assicuratrice. È il contraente cioè che si impegna a pagare il premio ogni semestre (o ogni anno, o anche meno, in caso di assicurazioni auto temporanee). Il contraente può essere anche l’assicurato e il beneficiario di questa stessa polizza. Qualora non lo fosse, invece (per esempio, nel caso di un genitore che contrae la polizza assicurativa per il motorino del figlio), è possibile indicare chi siano l’assicurato e il beneficiario di detta assicurazione.

È importante inoltre considerare che, nel caso di una assicurazione per auto o moto, il contraente dell’assicurazione può non coincidere con il proprietario del mezzo. L’attestato di rischio e quindi il premio da pagare sono valutati su quest’ultimo, in base alla classe assicurativa, all’età, alle condizioni fisiche e così via.

Chi è l’assicurato di una polizza assicurativa?

L’assicurato di una polizza assicurativa è colui che deve essere protetto dalla polizza stessa. In altre parole è colui che è esposto al rischio. Può non coincidere con il contraente. Facciamo un esempio. Un commercialista è dipendente di uno studio di professionisti. Il suo datore di lavoro stipulerà una polizza assicurativa di lavoro per tutti i suoi dipendenti e sarà quindi il contraente di tale polizza. L’assicurato però è il singolo dipendente, cioè colui che è esposto al rischio di commettere involontariamente errori e per cui è tutelato.

Chi è il beneficiario di una polizza assicurativa?

Dipende! Nel caso di assicurazioni auto e moto, solitamente il beneficiario è sempre l’assicurato. Se quindi un automobilista subisce un incidente, l’assicurazione ripagherà l’assicurato (che in questo caso è anche beneficiario). Qualcosa invece cambia nel caso di assicurazioni sulla vita. In questo caso, infatti, le polizze caso vita o caso morte includono la possibilità della morte dell’assicurato che perderà quindi il diritto di beneficio. Chi sono allora i beneficiari delle somme maturate alla morte dell’assicurato o alla scadenza del contratto? I familiari, gli eredi o altro beneficiario che l’assicurato ha designato nel contratto assicurato.

Le polizze collettive: quando gli assicurati sono più di uno

Esistono alcuni casi, non così rari come si potrebbe pensare, in cui il contraente della polizza assicurativa è uno solo, mentre gli assicurati sono diversi. L’esempio più lampante è quello del datore di lavoro che, proprio in qualità di titolare dell’azienda, può decidere di acquistare una polizza assicurativa per conto dei suoi impiegati o dei suoi dipendenti. O, ancora, è possibile che in una polizza casa o vita sia il capofamiglia a voler tutelare i propri familiari, cioè assicurare tutti i componenti del proprio nucleo familiare da eventi accidentali dentro o fuori casa. In questo caso il contraente è uno solo mentre gli assicurati sono diversi.

Scegliere con criterio è il primo passo per risparmiare

Oggigiorno sono moltissime le offerte di polizze assicurative. Scegliere può sembrare complicato. In realtà avere tante polizze diverse è un bene perché la concorrenza in libero mercato va a favorire la migliore offerta per il consumatore finale. Non è però solo importante risparmiare, ma anche scegliere la polizza su misura per noi. Acquistare cioè una protezione che ci calzi a pennello e che saremo quindi felici di pagare. Scegliere con criterio è quindi il primo passo per risparmiare, per non cedere agli specchietti per allodole e per acquistare solo le protezioni che realmente ci servono, né più né meno. Sul nostro comparatore puoi verificare le migliori offerte sul mercato e decidere quella che fa per te, in base alle tue esigenze. Puoi farti formulare un preventivo, che è gratuito e assolutamente senza impegno, che puoi conservare fino a 60 giorni. Non male, no? Scopri l’assicurazione che fa per te!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione vita: cosa accade in caso di suicidio

Le assicurazioni sulla vita servono a tutelare sé stessi e i propri cari nei momenti difficili. Sul mercato esistono quattro tipi di polizza vita: caso morte, caso vita, assicurazione mista e polizza vita intera. Cosa accade, però, in caso di suicidio? Esiste una assicurazione vita suicidio? Per capire come agiscono le compagnie assicurative davanti a

CONTINUA A LEGGERE

Polizza vita o fondo pensione: quale scegliere, come risparmiare

Garantire serenità e stabilità economica ai propri familiari. Una necessità per tanti, una scelta che passa attraverso due strade: polizza vita o fondo pensione. Quali sono le differenze e quale scegliere in base alle proprie esigenze? Polizza vita e fondo pensione: cosa sono L’assicurazione vita è un contratto attraverso il quale il contraente assicura un

CONTINUA A LEGGERE

Polizza caso morte a vita intera: cos’è e come funziona

Le polizze assicurative vita servono a salvaguardare i nostri cari in caso di eventi accidentali. Tra queste l’assicurazione vita caso morte ha il compito di tutelare il patrimonio qualora si debba fare a meno di una fonte di reddito importante. Scelta da una grande quantità di assicurati, la polizza vita caso morte è disponibile in

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE