assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Quando la colpa è di tutti: la responsabilità solidale

Quando avviene un incidente stradale, la legge vuole che il conducente, reo di averlo provocato, debba rispondere e pagare per i danni provocati a terzi. Ora, se le vetture coinvolte sono più di una e i responsabili del sinistro più di uno, entra in gioca la responsabilità solidale. Cerchiamo di capire e chiarire.

Scontro tra più automobili. Un pedone, che attraversava la strada in quel momento, viene coinvolto. Non è possibile accertare di chi sia concretamente la colpa dell’incidente tra i diversi conducenti perché tutti, con le loro singoli azioni, in parte responsabili. Ciò significa che ciascun automobilista viene ritenuto responsabile dei danni provocati al povero pedone in concorso di colpa. In questo caso, quindi, si parla di responsabilità solidale.

Secondo quanto stabilisce l’art.2055 C.C., il sopradetto sinistro stradale, infatti, viene concepito come un evento unitario che ha avuto origine da più condotte illecite. Ciò implica che tutti i conducenti responsabili  sono chiamati a rispondere di tale colpa e, perciò, anche del rimborso al pedone sempre sopradetto.

Il danneggiato può quindi avvalersi della responsabilità solidale e richiedere a chiunque dei conducenti responsabili dell’incidente di pagare anche l’intero rimborso del danno. Nel momento in cui uno di questi paga totalmente la somma dovuta al soggetto danneggiato, potrà rivalersi poi nei confronti degli altri colpevoli e responsabili.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto?

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? Sei appena stato multato per eccesso di velocità e vuoi sapere se ci saranno ripercussioni anche sul premio della tua assicurazione auto? Allora questo è il posto giusto per te! Come saprai, il codice stradale italiano non prevede un unico limite di sicurezza su strada. A determinarlo

CONTINUA A LEGGERE