Rivalsa assicurativa

Con la definizione di rivalsa o regresso in campo assicurativo si fa riferimento al diritto dell’assicuratore, di richiedere la somma liquidata per danni a terzo danneggiato, se verifichino specifiche situazioni indicate nella polizza.

La rivalsa infatti è un diritto delle compagnie di assicurazione che, dopo aver pagato il risarcimento danni alle terze persone coinvolte in un incidente, possono chiedere al proprio assicurato un rimborso qualora sussistano gravi violazioni del Codice della strada, come la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicofarmaci, la violazione delle norme di carico del veicolo, la revisione scaduta o la guida con patente scaduta.

Spesso la compagnia di assicurazione rinuncia alla rivalsa soltanto se l’incidente non ha avuto anche una condanna penale per il soggetto assicurato, ad esempio per lesioni o omicidio colposo. Quando la sentenza diventa definitiva, la compagnia può chiedere la rivalsa e quindi la restituzione della somma pagata alla persona danneggiata o ai suoi familiari.

La rinuncia alla rivalsa da parte della propria compagnia di assicurazione è una clausola che comporta sempre una maggiorazione del costo del premio assicurativo. È però particolarmente utile poiché i danni causati in queste occasioni possono essere particolarmente ingenti.

Ci sono anche clausole di rivalsa più economiche, che non escludono del tutto la possibilità della compagnia di rinunciare alla rivalsa, ma prevedono un limite.

Una tipologia di clausole di rivalsa a cui fare molta attenzione è quella relativa all’identità del guidatore: molte compagnie concedono sconti in caso di unico conducente, oppure se ci si impegna a non far guidare il veicolo a persone sotto una certa età.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE