Annullamento dell’assicurazione auto: quando si può e come

Prima o poi tutti ci troviamo alle prese con la sottoscrizione di un’assicurazione: che sia per un’auto, la moto o la casa, questo momento coincide con una serie di preventivi incrociati, scelta di opzioni aggiuntive e clausole da leggere che possono anche togliere il sonno.

Una volta scelta la compagnia assicurativa però il più è fatto: questo rapporto in linea di massima rimarrà infatti invariato per un anno (o per un periodo più breve), comunque fino alla scadenza della polizza.

Possono però capitare delle situazioni che portano a richiedere l’annullamento dell’assicurazione auto. Vediamo nel dettaglio quali sono le condizioni che lo permettono e come chiedere il rimborso della quota relativa al premio non goduto.

Quando è possibile richiedere il rimborso dell’assicurazione?

Per annullare l’assicurazione auto prima della naturale scadenza del contratto devono esistere determinate condizioni che riguardano lo stato di proprietà del veicolo.

Solo in quattro casi è, infatti, possibile procedere all’annullamento e quindi alla richiesta di rimborso del periodo non goduto, ovvero se il veicolo è stato:

Come richiedere il rimborso del premio non goduto

La documentazione attestante una delle condizioni appena elencate (quindi il certificato di vendita, demolizione o di esportazione all’estero) va consegnata – o inviata tramite raccomandata – alla compagnia assicuratrice, indicando i propri dati, il numero di polizza e la targa del veicolo e allegando il certificato di assicurazione e la carta verde.

Una volta che il contratto sarà chiuso sarà possibile richiedere il rimborso della quota di assicurazione pagata e non goduta.

È bene ricordare che l’annullamento della polizza implica che, alla successiva stipula per un nuovo veicolo, il contraente dovrà ripartire dalla classe di merito più alta. Si può a quel punto pensare di usufruire della Legge Bersani che permette di godere della classe di merito di un familiare convivente.

Vi ricordiamo inoltre che la polizza assicurativa può anche essere sospesa in casi quali, ad esempio, l’auto in conto vendita o la rottamazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza vita mista: cos’è, come funziona?

Polizza vita mista: cos’è, come funziona? La polizza vita mista è un particolare tipo di contratto assicurativo che unisce, per così dire, la polizza caso vita e la polizza caso morte. Il premio viene infatti corrisposto se l’assicurato è ancora in vita alla scadenza del contratto o ai suoi beneficiari, qualora l’assicurato muoia entro questa

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE

Patente speciale: come richiedere, dove rinnovare

I soggetti affetti da disabilità (dalla nascita, per incidente o malattia) hanno diritto a guidare l’auto? La risposta è affermativa, purché siano in possesso di una patente auto speciale. Questo titolo di guida ha un iter identico a quello della normale patente b auto. Propedeutico al suo ottenimento è il superamento di esami di teoria

CONTINUA A LEGGERE

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE