Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile?

Quando è possibile detrarre l’assicurazione auto

Per quanto riguarda la polizza RCA, l’assicurazione auto è detraibile solo per la quota in carico alla copertura da infortuni. Lo ha stabilito l’entrata in vigore del DL 102/2013, eliminando la possibilità di portare in deduzione il contributo versato a favore del SSN per la parte eccedente i 40 euro, come avveniva fino al 2014.  Da allora si possono portare in detrazione le polizze infortunio a favore del conducente solo se risultano come copertura aggiuntiva alla RC Auto obbligatoria per legge. Secondo quanto stabilito dalla Agenzia dalle Entrate, le detrazioni sono possibili a condizione che:

  • Contraente della polizza e assicurato coincidono nella persona del contribuente
  • Il contribuente è il contraente della polizza e l’assicurato un suo familiare a carico
  • Il contraente è assicurato e il familiare a carico è il contraente
  • Il familiare a carico del contribuente è sia il contraente che l’assicurato
  • Il contraente è un familiare a carico del contribuente e l’assicurato è un altro familiare sempre a carico

Detrazioni polizze vita: limiti di detraibilità

Stabilito che l’assicurazione auto 730 è detraibile solo per la parte relativa alla polizza infortuni, la percentuale di detrazione stabilita è del 19%. I suddetti limiti detraibilità dipendono dal tipo di polizza a cui si riferisce il premio assicurativo versato. La detraibilità è relativa a:

  • Assicurazioni sulla vita e polizze infortuni stipulate entro il 31 dicembre 2000
  • Assicurazione contro rischio di morte o invalidità permanente (percentuale superiore al 5%) sottoscritte a partire dall’1 gennaio 2001
  • Assicurazioni che tutelano dal rischio di non autosufficienza negli atti di vita quotidiana

Per i primi due tipi di polizza la spesa massima detraibile è di 530 euro, per l’ultima si sale fino a 1.291,14 euro. È poi prevista una detrazione su un limite di spesa di 750 euro per assicurazioni stipulare o rinnovata e partire dall’1 gennaio 2016 contro il rischio di morte che abbiano come scopo la tutela di una persona affetta da disabilità grave.

Assicurazione auto detraibile: condizioni

Affinché l’assicurazione auto sia detraibile devono sussistere determinate condizioni. Le assicurazioni sulla vita e le polizze infortuni devono avere un contratto di durata non inferiore a 5 anni. Inoltre il contratto non deve prevedere la concessione di prestiti sul periodo di durata.

Come detrarre assicurazione auto 730

La quota detraibile è esclusivamente quella riferita al rischio di infortuni del conducente ed è pari al 19% della spesa. Questa somma può essere inserita nel 730/2019 o nel modello Redditi persone fisiche al fine di abbassare l’imponibile usato per il calcolo IRPEF. In base alla polizza sottoscritta, si compilano i righi richiesti. Per quanto riguarda assicurazione contro rischio morte o invalidità permanente e le assicurazioni contro infortuni, si usano quelli da E8 a E10, codice 36 nel 730 e quelli da RP8 a RP19 codice 13 del quadro RP modello Redditi persone fisiche. Per le assicurazioni che tutelano contro il rischio di non autosufficienza, si usano i righi da E8 a !0 nel 730 e quelli da RP8 a RP19 nel modello Redditi, riportando come codice 39.

Il bollo auto è detraibile?

Su altri argomenti fiscali connessi all’automobile c’è invece molta confusione. Stabilito in che modo è possibile portare in detrazione assicurazione auto, va detto che il bollo auto non è detraibile. Per quanto riguarda il costo a nuovo di un veicolo, può essere detratto solo se si è beneficiari della legge 104/92 o se l’auto viene acquistata per uso aziendale. Per quanto riguarda invece la detrazione assicurazione auto professionisti e privati, valgono le stesse regole di cui sopra. Agenti e rappresentanti possono detrarre l’IVA al 100% in sede di acquisto mentre per quanto riguarda la deducibilità il massimale è fissato nell’80%. Sul fronte assicurativo va inoltre aggiunto che dal 2018 è possibile le spese sull’assicurazione casa se stipulata a partire dal primo gennaio 2018. Questo tipo di sgravio va ad aggiungersi alla detrazione spese mediche, sanitarie e farmaci già prevista nel modello 730/2019.

Il modo più intelligente per risparmiare sull’assicurazione auto resta quello di sfruttare la comparazione auto e moto online. Sul nostro sito si può disporre di uno strumento perfetto per questo tipo di analisi. Basterà infatti inserire pochi dati utili e la propria targa auto per avviare una ricerca. Dopo aver spuntato le peculiarità più adatte alle nostre esigenze, verrà generato un preventivo gratuito che resterà valido per i successivi 60 giorni. Quale modo migliore per ponderare e fare la scelta giusta?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE