Assicurazione auto e fermo amministrativo: cosa bisogna sapere

Il fermo amministrativo consiste in un blocco temporaneo dell’automobile, predisposto da autorità giudiziarie o enti locali in particolari situazioni, legate all’insolvenza creditizia di un soggetto. Ma come bisogna comportarsi in questi particolari casi, soprattutto con la propria assicurazione auto?

Fermo amministrativo: cosa è

L’istituzione del fermo amministrativo risale al lontano 1973. Si tratta di un particolare provvedimento posto in essere da enti impositori di diverso tipo (comuni, regioni, Stato, Inps, Agenzia delle Entrate) che viene adottato nei confronti di soggetti in situazione di insolvenza. Il procedimento con cui viene emanato un fermo amministrativo è molto semplice: una volta accertata la morosità del soggetto, l’ente creditore invia una cartella esattoriale e, trascorsi 60 giorni senza che il debito sia stato sanato, gli importi in questione vengono iscritti al ruolo e l’ente interessato può predisporre il fermo del veicolo, previa comunicazione al soggetto interessato.

Non bisogna pensare, però, che questo provvedimento venga adottato solo quando ci sono in ballo cifre molto elevate: il fermo amministrativo può essere predisposto anche in caso di importi molto bassi, che nulla hanno a che vedere con il valore effettivo dell’automobile.

Qualora si venga sorpresi a circolare con veicolo sottoposto a fermo si rischia di incorrere in sanzioni che vanno da 777 € a 3.114 €, oltre alla confisca del mezzo.

Assicurazione auto e fermo amministrativo: cosa succede

Se il proprio veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo le compagnie assicurative procederanno comunque alla stipula del contratto, in quanto non sono tenute a verificare se ci sono particolari provvedimenti di questa natura che interessano la vettura.

L’onere di certificare che il veicolo è idoneo alla guida spetta infatti all’assicurato, come riportato nella maggior parte dei contratti. Qualora però si verifichi un sinistro, le assicurazioni non risarciranno il danno, proprio perché la vettura non è autorizzata a circolare.

Se il vostro veicolo non ha restrizioni alla circolazione e state cercando di risparmiare sulla vostra RC Auto, potete utilizzare il servizio di comparazione polizze del nostro sito.

Come rimuovere il fermo amministrativo dal proprio veicolo

Per rimuovere il fermo amministrativo da un veicolo bisogna prima di tutto saldare il debito che ha originato l’emanazione del provvedimento. Quindi bisogna presentare all’ufficio provinciale del Pubblico Registro Automobilistico la seguente documentazione:

  • Il provvedimento di revoca originale
  • Il certificato di proprietà o il foglio complementare e relativo versamento di 29,24 €.
  • In alternativa al certificato di proprietà, il modello NP3 con relativo versamento di 43,86 €.

Cosa bisogna sapere se vogliamo acquistare un’auto con fermo amministrativo

Abbiamo deciso di acquistare un’auto, l’offerta è vantaggiosa, ma il mezzo è sotto fermo amministrativo? Cosa è necessario sapere?
La Legge dice che è possibile effettuare la compravendita, a patto che l’acquirente dichiari di essere a conoscenza della situazione a cui è sottoposto il mezzo. Quali sono le implicazioni di questa presa di responsabilità?

Come già menzionato, qualora si venga sorpresi a circolare con un’auto con fermo amministrativo si rischia di incorrere nelle sanzioni già menzionate, che vanno da 777 a 3.114 €, fino ad arrivare alla confisca del mezzo.

Chi acquista un’auto sottoposta a fermo amministrativo deve perciò essere consapevole che, a meno di saldare tutte le pendenze con la pubblica amministrazione, potrà incorrere in tutte le sanzioni previste per la violazione del provvedimento.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio Quando si va in bicicletta look e sicurezza non sempre vanno d’accordo. L’irresistibile richiamo della moda o la voglia di immedesimarsi negli idoli ammirati in tv, porta spesso i ciclisti della domenica a trascurare l’aspetto basilare. Da sempre utenti deboli della strada, infatti, gli amanti delle due ruote

CONTINUA A LEGGERE

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ Tra le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 varata dal Governo Lega-M5S alcune riguardano il settore auto. Sono stati previsti infatti incentivi e imposte volte a favorire la conversione verso la mobilità sostenibile, garantita dall’ingresso massiccio sul mercato di auto elettriche e ibride plug-in. Accanto all’Ecobonus

CONTINUA A LEGGERE

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala Il piacere di guidare una automobile si scontra spesso con gli obblighi connessi. Tra quelli di ogni guidatore, oltre alla stipula di una regolare assicurazione RC auto, c’è il rispetto dei limiti di velocità. Oltre a determinare multe e sanzioni, la loro mancata osservanza rischia di

CONTINUA A LEGGERE

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento La Legge di Bilancio 2019 ha previsto alcune norme volte a incentivare la conversione verso una mobilità sostenibile. In vista di un allineamento alle direttive dell’Europarlamento, il Governo M5S – Lega ha inserito nel testo due interessanti novità: Ecobonus ed Ecotassa. Finora se ne è parlato quasi esclusivamente in ambito

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE