Risarcimento danno: come funziona

Per risarcimento danno si intende la somma pagata dall’assicurazione al suo assicurato quando nel sinistro si verifica uno dei danni coperti dalla polizza auto stipulata.

La procedura del risarcimento danno prende il via con la denuncia del sinistro alla propria società assicurativa entro i tre giorni successivi all’incidente.

In caso di incidente lieve tra due automobili italiane verificatosi in Italia, le nuove norme sul risarcimento diretto consentono di ottenere il risarcimento dalla propria compagnia assicurativa anche nel caso il modulo di constatazione amichevole d’incidente (Cai) non sia stato firmato da entrambi le parti. In questo caso, il risarcimento danni avverrà entro 60 giorni.

Nel caso in cui si verifichi l’accordo tra le parti e il Cai presenti entrambi le firme degli automobilisti coinvolti nell’incidente, si potrà ottenere il risarcimento della propria compagnia entro 30 giorni.

Nel processo di risarcimento danni il perito svolge un ruolo fondamentale.

Soggetto terzo rispetto alle parti coinvolte nel sinistro, il perito determina la valutazione e la relativa quantificazione economica del danno. Tramite la perizia dunque l’assicurazione è in grado di quantificare l’importo da proporre all’assicurato.

La proposta di risarcimento danni può essere accettata o rifiutata. In caso di rifiuto si può decidere di procedere in giudizio.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE