Assicurazione auto: valore di acquisto e valore commerciale

Quando si valuta l’acquisto di un’auto nuova si devono fare i conti con diverse spese oltre a quella del costo della macchina. Ovviamente parliamo in primis della polizza assicurativa che varia a seconda di alcuni parametri e che va valutata con attenzione.

Sulla quotazione dell’assicurazione auto influisce ad esempio il valore del veicolo stesso. Ma quale valore, commerciale o di acquisto? E cosa significano questi termini? Cerchiamo di fare chiarezza su questo argomento per poter fare una scelta oculata in termini di polizza auto.
Primo anno di assicurazione: valore d’acquisto. Ma per quanto tempo?

Abbiamo detto che sul costo dell’assicurazione auto influisce anche il valore del veicolo. Il prezzo della polizza infatti varia a seconda che si assicuri come base il valore commerciale o il valore a nuovo.

Per il primo anno il calcolo dell’assicurazione di un’auto nuova è sicuramente più semplice rispetto ai successivi in quanto si fa riferimento al valore d’acquisto: sarà questo il valore assicurato. Durante i 365 giorni successivi alla stipula, in caso di incendio o furto, l’assicurazione quindi liquiderà il valore assicurato in sede d’acquisto considerandolo invariato.

Non è raro però trovare delle clausole che limitano il rimborso del valore d’acquisto ai primi 6 mesi piuttosto che all’intero anno: scaduto il sesto mese allo sfortunato derubato verrà quindi liquidato il valore commerciale dell’auto ossia il valore che il mezzo ha al momento del furto o dell’incendio.

Il valore commerciale in sostanza può essere calcolato sottraendo al prezzo d’acquisto il 20% di Iva e altri parametri che comprendono ad esempio la commerciabilità e la classe del veicolo.

Valutate bene dunque queste condizioni quando scegliete la polizza assicurativa!

Assicurazione auto: valore a nuovo o valore commerciale?

Dal secondo anno in poi la polizza assicurativa invece può basarsi sul valore a nuovo o su quello commerciale, due modalità molto differenti di valutazione del danno in caso di sinistri, furto o incendio.

In caso di danni a un’auto conassicurazione del valore a nuovo, il proprietario verrà liquidato senza tener conto del deprezzamento naturale del veicolo.

Differentemente con una polizza a valore commerciale, in caso di incidente, si terrà conto del degrado e dello stato d’uso del veicolo: verrà dunque considerato per il risarcimento il valore di mercato dell’auto al momento del furto o del sinistro.
Nel fare un preventivo per l’assicurazione della vostra auto nuova, dunque, tenete conto delle differenze legate al premio con valore a nuovo o valore commerciale: la quotazione dei danni in caso di sinistro sarà infatti molto evidente!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE