Assicurazione auto bonus/malus con franchigia

La maggior parte delle assicurazioni auto in Italia rientra nel sistema bonus/malus, che premia i guidatori “virtuosi”. La presenza della franchigia nella polizza, ovvero di una clausola che prevede che in caso di incidente con colpa parte del danno sia a carico dell’assicurato, è invece facoltativa e può essere valutata come opzione per avere dei vantaggi economici e in termini di classe di merito. Vediamo come funziona.

RC auto integrata bonus/malus e franchigia: come funziona

Sono sempre più numerose le compagnie assicurative, soprattutto online, che propongono RC auto integrate bonus/malus e franchigia.

La franchigia è quella parte di danno che resta a carico dell’assicurato. È determinata dalla compagnia assicurativa e può essere assoluta (e quindi corrisponde a un importo fisso) o relativa (calcolata in percentuale rispetto alla somma assicurata).

Questo tipo di formula, che integra il sistema bonus/male e franchigia, prevede che in caso di incidente con colpa l’assicurato partecipi al risarcimento del danno, restituendo alla compagnia una somma fissa o pari a una percentuale prestabilita dell’ammontare dell’importo rimborsato al sinistrato. Se tale importo è inferiore o uguale alla franchigia, l’incidente non è schedulato e di conseguenza l’assicurato non è penalizzato (malus) e ottiene una diminuzione della classe di merito (bonus).

I vantaggi della RC auto integrata bonus/malus e franchigia

  1. Il primo vantaggio della polizza con franchigia sta dunque nella possibilità di evitare un aumento del premio assicurativo, che spesso è considerevolmente superiore al costo del danno, soprattutto in caso di classe di merito elevata. Ogni incidente con colpa, infatti, causa un passaggio di due classi di merito verso quelle più alte e più care, mentre la discesa verso quelle più basse e meno care avviene una classe alla volta, sempre naturalmente che non si causino sinistri.
  2. Il secondo vantaggio consiste invece in una riduzione del costo dell’assicurazione auto proporzionale all’importo della franchigia. Poiché infatti quest’ultima è un “rischio” per il titolare, la polizza ha un premio più basso, pari a un terzo della franchigia stessa, che per la RC auto ha un valore di 250, 500 o 1.000 euro.

Quando e a chi conviene la RC auto integrata bonus/malus e franchigia

In generale, la polizza RC auto integrata bonus/malus e franchigia consente di ottenere un risparmio immediato sul costo dell’assicurazione e uno a lungo termine in relazione alle classi di merito, perché per danni di importo inferiore alla franchigia il malus non scatta.

È comunque sempre possibile risarcire la compagnia per evitare la penalizzazione e, di conseguenza, l’aumento del premio assicurativo, tuttavia si tratta di una procedura laboriosa, mentre in questo caso è un’opzione automatica.

Nello specifico, invece, la polizza RC auto integrata bonus/malus con franchigia è conveniente per gli automobilisti con un basso profilo di rischio e, all’opposto, per i neopatentati in classe alta, perché permette loro di risparmiare sul premio e in caso di piccoli incidenti, inevitabili per chi ha poca esperienza al volante, non fa scattare il malus con le relative conseguenze economiche.

Se sei interessato a questo genere di polizza, su Quale.it puoi calcolare un preventivo ad hoc, con la garanzia di ottenere la soluzione più adatta e conveniente alle tue esigenze.

L’opzione Zero Franchigia

Infine, è molto utile conoscere l’esistenza dell’opzione Zero Franchigia.

Cos’è? Zero Franchigia è l’unico prodotto in Italia che “assicura la tua franchigia”, cioè rimborsa le spese a tuo carico lì dove si verifichi un sinistro che prevede un esborso diretto.

Zero Franchigia prescinde dalla compagnia scelta, la sua validità è sempre di un anno: nel caso cambiassi compagnia assicurativa la copertura di Zero Franchigia rimarrà valida anche per la nuova polizza. È inoltre possibile applicare questa opzione sia nel caso di veicoli di proprietà sia nel caso di auto a noleggio.

Cosa aspetti? Azzera subito la tua franchigia!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE