L’assicurazione auto unico conducente

Particolare formula assicurativa “monoguida”, l’assicurazione auto per unico conducente consente un rilevante risparmio economico a patto che si preveda una guida esclusiva del veicolo tutelato. Scelta da 2,5 milioni di automobilisti in Italia, è preferita soprattutto al Sud. Valutiamone insieme rischi e vantaggi.

Al momento di sottoscrivere la garanzia RC obbligatoria per la propria automobile, molte compagnie online concedono l’opportunità di ottenere una riduzione sul premio di polizza nel caso il contraente si impegni a essere il solo conducente del veicolo, escludendo che terze persone possano mettersi alla guida dello stesso mezzo.

I vantaggi dell’assicurazione per guida esclusiva

Se siete certi che la vostra auto sarà guidata solamente da voi, la polizza guida esclusiva comporta un notevole vantaggio economico, che può arrivare fino al 20-30% rispetto a una polizza per guida libera. Per stipulare questo contratto, le agenzie assicurative non fissano solitamente alcun limite d’età. Come sempre, però, il risparmio è più consistente se si è guidatori esperti. Come per la maggior parte delle polizze auto, infatti, i neo-patentati sono penalizzati, in quanto è più facile per loro il rischio di incorrere in un incidente.

Alcune compagnie contemplano ulteriori sconti per questo genere di polizza, a patto che il conducente mantenga almeno 20 punti sulla patente. Una valida alternativa all’assicurazione auto per unico conducente è la formula della guida designata: possono mettersi alla guida del veicolo tutte le persone indicate preventivamente nel contratto, a patto che non abbiano ancora compiuto 26 anni.

I rischi e le limitazioni

L’unica avvertenza che ci sentiamo di dare è di rispettare effettivamente la guida esclusiva: sappiate infatti che l’assicurazione auto per unico conducente comporta una rivalsa fino a 2.500 € alla compagnia qualora si verificasse un incidente causato da un guidatore diverso da quello stabilito al momento della firma del contratto di polizza.

Più precisamente, una volta accertato il comportamento scorretto, la compagnia potrà rivalersi discrezionalmente in tre modi diversi. Ci sarà:

  • Una rivalsa parziale se la compagnia riterrà  il contraente responsabile in parte dell’avvenuto sinistro e sceglierà pertanto di non provvedere all’intera copertura, lasciando pagare una parte rilevante all’assicurato.
  • Con la rivalsa proporzionale, la compagnia decide di pagare i danni pro quota: se la guida libera costa il 25% in più della guida esclusiva, l’assicurazione coprirà solo il 75% dei danni provocati nell’incidente.
  • La rivalsa totale comporta invece l’obbligo da parte del contraente di corrispondere l’intera cifra a copertura dei danni.

Sei incerto sul tipo di assicurazione che fa per te? Confronta con noi i prezzi delle polizze auto!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza vita mista: cos’è, quanto dura

Quale polizza vita scegliere? Quanto costa un’assicurazione sulla vita? Sempre più compagnie consigliano ai loro clienti la polizza vita mista.  Quando si parla di assicurazioni sulla vita, si distingue solitamente tra: Polizza caso vita Polizza caso morte Assicurazione mista Scopriamo come funziona e quali sono i vantaggi di una polizza mista e perché è sempre

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto senza targa: come ottenerlo?

È possibile ottenere un preventivo assicurazione auto senza targa? La risposta è affermativa, ma ci sono alcuni limiti di cui tener conto. La targa auto è infatti uno dei dati fondamentali quando si deve calcolare un preventivo RC Auto. Senza conoscere il numero di targa auto o moto, dunque, diventa impossibile identificare il veicolo che

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto giornaliera: quanto costa?

Assicurare il proprio veicolo soltanto per un giorno? Con l’assicurazione auto giornaliera è possibile. Questa soluzione permette di avere la copertura assicurativa per 24 ore. Si tratta di una polizza RCA temporanea che è particolarmente indicata in alcune occasioni. Scopriamo quali sono, quando conviene e quanto costa. Cos’è l’assicurazione auto giornaliera L’assicurazione auto giornaliera è

CONTINUA A LEGGERE

Mutuo prima casa giovani: come richiedere le agevolazioni

Il mutuo prima casa giovani è un finanziamento a tasso agevolato legato alla condizione personale o lavorativa. Attraverso questo istituto lo Stato agevola fiscalmente categorie con contratti di lavoro atipici o precari, ma non solo. Tramite questi fondi di garanzia, accessibili in via preferenziale a persona appartenenti a specifiche classi sociali o in possesso di

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Protezioni moto: quali sono obbligatorie?

Quello delle protezioni moto è un tema particolarmente dibattuto tra i centauri. Quella tra look e sicurezza dovrebbe essere una sfida impari, eppure non sono pochi i motociclisti (soprattutto dell’ultima ora) che sembrano preferire un outfit di grido sacrificando la propria incolumità. Con i pericoli della strada, però, non si scherza. Le 687 vittime nel

CONTINUA A LEGGERE

Come pagare il bollo auto online: la procedura

È possibile pagare il bollo auto online? Il bollo automezzi è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Il versamento va effettuato ogni anno, indipendentemente dall’utilizzo o meno di auto o moto. Si tratta infatti di un contributo legato al possesso e non all’utilizzo del bene. Come si corrisponde e

CONTINUA A LEGGERE

Cambio domicilio: come e dove farlo, documenti

Hai bisogno di fare un cambio domicilio e non sai come fare? Pensi di dover affrontare la stessa trafila che spetta al cambio di residenza? Niente paura. Vediamo come funziona il cambio di domicilio. Residenza e domicilio differenza Prima di tutto è importante definire la differenza tra domicilio e residenza. Entrambi sono descritti dal Codice

CONTINUA A LEGGERE

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE