Cambio domicilio: come e dove farlo, documenti

Hai bisogno di fare un cambio domicilio e non sai come fare? Pensi di dover affrontare la stessa trafila che spetta al cambio di residenza? Niente paura. Vediamo come funziona il cambio di domicilio.

Residenza e domicilio differenza

Prima di tutto è importante definire la differenza tra domicilio e residenza. Entrambi sono descritti dal Codice Civile, all’articolo 43:

«Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi. La residenza è nel luogo in cui la persona ha la dimora abituale.»

Il domicilio è una situazione di diritto, non di fatto. Interessa cioè l’intenzione di una persona di avere lì la sede principale dei propri affari e dei propri interessi. Possiamo dire, quindi, che il domicilio sia più inerente all’attività lavorativa di una persona, rispetto alla residenza.

Domicilio e residenza: differenza sostanziale? Nella maggior parte delle persone no, domicilio e residenza coincidono. Possono però essere possibili delle eccezioni, non particolarmente rare.

Poniamo che una persona abiti a Monza ma lavori a Milano. È possibile eleggere il suo negozio milanese come domicilio per permettere di ricevere lì atti, documenti, raccomandate legate al suo lavoro.

Il luogo di residenza, invece, rimarrà sempre quello dove – per esempio – si vota.

Tipi di domicilio: quali sono?

Esistono quattro tipi diversi di domicilio:

  • Domicilio volontario
  • Domicilio legale
  • Domicilio generale
  • Domicilio speciale

Il domicilio volontario è quello ordinario, ovvero quel luogo che la persona sceglie di eleggere a domicilio per gli usi consentiti dalla legge e per comodità.

Il domicilio legale è quel domicilio stabilito dalla legge per alcune persone, come per esempio i minori o persone disabili che hanno per legge il domicilio presso la residenza della famiglia o del tutore legale.

Il domicilio generale è invece il luogo in cui il cittadino può stabilire in modo generale la sede principale dei propri affari e interessi. In quanto tale, è unico.

Il domicilio speciale può essere invece più di uno, perché è il luogo in cui il soggetto stabilisce la sede solo di determinati affari e interessi. Per esempio, una persona può eleggere il proprio domicilio speciale presso lo studio del proprio avvocato, qualora ci fosse una causa in corso.

Esiste infine un domicilio speciale e più recente, che è quello digitale. Cosa si intende per domicilio digitale? Da qualche anno, con l’introduzione della PEC (Posta Elettronica Certificata), che ha valore legale e sostituisce le raccomandate (con conseguente risparmio di tempo e denaro, sia per le pubbliche amministrazioni sia per i cittadini), è facoltà del cittadino eleggere il proprio domicilio digitale. Come? Solo indicando il proprio indirizzo di posta elettronica certificata. 

Cambio domicilio, cosa fare?

Come cambiare domicilio, quindi? Mentre il cambio residenza è un processo piuttosto lungo, per cui è necessario passare per il Comune, il cambio domicilio è una passeggiata.

Non esistendo alcuna registrazione amministrativa, basta una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: insomma, è sufficiente un’autocertificazione.

Sempre il Codice Civile ci illustra le possibilità del cambio di domicilio: l’articolo 44 del Codice Civile (R.D. 16 marzo 1942, n. 262) così si esprime circa il trasferimento della residenza e del domicilio.

Il trasferimento della residenza non può essere opposto ai terzi di buona fede, se non è stato denunciato nei modi prescritti dalla legge [31 disp. att.].

Quando una persona ha nel medesimo luogo il domicilio e la residenza e trasferisce questa altrove, di fronte ai terzi di buona fede si considera trasferito pure il domicilio, se non si è fatta una diversa dichiarazione nell’atto in cui è stato denunciato il trasferimento della residenza.

Quindi, se cambi residenza, cambierai automaticamente anche il domicilio, a meno che non sia dichiarato diversamente.

Modulo cambio domicilio: un fac simile

Non esiste uno specifico modulo cambio domicilio. Come abbiamo accennato, basta una dichiarazione sostitutiva di notorietà. Questo che segnaliamo è un esempio, un fac simile, utilizzabile per tutte le necessità “base” in cui sia necessario comunicare il proprio cambio domicilio.

CAMBIO DI DOMICILIO – DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ

(Art. 46 – lettera b D.P.R. 28 dicembre 2000, n° 445)

Il/la sottoscritto/a … nato/a in … il … residente in … via … n° … consapevole che in caso di dichiarazione mendace sarà punito/a ai sensi del Codice Penale secondo quanto prescritto dall’art. 76 del succitato D.P.R. 445/2000 e che, inoltre, qualora dal controllo effettuato emerga la non veridicità del contenuto di taluna delle dichiarazioni rese, decadrà dai benefici conseguenti al provvedimento eventualmente emanato sulla base della dichiarazione non veritiera (art. 75 D.P. R. 445/2000), 

DICHIARA

di eleggere il proprio domicilio in via … Comune …

Ai sensi del decreto legislativo n. 196/2003 autorizza la raccolta dei presenti dati per il

procedimento in corso. Esente da imposta di bollo ai sensi dell’art. 37 D.P.R. 28 dicembre 2000, n° 445.

La dichiarazione andrà poi datata e firmata. 

Cambio domicilio: proteggere la propria casa dona sicurezza

Quello che è fondamentale, però, è proteggere la propria abitazione. Che sia la tua casa di residenza o il tuo domicilio poco importa. Richiedi subito un preventivo per la tua assicurazione casa. La comparazione è facile, gratuita e senza impegno e scoprirai che una polizza casa è alla portata di tutti!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE