L’assicurazione a guida libera, esperta, esclusiva e senior: ecco le caratteristiche

L’opzione di tutela più diffusa, l’assicurazione a guida libera, prevede che, oltre al proprietario della vettura, chiunque possa condurre il veicolo, se maggiorenne e in possesso della patente. Qualora abbiate dato in prestito la vostra auto, avrete in ogni caso diritto al previsto risarcimento per i danni verso terzi. Esistono delle alternative più economiche ma con maggiori clausole contrattuali.

L’assicurazione a guida libera

Al momento di stipulare una polizza auto, occorre avere le idee molto chiare in merito a chi utilizzerà il veicolo assicurato. Secondo il principio secondo cui più persone sono abilitate alla guida del mezzo più aumentano i rischi di incidente, l’entità del premio da corrispondere potrà subire notevoli variazioni in questo senso.

Se prevedete di non essere l’unico conducente dell’auto, ma siete soliti dare in prestito il vostro veicolo a parenti e amici, l’assicurazione a guida libera sembrerebbe la soluzione migliore, in quanto non rischierete spiacevoli rivalse da parte della compagnia assicurativa: in questo caso è stabilito che tutti possono guidare quel veicolo e la copertura resterà così sempre valida a prescindere da chi si trovi al volante al momento del sinistro.

Esistono delle polizze alternative all’assicurazione a guida libera, solitamente più vantaggiose economicamente ma con clausole più restrittive. Vediamole insieme.

L’assicurazione a guida esperta

Se non siete più dei neo-patentati e avete la necessità di risparmiare sulla polizza auto, scegliere di sottoscrivere una polizza d’auto per guida esperta potrebbe rivelarsi una soluzione vantaggiosa economicamente rispetto all’assicurazione a guida libera.
Non tutte le compagnie assicurative, però, fissano lo stesso limite d’età: per alcune è sufficiente aver compiuto 25 anni, per alcune a 30 anni e per altre ancora è sufficiente avere la patente da almeno due anni.

I limiti dell’assicurazione per guida esperta

Il principale limite di questo tipo di polizza auto è quello di dover rispettare le clausole restrittive: qualsiasi conducente dell’auto, infatti, dovrà avere l’età minima imposta dal contratto.

È possibile, infatti, che nel caso di sinistro causato da un conducente non abilitato alla guida, la compagnia assicurativa decida di avvalersi del diritto di rivalsa sul contraente dell’assicurazione per guida esperta. Rivalsa che potrebbe costarvi molto cara, in quanto comporterà la restituzione totale o parziale della cifra a voi liquidata per mancato rispetto della clausola prevista dal contratto.

L’assicurazione a guida esclusiva

Se siete sicuri che l’auto verrà guidata esclusivamente da voi, è possibile scegliere la polizza guida esclusiva. Questa formula consente un notevole risparmio economico, a fronte di una minore flessibilità. Non ci sono limiti d’età, ma il vantaggio sarà inferiore se a richiedere l’opzione è un soggetto neo-patentato, perché il rischio di incorrere in un incidente è maggiore rispetto a un conducente esperto.

L’assicurazione a guida senior

Infine, se già potete vantare una notevole esperienza al volante e volete risparmiare ulteriormente, sappiate che con la guida senior alcune compagnie concedono una riduzione significativa se l’automobile è guidata da persone con più di 60 o 65 anni.

Confronta con noi i prezzi delle assicurazioni auto e trova quella più adatta alle tue necessità!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa Il numero di targa è un codice alfanumerico prezioso per il controllo veicoli. Grazie ai moderni sistemi targa, infatti, si possono ricavare numerose informazioni sull’automezzo. Questa procedura non è soltanto appannaggio delle Forze dell’Ordine, ma è eseguibile anche dai privati. Come funziona il sistema Targa System

CONTINUA A LEGGERE

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona Tra le garanzie accessorie più comuni delle tradizionali RC Auto c’è la polizza cristalli. Si tratta di una particolare assicurazione che, senza costi aggiuntivi, permette di riparare o sostituire il parabrezza in caso di rottura o danneggiamento. Cos’è la polizza cristalli e come ottenere il risarcimento Spesso abbinata

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE