Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo 7 della legge n.99 del 23 luglio 2009 ha invece uniformato la disciplina, obbligando al pagamento del bollo auto in funzione del possesso dell’automobile.

Bollo auto: come si calcola

Non esiste un importo standard per il bollo autoveicolo. Sul prezzo incidono diverse variabili. Tra le più importanti si annoverano.

  •         Caratteristiche del veicolo
  •         Potenza effettiva del veicolo
  •         Classe di emissioni inquinanti del veicolo
  •         Regione di residenza del proprietario

Pagamento bollo auto: chi non è tenuto ad effettuarlo e le esenzioni

Nonostante la novità introdotta nel 2009, permane l’esenzione dal pagamento del bollo auto per alcune categorie. Si tratta dei disabili, con riferimento a un veicolo che presenti le caratteristiche tipiche a un mezzo per portatori di handicap e che non superi la cilindrata di 2000 cc (2800 cc per i motori diesel). Rientrano in questa tipologia i disabili psichici o mentali con indennità di accompagnamento, i non vedenti, i sordomuti e gli invalidi permanenti. Oltre a loro anche i possessori di auto d’epoca (veicoli di interesse storico e collezionistico) non sono tenuti a pagare il bollo auto.

Sono invece previste riduzioni per altre tipologie. L’imposta costa meno per auto (o moto) elettriche o alimentate a GPL o metano. Le prime non pagheranno il bollo per i primi due anni dall’immatricolazione, le secondo godranno degli ecoincentivi.

Bollo auto: scadenze e sanzioni

Il bollo auto va obbligatoriamente pagato entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione. Se l’automobile viene immatricolata negli ultimi giorni del mese, si potrà procedere al versamento nel mese seguente. Negli anni successivi il pagamento dovrà avvenire l’ultimo giorno del mese successivo alla sua scadenza. In caso di mancato pagamento è previsto l’invio di una cartella esattoriale presso il proprio domicilio.

Bollo di un’auto usata acquistata da un privato: chi paga?

Stabilito come e quando si paga, vediamo adesso cosa succede in caso di compravendita di un veicolo. Si impone subito una distinzione, quella relativa all’acquisto da un privato o da un concessionario. Indipendentemente da ciò, è utile ricordare che a far fede è la data in cui la firma del precedente proprietario sull’atto di vendita è stata autenticata.

Qualora si acquisti l’auto da un privato, si possono presentare due situazioni.

  • L’auto acquistata da un privato ha il bollo in corso di validità. Basterà farsi consegnare, all’atto dell’acquisto, la ricevuta del bollo auto pagato. In questo modo saprete già quando effettuare il rinnovo e quanto vi costerà.
  • L’auto acquistata da un privato ha il bollo scaduto. A farsi carico del pagamento sarà il soggetto che risulta intestatario del veicolo nell’ultimo giorno del mese utile al pagamento. Se l’acquirente non si accorgerà del mancato pagamento del bollo, la Regione applicherà le sanzioni amministrative previste, con relativi interessi e agi di riscossione. Se non risulta pagato più di un bollo il nuovo acquirente sarà responsabile solo di una annualità, quella successiva alla data di acquisto e non anche quelle precedenti.

È sempre consigliato recarsi preventivamente all’ACI per verificare l’effettivo pagamento del bollo auto. In alternativa si può consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Bollo di un’auto usata acquistata da un concessionario

In questo caso la procedura cambia. Intanto va ricordato che il concessionario sospende il pagamento del bollo nel momento in cui riceve indietro l’usato. Qualora questi se ne dimentichi, sarà l’acquirente a rispondere dei mesi non pagati prima dell’acquisto dell’auto. Come nel caso precedente, si presentano a questo punto due dinamiche.

  • L’auto usata acquistata da un concessionario ha il bollo in corso di validità. Il nuovo proprietario è chiamato a pagare dalla data d’acquisto alla data di rinnovo, indipendentemente dal tempo trascorso.
  • L’auto usata acquistata da un concessionario ha il bollo scaduto. Vale la stessa regola espressa in caso di acquisto da un privato.

Come pagare il bollo auto

Chiarito “come” e “quando”, concludiamo la nostra carrellata sul bollo auto sul “dove” pagarlo. Il versamento si può effettuare presso uffici postali, ACI, agenzie di pratiche automobilistiche, tabaccherie Lottomatica e, a seconda delle Regioni, online. Scegliere quest’ultima soluzione rappresenta un ottimo modo per ricordare un’altra scadenza: quella della assicurazione auto. Sul nostro portale sarà possibile tenersi aggiornati consultando le migliori offerte presenti sul mercato. Dopo averlo fatto potrete generare un preventivo gratuito, e senza impegno, che avrà validità 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Truffe assicurazione auto: 6 consigli per evitarle

Far risparmiare sull’assicurazione auto è una promessa che non tutti possono mantenere. Chi va alla ricerca di una polizza RC auto conveniente rischia spesso di imbattersi nelle truffe. Se non si adottano le opportune cautele, si è esposti alla possibilità di restare vittime delle truffe assicurazione auto. Una polizza auto fittizia non ha alcun valore

CONTINUA A LEGGERE

Moto patente A1: i migliori modelli

Che patente serve per guidare un 125? Ogni adolescente si è posto la domanda almeno una volta. Da qualche anno il dubbio è sorto anche ai genitori. Terminata l’era del patentino moto, la storia della patente per moto ha registrato una mini rivoluzione. Per mettersi in sella a un motorino 125cc bisogna essere in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Incidente bici auto: come ottenere il risarcimento

Usare la bicicletta è uno dei modi migliori per fare attività fisica. Mezzo di trasporto ecologico e pratico, la bici vanta diversi praticanti. C’è chi se ne serve per andare a lavoro, chi non disdegna una sana sgambata nel weekend e chi ne fa un uso più agonistico. Bici da corsa, mountain bike o da

CONTINUA A LEGGERE

Bambini in moto: come trasportare, regole e sanzioni

Organizzare un viaggio con i propri figli è un piacere per ogni genitore. Sia che si tratti di lunghe ferie, di un weekend fuori o di una gita domenicale, è fondamentale rispettare sempre le regole. Se viaggiare in auto con bambini significa assicurarli al seggiolino, quando si parla di moto le prescrizioni cambiano. I bambini

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE

Superbollo auto 2019: calcolo, chi deve pagare

Il superbollo auto è una delle tasse più odiate dagli automobilisti italiani. Da tempo si parla della sua abolizione, ma ad oggi è ancora in vigore. L’emendamento presentato da FDI alla Legge di Bilancio 2019, prevede infatti la sua cessazione a partire dal 2020. Se dovesse essere riconvertito, l’addizionale erariale sulla tassa automobilistica non dovrà

CONTINUA A LEGGERE

Costo assicurazione auto in calo nel secondo trimestre 2019

Qual è il costo assicurazione auto in Italia? A fornire una fotografia veritiera sui trend del mercato dell’assicurazione auto nel Belpaese è il Bollettino Statistico dell’IVASS. L’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ha stimato l’andamento dei prezzi effettivi per la garanzia RC Auto nel secondo trimestre 2019. L’indicazione del premio è data dalla somma del

CONTINUA A LEGGERE

Auto elettriche in commercio: migliori modelli 2019

Le auto elettriche rappresentano la soluzione per la mobilità del futuro. La svolta verso la green mobilty ha suggerito nuove politiche europee: dal 2025, infatti, le case costruttrici saranno obbligate a destinare una quota di mercato pari al 20% per le auto a emissioni zero o a basse emissioni inquinanti, sotto i 50 g/km di

CONTINUA A LEGGERE