Attestato di rischio: cos’è?

L’attestato di rischio è un documento che certifica i sinistri denunciati dall’assicurato nel quinquennio precedente e i sinistri che non si traducono in un aumento della classe Bonus-Malus.

Nell’attestato di rischio inoltre è indicata la classe di merito di provenienza e quella assegnata per l’anno successivo in base alla formula del Bonus-Malus.

In caso di cambio di compagnia assicurativa inoltre, a garanzia di pari trattamento, l’attestato di rischio indica la classe di conversione universale (CU) valida per tutte le compagnie d’assicurazione.

Come anticipato l’attestato di rischio ha valore quinquennale e viene consegnato in via obbligatoria dalla compagnia assicurativa all’assicurato prima della scadenza della polizza di assicurazione dell’auto.

L’attestato viene consegnato direttamente al domicilio dell’assicurato anche se il contratto prevede il rinnovo automatico o se l’assicurato ha inviato la disdetta del proprio contratto assicurativo almeno 30 giorni prima della scadenza.

È un documento da tenere in particolare cura perché consente di mantenere nella la propria classe di merito maturata negli anni pur cambiando la propria compagnia assicurativa.

Tra gli elementi necessari che devono essere contenuti all’interno dell’attestato di rischio ricordiamo: la denominazione dell’impresa assicuratrice, il numero della polizza e la sua data di scadenza, la firma dell’assicuratore, il nome del contraente e la formula tariffaria.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE