Il recesso, modalità e tempi

Il recesso dall’assicurazione consiste nella facoltà delle parti di ritirarsi dal contratto di assicurazione sottoscritto.

Si può decidere di recedere da un contratto di assicurazione in seguito a un sinistro o per passare ad un’altra compagnia oppure semplicemente per disdire la polizza a proprio carico.

Dopo un sinistro il recesso dal contratto è possibile nei casi previsti dalle varie clausole, fino a sessanta giorni dal pagamento o dal rifiuto di indennizzo.

Nel caso dell’assicuratore tali clausole non devono essere considerate vessatorie nei confronti dell’assicurato. La compagnia assicurativa deve, inoltre, dare un preavviso di recesso di almeno trenta giorni rispetto alla data di recesso e deve essere rimborsato il cliente assicurato per la parte del premio netto relativa al periodo di tempo non coperto.

L’assicurato può, invece, inviare la lettera di disdetta almeno trenta giorni prima della scadenza. Nel caso particolare in cui il premio assicurativo sia aumentato più del tasso di inflazione, il recesso dall’assicurazione da parte del cliente assicurato può essere dato anche entro il giorno di scadenza. Le comunicazioni di disdetta e di recesso sono effettuate mediante raccomandata con ricevuta di ritorno.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto giornaliera: quanto costa?

Assicurare il proprio veicolo soltanto per un giorno? Con l’assicurazione auto giornaliera è possibile. Questa soluzione permette di avere la copertura assicurativa per 24 ore. Si tratta di una polizza RCA temporanea che è particolarmente indicata in alcune occasioni. Scopriamo quali sono, quando conviene e quanto costa. Cos’è l’assicurazione auto giornaliera L’assicurazione auto giornaliera è

CONTINUA A LEGGERE

Mutuo prima casa giovani: come richiedere le agevolazioni

Il mutuo prima casa giovani è un finanziamento a tasso agevolato legato alla condizione personale o lavorativa. Attraverso questo istituto lo Stato agevola fiscalmente categorie con contratti di lavoro atipici o precari, ma non solo. Tramite questi fondi di garanzia, accessibili in via preferenziale a persona appartenenti a specifiche classi sociali o in possesso di

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione furto casa: come funziona

L’assicurazione furto casa copre i danni derivanti dalla sottrazione di oggetti appartenenti all’immobile dell’assicurato. Il furto in casa è uno dei reati più abietti e scioccanti, in quanto colpisce nel luogo protetto per antonomasia. Sebbene nell’ultimo biennio il dato italiano sia calato dell’8,5%, nell’ultimo anno registrato i topi di appartamento hanno fatto visita a oltre

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Protezioni moto: quali sono obbligatorie?

Quello delle protezioni moto è un tema particolarmente dibattuto tra i centauri. Quella tra look e sicurezza dovrebbe essere una sfida impari, eppure non sono pochi i motociclisti (soprattutto dell’ultima ora) che sembrano preferire un outfit di grido sacrificando la propria incolumità. Con i pericoli della strada, però, non si scherza. Le 687 vittime nel

CONTINUA A LEGGERE

Come pagare il bollo auto online: la procedura

È possibile pagare il bollo auto online? Il bollo automezzi è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Il versamento va effettuato ogni anno, indipendentemente dall’utilizzo o meno di auto o moto. Si tratta infatti di un contributo legato al possesso e non all’utilizzo del bene. Come si corrisponde e

CONTINUA A LEGGERE

Cambio domicilio: come e dove farlo, documenti

Hai bisogno di fare un cambio domicilio e non sai come fare? Pensi di dover affrontare la stessa trafila che spetta al cambio di residenza? Niente paura. Vediamo come funziona il cambio di domicilio. Residenza e domicilio differenza Prima di tutto è importante definire la differenza tra domicilio e residenza. Entrambi sono descritti dal Codice

CONTINUA A LEGGERE

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE