Aumento assicurazione dopo incidente: a quanto ammonta?

Sembrerà incredibile ma tra le maggiori preoccupazioni degli italiani in seguito ad un incidente stradale di lieve entità non c’è né la salute né gli eventuali danni al veicolo. Il primo pensiero di molti va invece alla variazione di costo – e quindi all’aumento – dell’assicurazione dopo un sinistro.

A causa di un incidente con responsabilità, infatti, le ripercussioni sul premio assicurativo rischiano di farsi sentire per lungo tempo, gravando in modo negativo sul bilancio annuale. Il consiglio basilare è ovviamente quello di fare il più possibile attenzione quando si è alla guida per evitare incidenti. Ècomunque meglio essere preparati e sapere cosa può accadere alla nostra polizza auto in caso di sinistri.

Gli incidenti influiscono sulla classe di merito

Inutile negarlo: in caso di sinistro con responsabilità l’aumento dell’assicurazione sarà notevole. L’assicurato infatti vedrà scendere di ben due posizioni la propria classe di merito e al rinnovo della polizza corrisponderà dunque un premio più elevato.

Il peggioramento della classe CU – dovuto al cosiddetto Malus – sarà “sanabile” soltanto dopo due anni di guida virtuosa ossia a patto che in questo periodo il conducente non venga coinvolto in altri incidenti con responsabilità oggettiva. Superati i 24 mesi senza sinistri si potrà dunque tornare alla classe di merito che si aveva prima del “fattaccio”.

È bene specificare che il malus scatta al superamento del 51% di colpa, percentuale raggiungibile complessivamente. Se cioè il guidatore viene coinvolto in due incidenti – rispettivamente con il 20% e il 35% di colpa – avrà comunque superato la quota e vedrà aumentare la polizza assicurativa e modificare la sua classe di merito. Situazione che non si prospetta invece in caso di concorso paritario di colpa.

In ogni caso saranno necessari ben cinque anni per veder eliminata dal proprio attestato di rischio : la segnalazione del sinistro, fattore che potrebbe non esser visto di buon occhio da una nuova compagnia assicuratrice nel caso si intendesse cambiare polizza.

Quantificare l’aumento dell’assicurazione dopo un incidente non è possibile a priori poiché gli importi variano da compagnia a compagnia e a seconda di fattori quali l’età, l’esperienza del guidatore e la regione di residenza.

Come evitare l’aumento dell’assicurazione dopo un sinistro

Per evitare la perdita di posizione nella classe di merito si può pensare di:

  • trovare un accordo economico con chi ha subito il danno senza coinvolgere le compagnie assicurative: forse non tutti sanno che, pur essendo una pratica molto diffusa, non è in realtà  contemplata dalla legge che prevede che le assicurazioni siano messe al corrente di ogni incidente;
  • rimborsare la compagnia di assicurazione di quanto ha versato per il sinistro causato dal contraente: in questo modo il malus non verrà registrato. Se deciderete di optare per questa soluzione vi consigliamo di verificare l’importo della cifra da risarcire e quello del rinnovo della polizza considerato l’aumento per sinistro;
  • ricorrere alle assicurazioni auto che prevedono la garanzia accessoria del bonus protetto che permette di mantenere la propria classe di merito anche se si causa un incidente (per clausole e requisiti si rimanda ai singoli contratti). Ovviamente in quest’ultimo caso va previsto al momento della stipula dell’assicurazione auto un costo di partenza maggiore;

La nostra raccomandazione? Oltre alla necessità di prestare la massima attenzione adottando un comportamento alla guida pressoché impeccabile è bene scegliere con cura l’assicurazione più conveniente per la propria auto, leggendo ogni clausola presente nel contratto e confrontando i migliori preventivi presenti in rete grazie al servizio di comparazione presente sul nostro portale.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Tempi immatricolazione moto nuova

Tempi immatricolazione moto nuova Quando si acquista una moto nuova ci sono dei passaggi tecnici obbligatori prima di poter circolare su strada. Ancor prima di scegliere il casco che più ci piace e di tutelarci con le migliori protezioni, è infatti d’uopo provvedere all’immatricolazione. Questa procedura va effettuata presso la Motorizzazione e dovrà essere accompagnata

CONTINUA A LEGGERE

Passaggio di proprietà per decesso: cos’è e come funziona

Passaggio di proprietà per decesso: cos’è e come funziona Che un’auto sia intestata a un defunto è un fenomeno che si può verificare. Non sono infatti rari i casi di automobili che “sopravvivono” ai loro proprietari e non necessariamente per anzianità di questi ultimi. Cosa accade, allora, subito dopo? La vettura potrà circolare da subito

CONTINUA A LEGGERE

Moto guidabili con patente A2: i modelli migliori

Moto guidabili con patente A2: i modelli migliori Neopatentati e moto. Un argomento che riguarda i giovanissimi e non solo. Sono infatti sempre più gli appassionati dell’ultima ora, uomini che iniziano a familiarizzare con le due ruote a motore non proprio (o necessariamente) in giovane età. Tuttavia anche loro vengono definiti con la stessa etichetta

CONTINUA A LEGGERE

Cambio domicilio: come funziona?

Cambio domicilio: come funziona? Hai da poco cambiato casa? Devi cambiare residenza o domicilio? Cos’è la dimora? Sei confuso da tutti questi termini che ti sembrano simili, se non addirittura uguali? Sbrogliamo la matassa e scopriamo subito come effettuare il cambio domicilio. Domicilio e residenza L’articolo 43 del Codice Civile definisce il domicilio e la

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione Vivi a pochi metri dalla spiaggia ma da sempre ti affascinano le imprese dei grandi scalatori. Oppure sei nato in montagna e vuoi ristorarti con una bella pedalata sul lungomare. Non preoccuparti, non sei l’unico a dover affrontare certi problemi. In Italia sono infatti molti i ciclisti

CONTINUA A LEGGERE

Anticipo TFR per acquisto auto

Anticipo TFR per acquisto auto L’acquisto di un’auto nuova è una scelta che negli ultimi anni è stata fortemente condizionata dalla crisi economica. Mentre fino ai primi anni del nuovo secolo non erano inconsueti i casi di spese per togliersi uno sfizio, mai come oggi chi si reca da un concessionario lo fa per necessità.

CONTINUA A LEGGERE

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE