Assicurazione auto e fermo amministrativo: cosa bisogna sapere

Il fermo amministrativo consiste in un blocco temporaneo dell’automobile, predisposto da autorità giudiziarie o enti locali in particolari situazioni, legate all’insolvenza creditizia di un soggetto. Ma come bisogna comportarsi in questi particolari casi, soprattutto con la propria assicurazione auto?

Fermo amministrativo: cosa è

L’istituzione del fermo amministrativo risale al lontano 1973. Si tratta di un particolare provvedimento posto in essere da enti impositori di diverso tipo (comuni, regioni, Stato, Inps, Agenzia delle Entrate) che viene adottato nei confronti di soggetti in situazione di insolvenza. Il procedimento con cui viene emanato un fermo amministrativo è molto semplice: una volta accertata la morosità del soggetto, l’ente creditore invia una cartella esattoriale e, trascorsi 60 giorni senza che il debito sia stato sanato, gli importi in questione vengono iscritti al ruolo e l’ente interessato può predisporre il fermo del veicolo, previa comunicazione al soggetto interessato.

Non bisogna pensare, però, che questo provvedimento venga adottato solo quando ci sono in ballo cifre molto elevate: il fermo amministrativo può essere predisposto anche in caso di importi molto bassi, che nulla hanno a che vedere con il valore effettivo dell’automobile.

Qualora si venga sorpresi a circolare con veicolo sottoposto a fermo si rischia di incorrere in sanzioni che vanno da 777 € a 3.114 €, oltre alla confisca del mezzo.

Assicurazione auto e fermo amministrativo: cosa succede

Se il proprio veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo le compagnie assicurative procederanno comunque alla stipula del contratto, in quanto non sono tenute a verificare se ci sono particolari provvedimenti di questa natura che interessano la vettura.

L’onere di certificare che il veicolo è idoneo alla guida spetta infatti all’assicurato, come riportato nella maggior parte dei contratti. Qualora però si verifichi un sinistro, le assicurazioni non risarciranno il danno, proprio perché la vettura non è autorizzata a circolare.

Se il vostro veicolo non ha restrizioni alla circolazione e state cercando di risparmiare sulla vostra RC Auto, potete utilizzare il servizio di comparazione polizze del nostro sito.

Come rimuovere il fermo amministrativo dal proprio veicolo

Per rimuovere il fermo amministrativo da un veicolo bisogna prima di tutto saldare il debito che ha originato l’emanazione del provvedimento. Quindi bisogna presentare all’ufficio provinciale del Pubblico Registro Automobilistico la seguente documentazione:

  • Il provvedimento di revoca originale
  • Il certificato di proprietà o il foglio complementare e relativo versamento di 29,24 €.
  • In alternativa al certificato di proprietà, il modello NP3 con relativo versamento di 43,86 €.

Cosa bisogna sapere se vogliamo acquistare un’auto con fermo amministrativo

Abbiamo deciso di acquistare un’auto, l’offerta è vantaggiosa, ma il mezzo è sotto fermo amministrativo? Cosa è necessario sapere?
La Legge dice che è possibile effettuare la compravendita, a patto che l’acquirente dichiari di essere a conoscenza della situazione a cui è sottoposto il mezzo. Quali sono le implicazioni di questa presa di responsabilità?

Come già menzionato, qualora si venga sorpresi a circolare con un’auto con fermo amministrativo si rischia di incorrere nelle sanzioni già menzionate, che vanno da 777 a 3.114 €, fino ad arrivare alla confisca del mezzo.

Chi acquista un’auto sottoposta a fermo amministrativo deve perciò essere consapevole che, a meno di saldare tutte le pendenze con la pubblica amministrazione, potrà incorrere in tutte le sanzioni previste per la violazione del provvedimento.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE