Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme.

Contraente di una polizza: il contratto assicurativo ha diversi attori

Un contratto assicurativo è un accordo tra parti il cui fine è proprio la definizione di una polizza assicurativa (assicurazione auto, assicurazione moto, assicurazione casa, assicurazione vita e così via…). Questo contratto coinvolge più parti: riporta gli accordi tra la compagnia e il contraente assicurativo, elencando di fatto diritti e obblighi di entrambe le parti. Nella fattispecie si parla del tipo di rischio che la polizza protegge e che dovrà quindi risarcire, il tipo di premio e la ricorrenza dello stesso.Dalla parte di chi eroga il servizio abbiamo la compagnia assicuratrice, che è la società presso cui acquistiamo la polizza, a cui dobbiamo pagare un premio semestrale o annuale in cambio di una tutela assicurativa sul bene da proteggere.

Ma chi c’è dall’altra parte? Almeno tre individui, che possono o meno coincidere: il contraente, l’assicurato e il beneficiario. Vediamo nel dettaglio i ruoli che hanno nella stipula di un contratto assicurativo.

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Il contraente di una polizza assicurativa è colui che materialmente firma il contratto assicurativo con la compagnia assicuratrice. Participio presente del verbo contrarre, è colui che stringe gli accordi ufficiali con la compagnia assicuratrice. È il contraente cioè che si impegna a pagare il premio ogni semestre (o ogni anno, o anche meno, in caso di assicurazioni auto temporanee). Il contraente può essere anche l’assicurato e il beneficiario di questa stessa polizza. Qualora non lo fosse, invece (per esempio, nel caso di un genitore che contrae la polizza assicurativa per il motorino del figlio), è possibile indicare chi siano l’assicurato e il beneficiario di detta assicurazione.

È importante inoltre considerare che, nel caso di una assicurazione per auto o moto, il contraente dell’assicurazione può non coincidere con il proprietario del mezzo. L’attestato di rischio e quindi il premio da pagare sono valutati su quest’ultimo, in base alla classe assicurativa, all’età, alle condizioni fisiche e così via.

Chi è l’assicurato di una polizza assicurativa?

L’assicurato di una polizza assicurativa è colui che deve essere protetto dalla polizza stessa. In altre parole è colui che è esposto al rischio. Può non coincidere con il contraente. Facciamo un esempio. Un commercialista è dipendente di uno studio di professionisti. Il suo datore di lavoro stipulerà una polizza assicurativa di lavoro per tutti i suoi dipendenti e sarà quindi il contraente di tale polizza. L’assicurato però è il singolo dipendente, cioè colui che è esposto al rischio di commettere involontariamente errori e per cui è tutelato.

Chi è il beneficiario di una polizza assicurativa?

Dipende! Nel caso di assicurazioni auto e moto, solitamente il beneficiario è sempre l’assicurato. Se quindi un automobilista subisce un incidente, l’assicurazione ripagherà l’assicurato (che in questo caso è anche beneficiario). Qualcosa invece cambia nel caso di assicurazioni sulla vita. In questo caso, infatti, le polizze caso vita o caso morte includono la possibilità della morte dell’assicurato che perderà quindi il diritto di beneficio. Chi sono allora i beneficiari delle somme maturate alla morte dell’assicurato o alla scadenza del contratto? I familiari, gli eredi o altro beneficiario che l’assicurato ha designato nel contratto assicurato.

Le polizze collettive: quando gli assicurati sono più di uno

Esistono alcuni casi, non così rari come si potrebbe pensare, in cui il contraente della polizza assicurativa è uno solo, mentre gli assicurati sono diversi. L’esempio più lampante è quello del datore di lavoro che, proprio in qualità di titolare dell’azienda, può decidere di acquistare una polizza assicurativa per conto dei suoi impiegati o dei suoi dipendenti. O, ancora, è possibile che in una polizza casa o vita sia il capofamiglia a voler tutelare i propri familiari, cioè assicurare tutti i componenti del proprio nucleo familiare da eventi accidentali dentro o fuori casa. In questo caso il contraente è uno solo mentre gli assicurati sono diversi.

Scegliere con criterio è il primo passo per risparmiare

Oggigiorno sono moltissime le offerte di polizze assicurative. Scegliere può sembrare complicato. In realtà avere tante polizze diverse è un bene perché la concorrenza in libero mercato va a favorire la migliore offerta per il consumatore finale. Non è però solo importante risparmiare, ma anche scegliere la polizza su misura per noi. Acquistare cioè una protezione che ci calzi a pennello e che saremo quindi felici di pagare. Scegliere con criterio è quindi il primo passo per risparmiare, per non cedere agli specchietti per allodole e per acquistare solo le protezioni che realmente ci servono, né più né meno. Sul nostro comparatore puoi verificare le migliori offerte sul mercato e decidere quella che fa per te, in base alle tue esigenze. Puoi farti formulare un preventivo, che è gratuito e assolutamente senza impegno, che puoi conservare fino a 60 giorni. Non male, no? Scopri l’assicurazione che fa per te!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Patente A2: costi, limitazioni, foglio rosa, cosa posso guidare

Guidare una moto significa anche addentrarsi nella giungla delle patenti. Basta una sigla a definire le possibilità di un centauro: età per conseguirla, cilindrata massima consentita, limitazioni. Lo step successivo al patentino (patente AM) e alla A1, utile a condurre motocicli fino a 125cc, si chiama patente A2. Quando è possibile ottenere questa patente per

CONTINUA A LEGGERE

Costo assicurazione auto: le 7 variabili che incidono di più

Nuove forme di mobilità sostenibile, vecchi obblighi. Se si acquista un’auto, nuova o usata che sia, il primo compito è quello di sottoscrivere l’assicurazione RCA. La responsabilità civile autoveicoli è obbligatoria per legge e garantisce l’intestatario per danni cagionati a terzi in caso di incidente. Come risparmiare sulla polizza auto e quali sono le variabili

CONTINUA A LEGGERE

Le 3 piste ciclabili più belle d’Italia

Le piste ciclabili sono percorsi protetti o riservati alle biciclette, dove il traffico motorizzato è generalmente escluso. Progettate con l’obiettivo di separare il traffico ciclabile da quello motorizzato e pedonale, servono ad aumentare la sicurezza stradale. Inoltre facilitano lo scorrimento dei veicoli. Tutto rose e fiori? Non proprio, perché in Italia non sempre è facile

CONTINUA A LEGGERE

Normativa seggiolini auto: i sensori salva bebè

Le regole seggiolini auto sono in continua evoluzione. L’obiettivo è quello di proteggere al massimo la salute dei bambini e permettere loro di viaggiare sicuri. Premesso che i bambini in auto davanti non possono sedersi fino al compimento dei 12 anni di età e al superamento di 1,50 metri d’altezza, resta da capire quale sia

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Assicurazione motorino: come scegliere la polizza moto 50cc

Sulle due ruote non si scherza, specie quando si tratta di motorini e ciclomotori di bassa cilindrata. In città il motorino è un mezzo di spostamento imbattibile: comodo e agile, consente di muoversi con facilità nel traffico e negli spazi stretti. Facile vittima di ladri o di piccoli incidenti, è fondamentale scegliere l’assicurazione motorino più

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 3 giorni: conviene?

Pagare l’assicurazione auto soltanto nei giorni in cui si circola su strada, che sia anche solo per 3 giorni? Quella che può sembrare una suggestione, è realtà ormai da tempo. Diverse compagnie assicurative mettono a disposizione dei propri clienti formule alternative per la polizza auto. Non solo assicurazioni RC tradizionali, con pagamento annuale, ma anche a

CONTINUA A LEGGERE

Contratto di locazione turistica: durata, registrazione, tassazione

Sei proprietario di una casa e vuoi affittarla per un breve periodo? Puoi farlo grazie al contratto di locazione turistica. Questa formula permette di cedere un immobile per finalità transitorie, aiutando chi cerca una casa vacanze. Le finalità del richiedente possono essere diverse: dal viaggio di riposo, di affari o a scopo curativo. Per stipulare

CONTINUA A LEGGERE

Gatto viaggio lungo macchina: 10 consigli pratici

Quando si parla di andare in vacanza con gli animali, il pensiero corre subito al cane. Tra gli amici a quattro zampe, però, rientrano anche i gatti. Soltanto in Italia questi animali domestici sono quasi 8 milioni. Non è difficile pensare che per le vacanze estive 2019 molti dei loro padroni si troveranno a viaggiare

CONTINUA A LEGGERE