Assicurazione auto e fermo amministrativo: cosa bisogna sapere

Il fermo amministrativo consiste in un blocco temporaneo dell’automobile, predisposto da autorità giudiziarie o enti locali in particolari situazioni, legate all’insolvenza creditizia di un soggetto. Ma come bisogna comportarsi in questi particolari casi, soprattutto con la propria assicurazione auto?

Fermo amministrativo: cosa è

L’istituzione del fermo amministrativo risale al lontano 1973. Si tratta di un particolare provvedimento posto in essere da enti impositori di diverso tipo (comuni, regioni, Stato, Inps, Agenzia delle Entrate) che viene adottato nei confronti di soggetti in situazione di insolvenza. Il procedimento con cui viene emanato un fermo amministrativo è molto semplice: una volta accertata la morosità del soggetto, l’ente creditore invia una cartella esattoriale e, trascorsi 60 giorni senza che il debito sia stato sanato, gli importi in questione vengono iscritti al ruolo e l’ente interessato può predisporre il fermo del veicolo, previa comunicazione al soggetto interessato.

Non bisogna pensare, però, che questo provvedimento venga adottato solo quando ci sono in ballo cifre molto elevate: il fermo amministrativo può essere predisposto anche in caso di importi molto bassi, che nulla hanno a che vedere con il valore effettivo dell’automobile.

Qualora si venga sorpresi a circolare con veicolo sottoposto a fermo si rischia di incorrere in sanzioni che vanno da 777 € a 3.114 €, oltre alla confisca del mezzo.

Assicurazione auto e fermo amministrativo: cosa succede

Se il proprio veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo le compagnie assicurative procederanno comunque alla stipula del contratto, in quanto non sono tenute a verificare se ci sono particolari provvedimenti di questa natura che interessano la vettura.

L’onere di certificare che il veicolo è idoneo alla guida spetta infatti all’assicurato, come riportato nella maggior parte dei contratti. Qualora però si verifichi un sinistro, le assicurazioni non risarciranno il danno, proprio perché la vettura non è autorizzata a circolare.

Se il vostro veicolo non ha restrizioni alla circolazione e state cercando di risparmiare sulla vostra RC Auto, potete utilizzare il servizio di comparazione polizze del nostro sito.

Come rimuovere il fermo amministrativo dal proprio veicolo

Per rimuovere il fermo amministrativo da un veicolo bisogna prima di tutto saldare il debito che ha originato l’emanazione del provvedimento. Quindi bisogna presentare all’ufficio provinciale del Pubblico Registro Automobilistico la seguente documentazione:

  • Il provvedimento di revoca originale
  • Il certificato di proprietà o il foglio complementare e relativo versamento di 29,24 €.
  • In alternativa al certificato di proprietà, il modello NP3 con relativo versamento di 43,86 €.

Cosa bisogna sapere se vogliamo acquistare un’auto con fermo amministrativo

Abbiamo deciso di acquistare un’auto, l’offerta è vantaggiosa, ma il mezzo è sotto fermo amministrativo? Cosa è necessario sapere?
La Legge dice che è possibile effettuare la compravendita, a patto che l’acquirente dichiari di essere a conoscenza della situazione a cui è sottoposto il mezzo. Quali sono le implicazioni di questa presa di responsabilità?

Come già menzionato, qualora si venga sorpresi a circolare con un’auto con fermo amministrativo si rischia di incorrere nelle sanzioni già menzionate, che vanno da 777 a 3.114 €, fino ad arrivare alla confisca del mezzo.

Chi acquista un’auto sottoposta a fermo amministrativo deve perciò essere consapevole che, a meno di saldare tutte le pendenze con la pubblica amministrazione, potrà incorrere in tutte le sanzioni previste per la violazione del provvedimento.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza vita mista: cos’è, come funziona?

Polizza vita mista: cos’è, come funziona? La polizza vita mista è un particolare tipo di contratto assicurativo che unisce, per così dire, la polizza caso vita e la polizza caso morte. Il premio viene infatti corrisposto se l’assicurato è ancora in vita alla scadenza del contratto o ai suoi beneficiari, qualora l’assicurato muoia entro questa

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE

Patente speciale: come richiedere, dove rinnovare

I soggetti affetti da disabilità (dalla nascita, per incidente o malattia) hanno diritto a guidare l’auto? La risposta è affermativa, purché siano in possesso di una patente auto speciale. Questo titolo di guida ha un iter identico a quello della normale patente b auto. Propedeutico al suo ottenimento è il superamento di esami di teoria

CONTINUA A LEGGERE

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE