Aumento assicurazione dopo incidente: a quanto ammonta?

Sembrerà incredibile ma tra le maggiori preoccupazioni degli italiani in seguito ad un incidente stradale di lieve entità non c’è né la salute né gli eventuali danni al veicolo. Il primo pensiero di molti va invece alla variazione di costo – e quindi all’aumento – dell’assicurazione dopo un sinistro.

A causa di un incidente con responsabilità, infatti, le ripercussioni sul premio assicurativo rischiano di farsi sentire per lungo tempo, gravando in modo negativo sul bilancio annuale. Il consiglio basilare è ovviamente quello di fare il più possibile attenzione quando si è alla guida per evitare incidenti. Ècomunque meglio essere preparati e sapere cosa può accadere alla nostra polizza auto in caso di sinistri.

Gli incidenti influiscono sulla classe di merito

Inutile negarlo: in caso di sinistro con responsabilità l’aumento dell’assicurazione sarà notevole. L’assicurato infatti vedrà scendere di ben due posizioni la propria classe di merito e al rinnovo della polizza corrisponderà dunque un premio più elevato.

Il peggioramento della classe CU – dovuto al cosiddetto Malus – sarà “sanabile” soltanto dopo due anni di guida virtuosa ossia a patto che in questo periodo il conducente non venga coinvolto in altri incidenti con responsabilità oggettiva. Superati i 24 mesi senza sinistri si potrà dunque tornare alla classe di merito che si aveva prima del “fattaccio”.

È bene specificare che il malus scatta al superamento del 51% di colpa, percentuale raggiungibile complessivamente. Se cioè il guidatore viene coinvolto in due incidenti – rispettivamente con il 20% e il 35% di colpa – avrà comunque superato la quota e vedrà aumentare la polizza assicurativa e modificare la sua classe di merito. Situazione che non si prospetta invece in caso di concorso paritario di colpa.

In ogni caso saranno necessari ben cinque anni per veder eliminata dal proprio attestato di rischio : la segnalazione del sinistro, fattore che potrebbe non esser visto di buon occhio da una nuova compagnia assicuratrice nel caso si intendesse cambiare polizza.

Quantificare l’aumento dell’assicurazione dopo un incidente non è possibile a priori poiché gli importi variano da compagnia a compagnia e a seconda di fattori quali l’età, l’esperienza del guidatore e la regione di residenza.

Come evitare l’aumento dell’assicurazione dopo un sinistro

Per evitare la perdita di posizione nella classe di merito si può pensare di:

  • trovare un accordo economico con chi ha subito il danno senza coinvolgere le compagnie assicurative: forse non tutti sanno che, pur essendo una pratica molto diffusa, non è in realtà  contemplata dalla legge che prevede che le assicurazioni siano messe al corrente di ogni incidente;
  • rimborsare la compagnia di assicurazione di quanto ha versato per il sinistro causato dal contraente: in questo modo il malus non verrà registrato. Se deciderete di optare per questa soluzione vi consigliamo di verificare l’importo della cifra da risarcire e quello del rinnovo della polizza considerato l’aumento per sinistro;
  • ricorrere alle assicurazioni auto che prevedono la garanzia accessoria del bonus protetto che permette di mantenere la propria classe di merito anche se si causa un incidente (per clausole e requisiti si rimanda ai singoli contratti). Ovviamente in quest’ultimo caso va previsto al momento della stipula dell’assicurazione auto un costo di partenza maggiore;

La nostra raccomandazione? Oltre alla necessità di prestare la massima attenzione adottando un comportamento alla guida pressoché impeccabile è bene scegliere con cura l’assicurazione più conveniente per la propria auto, leggendo ogni clausola presente nel contratto e confrontando i migliori preventivi presenti in rete grazie al servizio di comparazione presente sul nostro portale.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE