Da auto ad autocarro: si può risparmiare sull’assicurazione?

Forse non tutti sanno che è possibile trasformare la propria auto in autocarro per risparmiare sull’assicurazione e godere di alcune agevolazioni fiscali al momento della dichiarazione dei redditi.

Procedure tecniche e amministrative

Quali step seguire quindi per il passaggio da auto ad autocarro?  Innanzitutto bisogna affidarsi ad una carrozzeria specializzata che dovrà effettuare tutte le modifiche sull’auto: al termine dell’operazione verrà rilasciato un documento che certifichi la corrispondenza con i dettami della casa costruttrice e attesti che i lavori siano stati eseguiti a norma di legge.

Una volta concluse queste procedure tecniche ce ne sono altre più burocratiche da effettuare: va consegnato alla Motorizzazione il Mod. TT 2119 compilato al quale vanno allegate due ricevute di pagamento (rispettivamente di € 25,00 e € 22,00). Fatte le dovute verifiche e accettata la pratica sarà quindi la Motorizzazione a dare l’ok definitivo alla trasformazione da auto in autocarro e ad aggiornare la carta di circolazione e comunicare la variazione al PRA.

Trasformare l’auto in autocarro: a chi conviene?

Naturalmente questa trasformazione agevola determinate categorie che utilizzano la macchina unicamente per lavoro e che hanno esigenze particolari: negli autocarri infatti non si possono trasportare persone che non siano addette al lavoro. L’articolo 54 del Codice della Strada definisce infatti autocarri quei “veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse”.

Sanzioni per violazione destinazione d’uso degli autocatti

Il rischio nel trasportare su un autocarro persone estranee al lavoro è quello di violare l’art.82 del Codice della strada (relativo alla “destinazione e uso dei veicoli”) e incorrere in sanzioni molto salate che possono arrivare fino a 1.500 euro e alla sospensione della carta di circolazione.

Si risparmia realmente sull’assicurazione?

Una volta omologata l’auto come autocarro è dunque possibile godere delle agevolazioni fiscali e assicurative previste? È bene sapere che le tariffe delle assicurazioni per autocarri e furgoni sono calcolate in base alla portata del mezzo e non in base alla cilindrata come accade per le automobili. La cilindrata dell’autocarro risulta quindi ininfluente ai fini dell’elaborazione del preventivo; pertanto, prima di stipulare un’assicurazione di questo tipo, è consigliabile consultare diverse compagnie assicurative (vedi qui per fare un confronto tra preventivi).

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE