Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo 7 della legge n.99 del 23 luglio 2009 ha invece uniformato la disciplina, obbligando al pagamento del bollo auto in funzione del possesso dell’automobile.

Bollo auto: come si calcola

Non esiste un importo standard per il bollo autoveicolo. Sul prezzo incidono diverse variabili. Tra le più importanti si annoverano.

  •         Caratteristiche del veicolo
  •         Potenza effettiva del veicolo
  •         Classe di emissioni inquinanti del veicolo
  •         Regione di residenza del proprietario

Pagamento bollo auto: chi non è tenuto ad effettuarlo e le esenzioni

Nonostante la novità introdotta nel 2009, permane l’esenzione dal pagamento del bollo auto per alcune categorie. Si tratta dei disabili, con riferimento a un veicolo che presenti le caratteristiche tipiche a un mezzo per portatori di handicap e che non superi la cilindrata di 2000 cc (2800 cc per i motori diesel). Rientrano in questa tipologia i disabili psichici o mentali con indennità di accompagnamento, i non vedenti, i sordomuti e gli invalidi permanenti. Oltre a loro anche i possessori di auto d’epoca (veicoli di interesse storico e collezionistico) non sono tenuti a pagare il bollo auto.

Sono invece previste riduzioni per altre tipologie. L’imposta costa meno per auto (o moto) elettriche o alimentate a GPL o metano. Le prime non pagheranno il bollo per i primi due anni dall’immatricolazione, le secondo godranno degli ecoincentivi.

Bollo auto: scadenze e sanzioni

Il bollo auto va obbligatoriamente pagato entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione. Se l’automobile viene immatricolata negli ultimi giorni del mese, si potrà procedere al versamento nel mese seguente. Negli anni successivi il pagamento dovrà avvenire l’ultimo giorno del mese successivo alla sua scadenza. In caso di mancato pagamento è previsto l’invio di una cartella esattoriale presso il proprio domicilio.

Bollo di un’auto usata acquistata da un privato: chi paga?

Stabilito come e quando si paga, vediamo adesso cosa succede in caso di compravendita di un veicolo. Si impone subito una distinzione, quella relativa all’acquisto da un privato o da un concessionario. Indipendentemente da ciò, è utile ricordare che a far fede è la data in cui la firma del precedente proprietario sull’atto di vendita è stata autenticata.

Qualora si acquisti l’auto da un privato, si possono presentare due situazioni.

  • L’auto acquistata da un privato ha il bollo in corso di validità. Basterà farsi consegnare, all’atto dell’acquisto, la ricevuta del bollo auto pagato. In questo modo saprete già quando effettuare il rinnovo e quanto vi costerà.
  • L’auto acquistata da un privato ha il bollo scaduto. A farsi carico del pagamento sarà il soggetto che risulta intestatario del veicolo nell’ultimo giorno del mese utile al pagamento. Se l’acquirente non si accorgerà del mancato pagamento del bollo, la Regione applicherà le sanzioni amministrative previste, con relativi interessi e agi di riscossione. Se non risulta pagato più di un bollo il nuovo acquirente sarà responsabile solo di una annualità, quella successiva alla data di acquisto e non anche quelle precedenti.

È sempre consigliato recarsi preventivamente all’ACI per verificare l’effettivo pagamento del bollo auto. In alternativa si può consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Bollo di un’auto usata acquistata da un concessionario

In questo caso la procedura cambia. Intanto va ricordato che il concessionario sospende il pagamento del bollo nel momento in cui riceve indietro l’usato. Qualora questi se ne dimentichi, sarà l’acquirente a rispondere dei mesi non pagati prima dell’acquisto dell’auto. Come nel caso precedente, si presentano a questo punto due dinamiche.

  • L’auto usata acquistata da un concessionario ha il bollo in corso di validità. Il nuovo proprietario è chiamato a pagare dalla data d’acquisto alla data di rinnovo, indipendentemente dal tempo trascorso.
  • L’auto usata acquistata da un concessionario ha il bollo scaduto. Vale la stessa regola espressa in caso di acquisto da un privato.

Come pagare il bollo auto

Chiarito “come” e “quando”, concludiamo la nostra carrellata sul bollo auto sul “dove” pagarlo. Il versamento si può effettuare presso uffici postali, ACI, agenzie di pratiche automobilistiche, tabaccherie Lottomatica e, a seconda delle Regioni, online. Scegliere quest’ultima soluzione rappresenta un ottimo modo per ricordare un’altra scadenza: quella della assicurazione auto. Sul nostro portale sarà possibile tenersi aggiornati consultando le migliori offerte presenti sul mercato. Dopo averlo fatto potrete generare un preventivo gratuito, e senza impegno, che avrà validità 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incentivi auto 2019: elettriche, ibride, metano, gpl

L’approvazione dell’ultima Legge di Bilancio ha apportato significative novità sul fronte degli incentivi auto 2019. Suggerita da recenti normative dell’Unione Europea, la svolta verso una mobilità sostenibile è stata avallata dal Governo M5S – Lega. Chi acquista auto a partire dall’1 marzo 2019 ha diretto a incentivi, ma solo a determinate condizioni. Di quali si

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto: 3 mete ideali per l’estate 2019

Fare le vacanze on the road in moto. Una passione per molti, un nuovo obiettivo per tanti altri. Evitare le code autostradali, viaggiare sferzati dal vento e potersi godere panorami mozzafiato sono fattori che orientano le scelte di molti centauri. Fare viaggi in moto è sinonimo di libertà, indipendenza e avventura. Ma se per i

CONTINUA A LEGGERE

Il casco in bicicletta è obbligatorio?

Quando si va in bici è obbligatorio indossare il casco? Chi, almeno una volta nella vita, non si è posto questa domanda. Dal ciclista dell’ultima ora all’automobilista indispettito dai rallentamenti della domenica, il dubbio è lecito. L’argomento è stato spesso dibattuto e sarebbe dovuto essere oggetto di riforma nel Nuovo Codice della Strada. Ad oggi,

CONTINUA A LEGGERE

Cellulare alla guida: aumento delle sanzioni nel 2019

Utilizzare il cellulare alla guida è una cattiva abitudine che riguarda buona parte degli automobilisti. Tra le novità previste dalla riforma del Codice della Strada c’è anche quella che riguarda l’inasprimento delle sanzioni connesse guida con cellulare. L’obiettivo è quello di agire come deterrente contro una prassi pericolosa per sé stessi e per gli altri. Secondo

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE