assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Aumento assicurazione dopo incidente: a quanto ammonta?

Sembrerà incredibile ma tra le maggiori preoccupazioni degli italiani in seguito ad un incidente stradale di lieve entità non c’è né la salute né gli eventuali danni al veicolo. Il primo pensiero di molti va invece alla variazione di costo – e quindi all’aumento – dell’assicurazione dopo un sinistro.

A causa di un incidente con responsabilità, infatti, le ripercussioni sul premio assicurativo rischiano di farsi sentire per lungo tempo, gravando in modo negativo sul bilancio annuale. Il consiglio basilare è ovviamente quello di fare il più possibile attenzione quando si è alla guida per evitare incidenti. Ècomunque meglio essere preparati e sapere cosa può accadere alla nostra polizza auto in caso di sinistri.

Gli incidenti influiscono sulla classe di merito

Inutile negarlo: in caso di sinistro con responsabilità l’aumento dell’assicurazione sarà notevole. L’assicurato infatti vedrà scendere di ben due posizioni la propria classe di merito e al rinnovo della polizza corrisponderà dunque un premio più elevato.

Il peggioramento della classe CU – dovuto al cosiddetto Malus – sarà “sanabile” soltanto dopo due anni di guida virtuosa ossia a patto che in questo periodo il conducente non venga coinvolto in altri incidenti con responsabilità oggettiva. Superati i 24 mesi senza sinistri si potrà dunque tornare alla classe di merito che si aveva prima del “fattaccio”.

È bene specificare che il malus scatta al superamento del 51% di colpa, percentuale raggiungibile complessivamente. Se cioè il guidatore viene coinvolto in due incidenti – rispettivamente con il 20% e il 35% di colpa – avrà comunque superato la quota e vedrà aumentare la polizza assicurativa e modificare la sua classe di merito. Situazione che non si prospetta invece in caso di concorso paritario di colpa.

In ogni caso saranno necessari ben cinque anni per veder eliminata dal proprio attestato di rischio : la segnalazione del sinistro, fattore che potrebbe non esser visto di buon occhio da una nuova compagnia assicuratrice nel caso si intendesse cambiare polizza.

Quantificare l’aumento dell’assicurazione dopo un incidente non è possibile a priori poiché gli importi variano da compagnia a compagnia e a seconda di fattori quali l’età, l’esperienza del guidatore e la regione di residenza.

Come evitare l’aumento dell’assicurazione dopo un sinistro

Per evitare la perdita di posizione nella classe di merito si può pensare di:

  • trovare un accordo economico con chi ha subito il danno senza coinvolgere le compagnie assicurative: forse non tutti sanno che, pur essendo una pratica molto diffusa, non è in realtà  contemplata dalla legge che prevede che le assicurazioni siano messe al corrente di ogni incidente;
  • rimborsare la compagnia di assicurazione di quanto ha versato per il sinistro causato dal contraente: in questo modo il malus non verrà registrato. Se deciderete di optare per questa soluzione vi consigliamo di verificare l’importo della cifra da risarcire e quello del rinnovo della polizza considerato l’aumento per sinistro;
  • ricorrere alle assicurazioni auto che prevedono la garanzia accessoria del bonus protetto che permette di mantenere la propria classe di merito anche se si causa un incidente (per clausole e requisiti si rimanda ai singoli contratti). Ovviamente in quest’ultimo caso va previsto al momento della stipula dell’assicurazione auto un costo di partenza maggiore;

La nostra raccomandazione? Oltre alla necessità di prestare la massima attenzione adottando un comportamento alla guida pressoché impeccabile è bene scegliere con cura l’assicurazione più conveniente per la propria auto, leggendo ogni clausola presente nel contratto e confrontando i migliori preventivi presenti in rete grazie al servizio di comparazione presente sul nostro portale.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige Partire verso la fine di agosto o agli inizi di settembre è un’ottima occasione per evitare la calca, non solo al mare, ma anche in montagna! Il Trentino Alto Adige offre ancora il meglio di sé ed è una meta perfetta per un viaggio on the

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare Hai preferito prendere le ferie verso fine agosto, magari a inizio settembre? Le vacanze cosiddette intelligenti sono un ottimo modo per risparmiare qualche euro sul soggiorno e soprattutto per trovare meno folla in spiaggia e nei luoghi di villeggiatura. Queste sono le nostre mete preferite per potersi

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa Sempre più italiani, complici alcune piattaforme che mettono facilmente in condivisione la domanda con l’offerta, stanno affittando le proprie seconde case durante le vacanze. È un ragionamento piuttosto semplice. Un immobile che non viene usato in certi periodi dell’anno dai padroni di casa può essere invece una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione Bici, che passione! In Italia l’amore per le due ruote sopravvive alla crescente offerta di motori e tecnologie, come dimostrato dai dati del 2017. Nei dodici mesi dell’anno sono state vendute 1.688.000 unità sommando biciclette tradizionali ed elettriche. La tipologia più acquistata è la city-bike, che si lascia

CONTINUA A LEGGERE

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE